HomeNotizieMaternità senza frontiere
Migranti

Maternità senza frontiere

Migranti

Presentata a Roma la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato 2015, in calendario per domenica  18 gennaio. Il Vescovo di Agrigento Francesco Montenegro (presidente della Fondazione Migrantes e prossimo cardinale) ha ricordato “anzitutto la necessità per le nostre comunità di condividere il viaggio di molti migranti” e poi, citando Papa Francesco, come “alla globalizzazione del fenomeno migratorio occorra rispondere con la globalizzazione della carità e della cooperazione”.
Nel solo 2014, ha aggiunto Mons. Gian Carlo Perego, direttore della Fondazione Migrantes, sulle nostre coste sono sbarcate 170.000 persone, il triplo di quelle giunte nel 2012/2013. All’Europa, ha aggiunto concludendo il proprio intervento, è richiesto “uno sforzo maggiore non per presidiare le frontiere, ma per superarle a tutela della dignità della persona umana”.
In allegato il testo dei due interventi menzionati e l’introduzione di Mons. Domenico Pompili, Sottosegretario CEI e direttore dell’Ufficio Nazionale per le comunicazioni sociali, che ha moderato la conferenza stampa.

13 Gennaio 2015

Agenda »

Domenica 26 Gennaio 2020
LUN 20
MAR 21
MER 22
GIO 23
VEN 24
SAB 25
DOM 26
LUN 27
MAR 28
MER 29
GIO 30
VEN 31
SAB 01
DOM 02
LUN 03
MAR 04
MER 05
GIO 06
VEN 07
SAB 08
DOM 09
LUN 10
MAR 11
MER 12
GIO 13
VEN 14
SAB 15
DOM 16
LUN 17
MAR 18
Ufficio Nazionale per la pastorale della salute Corso di formazione per diaconi permanenti in pastorale della salute
Questa formazione si fonderà su una chiara posizione teologica rispetto al sacramento dell’ordine nel grado del diaconato permanente, sull’acquisizione di una sensibilità specifica al dolore innocente e la maturazione di una risposta matura di servizio di fronte ad ogni sofferenza. Altra necessità sarà la disponibilità a riconoscere i temi attuali di bioetica che si incontrano nel ministero.Le due giornate di Assisi 2020 fanno seguito alla prima giornata sul diaconato permanente in pastorale della salute realizzata nel 2018 e ai laboratori dedicati al tema realizzati negli ultimi due Convegni nazionali di Pastorale della Salute.L’intenzione è di salire un ulteriore gradino verso la definizione di un percorso completo di formazione e inquadramento, sia iniziali che continuativi, del diaconato permanente dedicato alla pastorale della salute; ministero che è chiamato a contribuire in modo determinante -quale ministero soglia- alla Chiesa in uscita, a patto di raggiungere maggior chiarezza identitaria, prima ancora che operativa e di impegno.Programma