HomeNotizieLa partita della solidarietà

La partita
della solidarietà

terremoto
 
Superati i 10 milioni di euro di offerte di cui oltre 7 milioni provenienti dalla colletta effettuata in tutte le parrocchie del Paese lo scorso 10 giugno per i progetti di Caritas Italiana per le popolazioni colpite dal terremoto dello scorso maggio in Emilia Romagna, Lombardia e Veneto. Venerdì 24 agosto anche la Serie B scende in campo nella prima partita di campionato a sostegno delle iniziative di ricostruzione Caritas.
A seguito della raccolta in tutte le parrocchie dello scorso 10 giugno, superano i 7 milioni di euro le offerte finora pervenute a Caritas Italiana per le attività di ricostruzione e di sostegno alle popolazioni colpite, ai quali vanno aggiunti i 3 milioni di euro subito stanziati dalla Conferenza Episcopale Italiana in fase di emergenza.
Da tutta Italia e anche dalle Caritas estere continuano ad arrivare manifestazioni di solidarietà e di sostegno. Prima della partita di questa sera Modena-Hellas Verona, che segna l’avvio del campionato 2012-2013 Serie bwin, il presidente della Lega Serie B, Andrea Abodi, consegnerà a Caritas Italiana la somma di 150mila euro raccolta in occasione delle otto gare di play off e play out disputate nella stagione 2011/12. La cifra servirà a finanziare una serie di interventi di riqualificazione su strutture sportive indicate da Caritas Italiana d’intesa con le Caritas diocesane coinvolte e le istituzioni locali, nell”ambito delle iniziative promosse dall”Istituto di Credito Sportivo.
E proprio per coordinare meglio i vari interventi di Caritas Italiana è stato attivato un centro di coordinamento a Mirandola, visitato da S.E. Mons. Giuseppe Merisi, Presidente di Caritas Italiana, il 14 agosto scorso, accompagnato dagli operatori presenti sul posto subito dopo il sisma.
Sono stati inoltre avviati i gemellaggi, che coinvolgono 185 parrocchie e 17 zone pastorali con l’impegno delle Delegazioni regionali Caritas di tutta Italia. Ogni delegazione regionale ha fatto varie visite nelle zone gemellate, incontrando i parroci, gli operatori pastorali e l”équipe Caritas per definire un percorso che durerà nel tempo e che sarà un cammino condiviso tra chiese sorelle. Per garantire risposte adeguate alle singole realtà su un territorio così ampio, si prevede la realizzazione in alcuni dei comuni maggiormente colpiti dei cosiddetti “Centri di Comunità”, (strutture polifunzionali per attività. liturgiche, sociali e ricreative), secondo quattro tipologie, da 150 a 330 mq, in riferimento alla popolazione e alle parrocchie coinvolte. Sono anche in progettazione strutture per servizi sociali e caritativi, servizi in risposta alle vecchie e nuove povertà, e fondamentale sarà anche la progettazione sociale per la ripresa socio-economica del territorio.
23 agosto 2012

Agenda »

Domenica 18 Novembre 2018
LUN 12
MAR 13
MER 14
GIO 15
VEN 16
SAB 17
DOM 18
LUN 19
MAR 20
MER 21
GIO 22
VEN 23
SAB 24
DOM 25
LUN 26
MAR 27
MER 28
GIO 29
VEN 30
SAB 01
DOM 02
LUN 03
MAR 04
MER 05
GIO 06
VEN 07
SAB 08
DOM 09
LUN 10
MAR 11
La Pastorale della salute si muove dentro un contesto culturale che nel corso del tempo ha cercato di trovare possibili risposte al problema della sofferenza e in modo particolare alla sofferenza innocente. Oggi come non mai questo problema sfida la ragione moderna e se spesso si preferisce spostare il problema o cercare di relativizzarlo rimane sempre una domanda aperta davanti ai grandi dramma della storia umana.Rispondendo a un´esigenza manifestata da più parti di approfondire una tematica che sta particolarmente a cuore ai diaconi permanenti, si terrà ad Assisi, dal 17 al 18 novembre 2018, il Seminario di approfondimento sui temi del diaconato nel mondo della salute.Scarica il programmaIscrizioni online
Segreteria Generale 2a Giornata dei Poveri
Il corso, che si terrà ad Assisi dal 18 al 23 novembre 2018, vuole offrire a cappellani e operatori pastorali che iniziano questo ministero o che sentono l’esigenza di un’ulteriore preparazione, alcuni elementi fondamentali di pastorale della salute.Essere accanto al malato, come «presenza e azione della Chiesa per recare la luce e la grazia del Signore a coloro che soffrono e a quanti se ne prendono cura» (cfr La pastorale della salute nella Chiesa italiana n. 19) è un compito prezioso e delicato che necessita passione e formazione.ProgrammaInformazioni logistiche