HomeNotizieLe sfide: migranti, creato, cultura

Le sfide: migranti,
creato, cultura

Il fenomeno delle migrazioni, la tutela del Creato, le sfide culturali. Sono questi alcuni ambiti di intervento che richiedono una testimonianza coerente da parte dei cristiani. E soprattutto dei giovani. Lo ha ricordato mons. Domenico Mogavero, vescovo di Mazara del Vallo, precisando che “la vita cristiana non può essere concepita come luogo di tranquillo godimento di una verità contemplata e di una spiritualità disincarnata”.

“Il campo di azione del cristiano non è il recinto sicuro delle nostre chiese e dei locali di ministero pastorale, ma piuttosto il terreno più a rischio delle nostre città, della scuola, dell’ambiente di lavoro, delle dimore familiari, del tempo libero, della sofferenza, della politica”, ha scandito il Catechista.
Nel suo intervento, mons. Mogavero ha voluto puntare l’attenzione sulle migrazioni, “considerate nella fase emergenziale che ha contrassegnato questi mesi del 2011, ma soprattutto sulle problematiche connesse con l’integrazione delle diverse tipologie di immigrati”.
“L’accoglienza e il dialogo – ha osservato – sono le due opzioni che consentono di affrontare la questione correttamente e non sotto la pressione di implicanze emotive, che facilmente fanno perdere l’esatta dimensione della problematica”. In questo senso, ha continuato, “credo che come cristiani non possiamo assolutamente accettare una scelta discriminatoria quale quella dei respingimenti perché contraria in modo netto e inequivocabile al messaggio evangelico”. Ai giovani che lo ascoltavano poi il Vescovo ha parlato della questione ambientale che “chiede di risolvere il problema della destinazione e dell’uso dei beni della terra, con particolare attenzione al rispetto delle risorse naturali e all’accesso ad esse”.
“La conversione ecologica – ha detto – rappresenta l’opzione metodologica prioritaria che coinvolge tutti perché si fonda sull’adozione di stili di vita sobri che, salvaguardando le risorse essenziali della terra attraverso un uso saggio e oculato di esse, possono garantire le condizioni minime per una qualità della vita degna dell’uomo, figlio di Dio”.
Mons. Mogavero si è soffermato infine sulle “sfide culturali che il nostro tempo pone alla comunità ecclesiale e che hanno determinato i vescovi italiani a pensare a un progetto culturale ispirato in senso cristiano” che deve essere inteso “non come un nuovo impegno da realizzare, ma piuttosto come un modo di essere della Chiesa in Italia in questo nostro tempo, con riferimento alla crisi indotta anche nel nostro Paese dalla frattura tra fede e cultura”. Per il Catechista infatti “l’inculturazione della fede e l’evangelizzazione delle culture restano due opzioni di fondo che i progetti pastorali delle Chiese particolari dovranno tradurre e attualizzare”.
19 agosto 2011

Agenda »

Venerdì 24 Maggio 2019
LUN 20
MAR 21
MER 22
GIO 23
VEN 24
SAB 25
DOM 26
LUN 27
MAR 28
MER 29
GIO 30
VEN 31
SAB 01
DOM 02
LUN 03
MAR 04
MER 05
GIO 06
VEN 07
SAB 08
DOM 09
LUN 10
MAR 11
MER 12
GIO 13
VEN 14
SAB 15
DOM 16
LUN 17
MAR 18
Ufficio Catechistico Nazionale Consulta Nazionale UCN
Ufficio Catechistico Nazionale Gruppo di Lavoro sui Linguaggi
Ufficio Nazionale per l‘educazione, la scuola e l‘università Consulta Nazionale per l‘educazione, la scuola e l‘università
Il nuovo organismo dell´UCN è affidato al coordinamento di don Salvatore Soreca e don Giorgio Bezze. e ha come membri  il Prof. Michele Aglieri, Sr. Giancarla Barbon, Dott.ssa Katia Bolelli, Dott.ssa Anna Teresa Borrelli, don Andrea Cavallini, don Luigi Donati Fogliazza, don Maurizio Mirai, Prof. Don Ubaldo Montisci, P. Rinaldo Paganelli e Dott.ssa Avv. Angela Pesce.Fra i suoi obiettivi:a) proseguire il monitoraggio delle principali iniziative italiane in campo formativo, anche mediante l’utilizzo e l’arricchimento del portale www.formazionecatechisti.it;b) sostenere le realtà diocesane e associative con la stesura e la pubblicazione di un Vademecum per la formazione che recepisca gli studi più aggiornati in materia, nonché la disponibilità a interventi sul territorio per rileggere l’impostazione delle prassi formative;c) proporre nell’autunno 2019 una sessione di formazione rivolta ai direttori UCD e ai referenti formativi delle diocesi, delle regioni e delle realtà associative, con particolare attenzione a quegli ambiti in cui non è già attiva un’esperienza analoga (p. es.: i rapporti tra catechesi e altre azioni ecclesiali, la costruzione di un itinerario; le resistenze consce o inconsce alla formazione; i nuovi scenari della formazione degli adulti);d) formulare proposte circa la costituzione di un Settore UCN stabile dedicato alla formazione.