HomeNotizie“Non rassegnatevi alla passività”

“Non rassegnatevi
alla passività”

“L’idea di fondo è questa: non occorre, o forse non vale la pena, impegnarsi, lottare, sacrificarsi, appassionarsi per qualcosa e soprattutto per qualcuno”. Comincia con un paradosso la catechesi di mons. Cancian, Vescovo di Città di Castello, nella terza giornata di incontri con i giovani.

“Secondo una ricerca europea l’Italia è il Paese con la percentuale più alta di giovani inattivi, cioè passivi”, afferma dolente il Catechista, e “ciò contrasta non solo con la fede, ma anche con la ragione”, perché noi “siamo chiamati a «fermentare» l’umanità e a promuovere la rivoluzione dell’Amore misericordioso”.
E’ un appello alla santità quello di mons. Cancian, che, conoscendo i giovani avverte che “non c’è paradiso senza di Lui: i paradisi artificiali sono inferni, nei quali prevalgono egoismi, divisioni, orge, sballo, vita che porta… alla morte”.
Il futuro, ricorda, è legato al cammino di santità di ciascuno. Responsabilizza i giovani, il Vescovo, li incoraggia e, in maniera concreta, conclude: la carità “è fatta di semplici gesti: un sorriso, una parola, un aiuto concreto. Parte dal prossimo e arriva al nemico. In ogni caso è segno della presenza di Dio, una sua carezza”.
20 agosto 2011

Agenda »

Lunedì 21 Gennaio 2019
LUN 21
MAR 22
MER 23
GIO 24
VEN 25
SAB 26
DOM 27
LUN 28
MAR 29
MER 30
GIO 31
VEN 01
SAB 02
DOM 03
LUN 04
MAR 05
MER 06
GIO 07
VEN 08
SAB 09
DOM 10
LUN 11
MAR 12
MER 13
GIO 14
VEN 15
SAB 16
DOM 17
LUN 18
MAR 19