Notizie

24 giugno 2018

Natività di san Giovanni Battista
HomeNotiziePer comunità ospitali, attraenti e trasparenti

Per comunità ospitali,
attraenti e trasparenti

semeraro_new
“Sono disposte le nostre comunità ad aderire e fare proprie, con creatività e capacità di adattamento, le scelte pastorali maturate in questi anni e riproposte dai Vescovi italiani negli odierni Orientamenti pastorali?”.
La domanda, tutt’altro che retorica, l’ha posta mons. Marcello Semeraro – Vescovo di Albano e presidente della Commissione Episcopale per la dottrina della fede, l’annuncio e la catechesi – nell’ampia relazione con cui ha presentato il documento Educare alla vita buona del Vangelo, coniugandolo con la formazione degli adulti nel cammino della Chiesa italiana.
“Educare – ha snocciolato il Vescovo – è sempre un lasciarsi sorprendere dal soggetto informazione, visto che non si conosce in anticipo quale sarà il risultato dell’intervento educativo”; è “un processo di apertura – e perciò anche di liberazione e di libertà – e di costruzione”; è avvertire che si è chiamati “non semplicemente a compiere cose buone, ma ad essere, a diventare buono…”.
Punto di partenza – e atto fondante della vita cristiana – rimane un incontro preciso: “Se un uomo non ha incontrato Cristo – ha detto mons. Semeraro, citando Benedetto XVI – non è in realtà mai nato alla fede, né potrà mai sentire il desiderio di conoscerlo, di dialogare con lui, di amarlo”.
Il cammino della catechesi – e più in generale della formazione – diventa accompagnamento per un progressivo approfondimento: “Nell’itinerario della vita cristiana, l’incontro con Cristo si ripresenta in forma sempre nuova, corrispondente alle età della vita, alle condizioni interiori e esteriori, ai mutamenti della storia personale e comunitaria”.
Decisiva – ha sottolineato mons. Semeraro – diventa la figura del testimone, che “mostra la ricerca di Dio, dà il senso della fede, offre con la sua vita il senso profondo della Vita e della storia”; un testimone che necessità di quella virtù basilare che è la fedeltà – “cuore della pazienza” – e che contribuisce a significare il volto materno della Chiesa”; un testimone, ancora, che vive nella misura in cui si è “credenti adulti”, capaci di trovare “nella fede il fondamento della propria vita e la chiamata a mettersi a servizio delle nuove generazioni”.
Tutto questo, ha concluso il Vescovo, impegna la vita della comunità cristiana: servono parrocchie “aperte alla speranza”, ossia “ospitali”, “attraenti” e “trasparenti”, dalla cui vita “traspaia la vita stessa di Gesù”.
20 giugno 2011

Agenda »

Domenica 24 Giugno 2018
LUN 18
MAR 19
MER 20
GIO 21
VEN 22
SAB 23
DOM 24
LUN 25
MAR 26
MER 27
GIO 28
VEN 29
SAB 30
DOM 01
LUN 02
MAR 03
MER 04
GIO 05
VEN 06
SAB 07
DOM 08
LUN 09
MAR 10
MER 11
GIO 12
VEN 13
SAB 14
DOM 15
LUN 16
MAR 17
Nessun Evento