HomeNotizie“Nelle radici cristiane la forza del progetto europeo”

“Nelle radici cristiane
la forza del progetto europeo”

Comece
Mons. Gianni Ambrosio, vescovo di Piacenza-Bobbio, insieme ad altri tre Vescovi, è stato nominato vicepresidente della Comece, la Commissione degli episcopati della Comunità europea, che ha eletto come presidente il card. Reinhard Marx, arcivescovo di Monaco e Frisinga.
In un’intervista a Sir Europa, mons. Ambrosio afferma: “Forse parecchi hanno pensato – e pensano tuttora – che la Chiesa, in particolare con il magistero dei Papi, chiedesse all’Europa di guardare semplicemente al passato, a esempio con il riferimento alle radici cristiane. Ma proprio perché vuole guardare al futuro, l’Europa non può negare le sue origini, la sua identità. La memoria del passato è decisiva per avere un ideale trainante nella progettazione dell’oggi e del domani. Una comunità di valori – è il progetto europeo – che trascura i suoi valori fondanti, rischia l’apostasia da se stessa prima ancora che da Dio”.
Nato a Santhià il 23 dicembre 1943, mons. Ambrosio negli anni Settanta ha conseguito gli studi a Parigi all’Institut Catholique e all’École Pratique des Hautes Études della Sorbona dove ha ottenuto il diploma di specializzazione in sociologia della religione. È stato direttore del settimanale diocesano di Vercelli, il “Corriere Eusebiano”.
23 Marzo 2012

Agenda »

Sabato 29 Febbraio 2020
LUN 24
MAR 25
MER 26
GIO 27
VEN 28
SAB 29
DOM 01
LUN 02
MAR 03
MER 04
GIO 05
VEN 06
SAB 07
DOM 08
LUN 09
MAR 10
MER 11
GIO 12
VEN 13
SAB 14
DOM 15
LUN 16
MAR 17
MER 18
GIO 19
VEN 20
SAB 21
DOM 22
LUN 23
MAR 24
Centro Studi per la scuola cattolica Seminario di Studio:Come stanno cambiando i bambini
Il seminario intende analizzare l´identità dei bambini nella fascia di età copresa tra i 3 e i 10 anni, a trent´anni dalla dichiarazione dei diritti del fanciullo 1989. Si vuole offrie l´occasione per analizzare  se e come stiano cambiando le generazioni dei giovanissimi dal punto di vista cognitivo, emotivo, comunicativo, relazionale, per verificare quanto il cambiamento sia un fatto effettivamente nuovo e il segnale di una nuova epoca.