HomeNotizie
Solidarietà

Le Caritas e la pandemia: crescono problemi e impegno

Rimini Caritas

Durante la pandemia, di fronte alle sfide drammatiche e nonostante le forti criticità, Caritas Italiana e tutte le Caritas diocesane hanno continuato a restare accanto agli ultimi, sia pure in forme spesso nuove e adattate alle necessità contingenti.

In questo quadro va segnalata la seconda rilevazione nazionale condotta dal 3 al 23 giugno. L’indagine, attraverso un questionario strutturato destinato ai direttori/responsabili Caritas, ha approfondito vari ambiti: come cambiano i bisogni, le fragilità e le richieste intercettate nei Centri d’ascolto e nei servizi Caritas; come mutano gli interventi e le prassi operative delle Caritas alla luce di quanto sta accadendo; qual è l’impatto del Covid19 sulla creazione di nuove categorie di poveri; qual è l’impatto dell’attuale emergenza su volontari e operatori.

I dati raccolti si riferiscono a 169 Caritas diocesane, pari al 77,5% del totale.

Rispetto alla situazione ordinaria nell’attuale fase il 95,9% delle Caritas partecipanti al monitoraggio segnala un aumento dei problemi legati alla perdita del lavoro e delle fonti di reddito, mentre difficoltà nel pagamento di affitto o mutuo, disagio psicologico-relazionale, difficoltà scolastiche, solitudine, depressione, rinuncia/rinvio di cure e assistenza sanitaria sono problemi evidenziati da oltre la metà delle Caritas.

Nel dettaglio rispetto alle condizioni occupazionali si sono rivolti ai centri Caritas per lo più disoccupati in cerca di nuova occupazione, persone con impiego irregolare fermo a causa della pandemia, lavoratori precari/saltuari che non godono di ammortizzatori sociali, lavoratori dipendenti in attesa della cassa integrazione ordinaria/cassa integrazione in deroga, lavoratori autonomi/stagionali in attesa del bonus 600/800 euro, pensionati, inoccupati in cerca di prima occupazione, persone con impiego irregolare, casalinghe.

Altre questioni evidenziate sono: problemi burocratici/amministrativi, difficoltà delle persone in situazione di disabilità/handicap, mancanza di alloggio in particolare per i senza dimora, diffusione dell’usura e dell’indebitamento, violenza/maltrattamenti in famiglia, difficoltà a visitare/mantenere un contatto con parenti/congiunti in carcere, diffusione del gioco d’azzardo/scommesse.

Fondamentale accanto all’impegno degli operatori è stato l’apporto di migliaia di volontari tra cui molti giovani che nella fase acuta della pandemia hanno garantito la prosecuzione dei servizi sostituendo molti over 65 che in via precauzionale rimanevano a casa. Tra operatori e volontari sono stati 179 quelli positivi al Covid-19, di cui 95 ricoverati e 20 purtroppo deceduti.

Piccoli segnali positivi arrivano dal 28,4% delle Caritas che, dopo il forte incremento dello scorso monitoraggio, con la fine del lockdown hanno registrato un calo delle domande di aiuto.

Non tutte le Caritas interpellate hanno quantificato con precisione le persone accompagnate e sostenute da marzo a maggio, che comunque, dalle risposte parziali pervenute, risultano quasi 450.000, di cui il 61,6% italiane. Di queste  il  34% sono “nuovi poveri”, cioè persone che per la prima volta si sono rivolte alla Caritas. 92.000 famiglie in difficoltà hanno avuto accesso a fondi diocesani, oltre 3.000 famiglie hanno usufruito di attività di supporto per la didattica a distanza e lo smart working537 piccole imprese hanno ricevuto un sostegno. Complessivamente – grazie al fiorire di iniziative di solidarietà e al contributo che la Conferenza Episcopale Italiana ha messo a disposizione dai fondi dell’otto per mille che i cittadini destinano alla Chiesa cattolica – i servizi forniti sono stati molteplici: dispositivi di protezione individuale/fornitura igienizzanti, pasti da asporto/consegne a domicilio, servizi di ascolto e accompagnamento telefonico, acquisto farmaci e prodotti sanitari, ascolti in presenza su appuntamento, supporto/orientamento rispetto alle misure messe in atto dalle amministrazioni/governo, assistenza domiciliare, attività di sostegno per nomadi, giostrai e circensi, servizi di supporto psicologico, rimodulazione dei servizi per senza dimora, accompagnamento alla dimensione del lutto, sportelli medici telefonici, aiuto per lo studio/doposcuola, alloggio per quarantena/isolamento, presenza in ospedale/Rsa, accoglienza infermieri e medici.

01 Luglio 2020

Agenda »

Mercoledì 27 Ottobre 2021
LUN 25
MAR 26
MER 27
GIO 28
VEN 29
SAB 30
DOM 31
LUN 01
MAR 02
MER 03
GIO 04
VEN 05
SAB 06
DOM 07
LUN 08
MAR 09
MER 10
GIO 11
VEN 12
SAB 13
DOM 14
LUN 15
MAR 16
MER 17
GIO 18
VEN 19
SAB 20
DOM 21
LUN 22
MAR 23
Servizio Nazionale per la pastorale giovanile Con il Passo Giusto 2021
XXVI Incontro dei nuovi incaricati di Pastorale Giovanile Dal 25 al 28 ottobre 2021 in Val D’Aosta sono invitati i nuovi incaricati di Pastorale Giovanile e  membri  delle loro equipe, i  responsabili di pastorale giovanile delle Associazioni, i Movimenti e delle Congregazioni religiose, per un percorso di formazione che vuole motivare il servizio affidato soprattutto in questo tempo difficile di pandemia.  
Mercoledì 27 ottobre, dalle 10.00 13.00  si svolgerà un corso dedicato a due funzionalità del modulo contabile del SIDIOpen: Impegni e Centri di Costo.Per partecipare, è necessario iscriversi attraverso la procedura online e attendere la conferma, che si riceverà per email.L’accesso alla procedura di iscrizione è possibile anche dal sito https://servizioinformatico.chiesacattolica.it , dove si trova il programma dettagliato del corso, riportato anche come allegato al presente messaggio.Il 26 ottobre mattina gli iscritti riceveranno per email il link per il collegamento alla webconference, che verrà aperta il 27 ottobre a partire dalle 9.30, per consentire i test di collegamento.Per ulteriori informazioni sul corso contattare il numero dell’Assistenza SIDI (848-580167 / 075 9043500 da cellulare) o l’indirizzo e-mail winsidi@chiesacattolica.it. 
Ufficio Nazionale per la pastorale delle vocazioni Gruppo di Lavoro sul prossimo Seminario di Direzione Spirituale
Il Gruppo di Lavoro si riunisce in presenza per un incontro di preparazione sul prossimo Seminario di Direzione Spiritualein programma dal 19 al 22 aprile 2022 sul tema ´ "Un corpo mi hai dato" (Eb 10,5), Accompagnare la vocazione tra limite e desiderio´.Per consultare le precedenti edizioni del Seminario, clicca qui.
Servizio Nazionale per la pastorale delle persone con disabilita‘ Conferenza stampa di presentazione del progetto "Casa Roma" (Roma)
Questa la pagina del sito dedicata all'iniziativa.
Incontri mensili online dedicati ai referenti territoriali di pastorale della salute
Commissione Episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace Incontro organizzativo per 54ª Marcia Nazionale per la pace
Mercoledì 27 ottobre 2021 alle ore 15:30 sono convocati in videoconferenza gli organizzatori della 54ª Marcia per la pace che si svolgerà nella diocesi di Savona-Noli il 31 dicembre 2021.All´Ordine del Giorno: Analisi bozza di programma preparato dalla diocesi di Savona-Noli Attività in preparazione alla Giornata Mondiale della pace (1° gennaio 2022) Varie ed eventuali
Servizio Nazionale per la pastorale delle persone con disabilita‘ Incontro online con il Gruppo Interdisciplinare di Osservazione e Studio sulla Disabilità