HomeNotizieNessuno escluso
Santa Sede

Nessuno escluso

230115-031

Presentato il Messaggio del Papa per la II Giornata Mondiale dei Poveri, che sarà celebrata il 18 novembre 2018. “Questo povero grida e il Signore lo ascolta” è il tema di quest’anno.

Il testo porta la data del 13 giugno, festa di S. Antonio Patrono dei Poveri e si sviluppa, ispirandosi al versetto del Salmo 34 scelto come tema, intorno a 3 verbi: “gridare”, “rispondere” e “liberare”.

“Nessuno – scrive Francesco – può sentirsi escluso dall’amore del Padre, specialmente in un mondo che eleva spesso la ricchezza a primo obiettivo e rende chiusi in sé stessi”.

Per riconoscere la voce dei poveri, aggiunge il Papa, abbiamo bisogno di silenzio. “Se parliamo troppo noi – ammonisce – non riusciremo ad ascoltare loro. Spesso, ho timore che tante iniziative pur meritevoli e necessarie, siano rivolte più a compiacere noi stessi che a recepire davvero il grido del povero”.

“La sollecitudine dei credenti – aggiunge ancora – non può limitarsi a una forma di assistenza – pur necessaria e provvidenziale in un primo momento –, ma richiede quella «attenzione d’amore» (Evangelii gaudium, 199) che onora l’altro in quanto persona e cerca il suo bene”.

In conclusione del testo l’invito a celebrare la Giornata del 18 novembre come “momento privilegiato di nuova evangelizzazione”.

“I poveri ci evangelizzano, – conclude il Papa – aiutandoci a scoprire ogni giorno la bellezza del Vangelo. Non lasciamo cadere nel vuoto questa opportunità di grazia”.

14 Giugno 2018

Agenda »

Sabato 29 Febbraio 2020
LUN 24
MAR 25
MER 26
GIO 27
VEN 28
SAB 29
DOM 01
LUN 02
MAR 03
MER 04
GIO 05
VEN 06
SAB 07
DOM 08
LUN 09
MAR 10
MER 11
GIO 12
VEN 13
SAB 14
DOM 15
LUN 16
MAR 17
MER 18
GIO 19
VEN 20
SAB 21
DOM 22
LUN 23
MAR 24
Centro Studi per la scuola cattolica Seminario di Studio:Come stanno cambiando i bambini
Il seminario intende analizzare l´identità dei bambini nella fascia di età copresa tra i 3 e i 10 anni, a trent´anni dalla dichiarazione dei diritti del fanciullo 1989. Si vuole offrie l´occasione per analizzare  se e come stiano cambiando le generazioni dei giovanissimi dal punto di vista cognitivo, emotivo, comunicativo, relazionale, per verificare quanto il cambiamento sia un fatto effettivamente nuovo e il segnale di una nuova epoca.