HomeNotizieNessuno spazio per l’indifferenza
Pace

Nessuno spazio per l’indifferenza

Pace

È stato pubblicato il Messaggio di Papa Francesco per la 49.ma Giornata mondiale della pace (1° gennaio 2016), che ha come tema “Vinci l’indifferenza e conquista la pace”. Nonostante guerre, persecuzioni, terrorismo, il Papa ha voluto evidenziare come ci siano segnali di speranza che l’uomo può “superare il male e non abbandonarsi alla rassegnazione e all’indifferenza”.
Diverse le forme di indifferenza prese in esame dal Pontefice: da quella verso Dio a quella nei confronti del prossimo, da quella verso il rispetto dei diritti a quella nei confronti dell’ambiente. Per uscire da questo circolo vizioso l’unica via possibile, afferma il Santo Padre, è quella della conversione del cuore, dall’indifferenza alla misericordia. L’invito, esplicito, è quello a “fermarsi davanti alle sofferenze di questo mondo per alleviarle, alle ferite degli altri per curarle, con i mezzi di cui si dispone, a partire dal proprio tempo, malgrado le tante occupazioni”.
Francesco ha poi invitato anche gli Stati a concreti gesti di pace nel Giubileo della Misericordia: verso i detenuti (abolizione della pena di morte e valutazione della possibilità dell’amnistia), verso i migranti, verso chi è senza lavoro, terra e tetto, verso i malati (accesso alle cure per tutti).
In conclusione il Papa ha voluto formulare un triplice appello: no alla guerra, cancellazione del debito verso i Paesi più poveri, politiche di cooperazione rispettose dei valori dei popoli e del diritto alla vita dei nascituri.

In allegato il testo del Messaggio

15 Dicembre 2015

Agenda »

Sabato 29 Febbraio 2020
LUN 24
MAR 25
MER 26
GIO 27
VEN 28
SAB 29
DOM 01
LUN 02
MAR 03
MER 04
GIO 05
VEN 06
SAB 07
DOM 08
LUN 09
MAR 10
MER 11
GIO 12
VEN 13
SAB 14
DOM 15
LUN 16
MAR 17
MER 18
GIO 19
VEN 20
SAB 21
DOM 22
LUN 23
MAR 24
Centro Studi per la scuola cattolica Seminario di Studio:Come stanno cambiando i bambini
Il seminario intende analizzare l´identità dei bambini nella fascia di età copresa tra i 3 e i 10 anni, a trent´anni dalla dichiarazione dei diritti del fanciullo 1989. Si vuole offrie l´occasione per analizzare  se e come stiano cambiando le generazioni dei giovanissimi dal punto di vista cognitivo, emotivo, comunicativo, relazionale, per verificare quanto il cambiamento sia un fatto effettivamente nuovo e il segnale di una nuova epoca.