HomeNotiziePerché il Vangelo torni a stupire

Perché il Vangelo
torni a stupire

stupore
“Manteniamo le parole di Gesù come si conservano i cannoni e le sciabole nei musei: sono adatti ad essere guardati, ma non costituiscono ormai nessun pericolo, non sparano e non feriscono più”.
Così mons. Russotto, Vescovo di Caltanissetta, parla ai giovani per invitarli a vivere con stupore ed entusiasmo il rivoluzionario messaggio di salvezza di Cristo. “Questa Parola di Dio – precisa il Catechista – che è spada a doppio taglio (Eb 4,12), non ci ferisce più! Non disturba più la nostra coscienza! Eppure il Vangelo ci chiama ad essere ribelli non violenti, fascinosi segnali di vita in un tempo di morte!”.
In una società in cui prevale la precarietà e l’incertezza il Vescovo riporta l’attenzione dei giovani sulla loro relazione personale con Gesù. “La fede dovrebbe davvero farci aderire con la mente, con il cuore e con la vita a Gesù, l’Unico che possiede la chiave della nostra vera felicità, anzi è Lui stesso questa chiave e senza Gesù noi siamo nelle tenebre.” Mons. Russotto sottolinea che vivere la fede vuol dire essere capaci di speranza e aiutare gli altri a sperare affinché “ogni persona sia sempre più ‘uomo’, non un ‘uomo qualsiasi’ ma l’alter Christus, un altro Gesù!”. Quindi “la fede riguarda – continua il Catechista – non l’erudizione ma l’unzione, non la scienza ma la coscienza, non la carta ma la carne!”. Il Vescovo invita i giovani ad abbandonare la via della mediocrità e a scegliere Gesù come guida al proprio cammino: “Camminando s’apre cammino: è una via che esige il coraggio della ricerca, lo slancio dell’avventura, la fatica della credibilità.” Ma il Catechista ammette che “la via dell’impegno e delle esigenze evangeliche radicali è trovata da pochi coraggiosi autentici discepoli. Ma è l’unica che porta alla città di Dio!”. Mons. Russotto esorta a coltivare la propria fede come una casa sulla roccia. “Modellare con decisioni piccoli o grandi la propria vita – afferma il Catechista – è un’opera di saggezza, è compiere un’opera d’arte. Impresa ardua, impossibile se l’uomo si fida soltanto di se stesso e costruisce sulla fragilità della sua finitudine. Avventura affascinante e solida se l’uomo costruisce la sua opera d’arte sulla roccia della Parola viva: Cristo Gesù”.
18 agosto 2011

Agenda »

Lunedì 21 Gennaio 2019
LUN 21
MAR 22
MER 23
GIO 24
VEN 25
SAB 26
DOM 27
LUN 28
MAR 29
MER 30
GIO 31
VEN 01
SAB 02
DOM 03
LUN 04
MAR 05
MER 06
GIO 07
VEN 08
SAB 09
DOM 10
LUN 11
MAR 12
MER 13
GIO 14
VEN 15
SAB 16
DOM 17
LUN 18
MAR 19