HomeNotizieNuove chiese, dialogo tra arte e liturgia

Nuove chiese, dialogo
tra arte e liturgia

chiesa
 
Martedì 30 aprile, presso il Museo delle Arti del XXI secolo, Mons. Mariano Crociata ha inaugurato la mostra “21 per XXI”, nata dalla collaborazione tra il Servizio Nazionale per l’edilizia di culto e il Museo delle Arti del XXI secolo. Nell’Auditorium del MAXXI si è svolta la presentazione dei tre vincitori del concorso che la CEI bandisce da ormai quindici anni per costruire nuove chiese, chiamando committenti, architetti e artisti, teologi e liturgisti a confrontarsi per elaborare i nuovi progetti.
Proprio su tale sinergia si è soffermato il Segretario Generale della CEI: “La collaborazione tra CEI e MAXXI costituisce un segno tangibile di quella ricercata alleanza tra arte e fede, tra cultura e spiritualità, tra Chiesa e artisti, tanto auspicata dal Concilio Vaticano II”.
Mons. Crociata, dopo aver richiamato il magistero ecclesiale, ha evidenziato che “di un sapiente e rigoroso discernimento teologico-pastorale fa parte un duplice impegno: da un lato non prendere le distanze dall’arte contemporanea, non fuggirla né denigrarla, ma sapersi rapportare e lasciarsi interpellare da essa; dall’altro, favorire un più profondo legame dell’arte con la fede, con la simbolicità propria e specifica dell’edificio di culto nella sua totalità, indirizzando la potenza espressiva dell’arte verso il vissuto della liturgia e al suo servizio”.
La mostra, aperta dal 2 maggio al 2 giugno, prevede un incontro giovedì 16 maggio, alle 17.30, al quale intervengono Giuseppe Busani, Vittorio Gregoretti e Mimmo Paladino, oltre a Giovanna Melandri, Presidente della Fondazione MAXXI (www.fondazionemaxxi.it)
30 Aprile 2013

Agenda »

Sabato 29 Febbraio 2020
LUN 24
MAR 25
MER 26
GIO 27
VEN 28
SAB 29
DOM 01
LUN 02
MAR 03
MER 04
GIO 05
VEN 06
SAB 07
DOM 08
LUN 09
MAR 10
MER 11
GIO 12
VEN 13
SAB 14
DOM 15
LUN 16
MAR 17
MER 18
GIO 19
VEN 20
SAB 21
DOM 22
LUN 23
MAR 24
Centro Studi per la scuola cattolica Seminario di Studio:Come stanno cambiando i bambini
Il seminario intende analizzare l´identità dei bambini nella fascia di età copresa tra i 3 e i 10 anni, a trent´anni dalla dichiarazione dei diritti del fanciullo 1989. Si vuole offrie l´occasione per analizzare  se e come stiano cambiando le generazioni dei giovanissimi dal punto di vista cognitivo, emotivo, comunicativo, relazionale, per verificare quanto il cambiamento sia un fatto effettivamente nuovo e il segnale di una nuova epoca.