HomeNotizieLa pietra non ha segregato la luce

La pietra non ha
segregato la luce

pasqua
“Quella grande pietra, fatta rotolare perché sigillasse per sempre le viscere della terra, ci procura un brivido, quasi una sentenza perentoria e inappellabile. Quella pietra tombale rappresenta il peso e la durezza della insensibilità del mondo davanti alla luce: Dio è venuto nel tempo per illuminarlo con il suo amore, per liberare la libertà malata degli uomini. Ed è stato sepolto sotto ad una grande pietra”.

Nella notte di Pasqua il Card. Angelo Bagnasco, Arcivescovo Metropolita di Genova e Presidente della CEI, ha aggiunto: “La storia non è mai finita, si ripete cambiando modalità e tempi, ma rimane uguale per alcuni aspetti di fondo. Perché questo? Non potrà mai esserci un effettivo crescere del bene, della vera civiltà, di una umanità nuova e migliore? Siamo condannati ad un eterno e pesante ritorno delle cose? A rimanere sempre uguali, impossibilitati di vedere un mondo nuovo?”
(Nella foto, Resurrezione di Francesco Fontebasso, Trento)
23 Aprile 2011

Agenda »

Venerdì 21 Febbraio 2020
LUN 17
MAR 18
MER 19
GIO 20
VEN 21
SAB 22
DOM 23
LUN 24
MAR 25
MER 26
GIO 27
VEN 28
SAB 29
DOM 01
LUN 02
MAR 03
MER 04
GIO 05
VEN 06
SAB 07
DOM 08
LUN 09
MAR 10
MER 11
GIO 12
VEN 13
SAB 14
DOM 15
LUN 16
MAR 17
Servizio Nazionale per la pastorale delle persone con disabilita‘ Incontro "Barriere, Accessibilità e Chiese"