Home
domenica 06 Giugno 2021

Ora Media

SS. CORPO E SANGUE DI CRISTO - SOLENNITA' - LITURGIA PROPRIA
Grandezza Testo A A A

Ora terza

V.
O Dio, vieni a salvarmi

R.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Gloria al Padre e al Figlio
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
   nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.
INNO
O Spirito Paraclito,
uno col Padre e il Figlio,
discendi a noi benigno
nell'intimo dei cuori.
Voce e mente si accordino
nel ritmo della lode,
il tuo fuoco ci unisca
in un'anima sola.
O luce di sapienza,
rivelaci il mistero
del Dio trino e unico,
fonte di eterno Amore. Amen.
Ant.
Quanto ho desiderato
        mangiare questa Pasqua con voi,
        prima di patire! Alleluia.
SALMO 117    Canto di gioia e di vittoria
Gesù è la pietra che, scartata da voi costruttori, è
diventata testata d'angolo
(At 4, 11).  
I    (1-9)
Celebrate il Signore, perché è buono; *
   eterna è la sua misericordia.
Dica Israele che egli è buono: *
   eterna è la sua misericordia.
Lo dica la casa di Aronne: *
   eterna è la sua misericordia.
Lo dica chi teme Dio: *
   eterna è la sua misericordia.
Nell'angoscia ho gridato al Signore, *
   mi ha risposto, il Signore, e mi ha tratto in salvo.
Il Signore è con me, non ho timore; *
   che cosa può farmi l'uomo?
Il Signore è con me, è mio aiuto, *
   sfiderò i miei nemici.
È meglio rifugiarsi nel Signore *
   che confidare nell'uomo.
È meglio rifugiarsi nel Signore *
   che confidare nei potenti.
II    (10-18)
Tutti i popoli mi hanno circondato, *
   ma nel nome del Signore li ho sconfitti.
Mi hanno circondato, mi hanno accerchiato, *
   ma nel nome del Signore li ho sconfitti.
Mi hanno circondato come api, †
   come fuoco che divampa tra le spine, *
   ma nel nome del Signore li ho sconfitti.
Mi avevano spinto con forza per farmi cadere, *
   ma il Signore è stato mio aiuto.
Mia forza e mio canto è il Signore, *
   egli è stato la mia salvezza.
Grida di giubilo e di vittoria, *
   nelle tende dei giusti:
la destra del Signore ha fatto meraviglie,†
   la destra del Signore si è alzata, *
   la destra del Signore ha fatto meraviglie.
Non morirò, resterò in vita *
   e annunzierò le opere del Signore.
Il Signore mi ha provato duramente, *
   ma non mi ha consegnato alla morte.
III    (19-29)
Apritemi le porte della giustizia: *
   entrerò a rendere grazie al Signore. 
È questa la porta del Signore, *
   per essa entrano i giusti.
Ti rendo grazie, perché mi hai esaudito, *
   perché sei stato la mia salvezza. 
La pietra scartata dai costruttori * 
   è divenuta testata d'angolo;
ecco l'opera del Signore: *
   una meraviglia ai nostri occhi.
Questo è il giorno fatto dal Signore: *
  rallegriamoci ed esultiamo in esso.
Dona, Signore, la tua salvezza, *
   dona, Signore, la tua vittoria!
Benedetto colui che viene nel nome del Signore. *
   Vi benediciamo dalla casa del Signore;
Dio, il Signore è nostra luce. †
   Ordinate il corteo con rami frondosi *
   fino ai lati dell'altare.
Sei tu il mio Dio e ti rendo grazie, *
   sei il mio Dio e ti esalto.
Celebrate il Signore, perché è buono: *
   eterna è la sua misericordia.
Ant.
Quanto ho desiderato
        mangiare questa Pasqua con voi,
        prima di patire! Alleluia.
LETTURA BREVE                                                   
Sap 16, 20
   Hai sfamato il tuo popolo, Signore, con il cibo degli angeli, dal cielo hai offerto loro un pane pronto senza fatica, pieno di ogni delizia e gradito a ogni gusto.
V.
Verrò all’altare di Dio, alleluia.

R.
Riceverò Cristo, che rinnova la mia giovinezza,
    alleluia.
ORAZIONE
   Signore Gesù Cristo, che nel mirabile sacramento dell’Eucaristia ci hai lasciato il memoriale della tua Pasqua, fa’ che adoriamo con viva fede il santo mistero del tuo Corpo e del tuo Sangue, per sentire sempre in noi i benefici della redenzione. Tu che vivi e regni secoli dei secoli.
       Benediciamo il Signore.

       R.
Rendiamo grazie a Dio.

Ora sesta

V.
O Dio, vieni a salvarmi

R.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Gloria al Padre e al Figlio
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
   nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.
INNO
Glorioso e potente Signore,
che alterni i ritmi del tempo,
irradi di luce il mattino
e accendi di fuochi il meriggio,
tu placa le tristi contese,
estingui la fiamma dell’ira,
infondi vigore alle membra,
ai cuori concedi la pace.
Sia gloria al Padre ed al Figlio,
sia onore al Santo Spirito,
all'unico e trino Signore
sia lode nei secoli eterni. Amen.
Ant.
Nell’ultima cena,
       Gesù prese il pane,
       lo benedisse, lo spezzò
       e lo diede ai suoi discepoli, alleluia.
SALMO 117    Canto di gioia e di vittoria
Gesù è la pietra che, scartata da voi costruttori, è
diventata testata d'angolo
(At 4, 11).  
I    (1-9)
Celebrate il Signore, perché è buono; *
   eterna è la sua misericordia.
Dica Israele che egli è buono: *
   eterna è la sua misericordia.
Lo dica la casa di Aronne: *
   eterna è la sua misericordia.
Lo dica chi teme Dio: *
   eterna è la sua misericordia.
Nell'angoscia ho gridato al Signore, *
   mi ha risposto, il Signore, e mi ha tratto in salvo.
Il Signore è con me, non ho timore; *
   che cosa può farmi l'uomo?
Il Signore è con me, è mio aiuto, *
   sfiderò i miei nemici.
È meglio rifugiarsi nel Signore *
   che confidare nell'uomo.
È meglio rifugiarsi nel Signore *
   che confidare nei potenti.
II    (10-18)
Tutti i popoli mi hanno circondato, *
   ma nel nome del Signore li ho sconfitti.
Mi hanno circondato, mi hanno accerchiato, *
   ma nel nome del Signore li ho sconfitti.
Mi hanno circondato come api, †
   come fuoco che divampa tra le spine, *
   ma nel nome del Signore li ho sconfitti.
Mi avevano spinto con forza per farmi cadere, *
   ma il Signore è stato mio aiuto.
Mia forza e mio canto è il Signore, *
   egli è stato la mia salvezza.
Grida di giubilo e di vittoria, *
   nelle tende dei giusti:
la destra del Signore ha fatto meraviglie,†
   la destra del Signore si è alzata, *
   la destra del Signore ha fatto meraviglie.
Non morirò, resterò in vita *
   e annunzierò le opere del Signore.
Il Signore mi ha provato duramente, *
   ma non mi ha consegnato alla morte.
III    (19-29)
Apritemi le porte della giustizia: *
   entrerò a rendere grazie al Signore. 
È questa la porta del Signore, *
   per essa entrano i giusti.
Ti rendo grazie, perché mi hai esaudito, *
   perché sei stato la mia salvezza. 
La pietra scartata dai costruttori * 
   è divenuta testata d'angolo;
ecco l'opera del Signore: *
   una meraviglia ai nostri occhi.
Questo è il giorno fatto dal Signore: *
  rallegriamoci ed esultiamo in esso.
Dona, Signore, la tua salvezza, *
   dona, Signore, la tua vittoria!
Benedetto colui che viene nel nome del Signore. *
   Vi benediciamo dalla casa del Signore;
Dio, il Signore è nostra luce. †
   Ordinate il corteo con rami frondosi *
   fino ai lati dell'altare.
Sei tu il mio Dio e ti rendo grazie, *
   sei il mio Dio e ti esalto.
Celebrate il Signore, perché è buono: *
   eterna è la sua misericordia.
Ant.
Nell’ultima cena,
       Gesù prese il pane,
       lo benedisse, lo spezzò
       e lo diede ai suoi discepoli, alleluia.
LETTURA BREVE                                                     
Pro 9, 1-2
   La Sapienza si è costruita la casa, ha intagliato le sue sette colonne. Ha ucciso gli animali, ha preparato il vino e ha imbandito la tavola.
V.
Hai dato a noi, Signore, un pane dal cielo, alleluia.

R.
Che porta in sé ogni dolcezza, alleluia.
ORAZIONE
   Signore Gesù Cristo, che nel mirabile sacramento dell’Eucaristia ci hai lasciato il memoriale della tua Pasqua, fa’ che adoriamo con viva fede il santo mistero del tuo Corpo e del tuo Sangue, per sentire sempre in noi i benefici della redenzione. Tu che vivi e regni secoli dei secoli.
       Benediciamo il Signore.

       R.
Rendiamo grazie a Dio.

Ora nona

V.
O Dio, vieni a salvarmi

R.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Gloria al Padre e al Figlio
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
   nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.
INNO
Signore, forza degli esseri,
Dio immutabile, eterno,
tu segni i ritmi del mondo:
i giorni, i secoli, il tempo.
Irradia di luce la sera,
fa’ sorgere oltre la morte,
nello splendore dei cieli,
il giorno senza tramonto.
Sia lode al Padre altissimo,
al Figlio e al Santo Spirito,
com’era nel principio,
ora e nei secoli eterni. Amen.
Ant.
Mentre spezzava il pane,
        i discepoli lo riconobbero:
        era il Signore Gesù, alleluia.
SALMO 117    Canto di gioia e di vittoria
Gesù è la pietra che, scartata da voi costruttori, è
diventata testata d'angolo
(At 4, 11).  
I    (1-9)
Celebrate il Signore, perché è buono; *
   eterna è la sua misericordia.
Dica Israele che egli è buono: *
   eterna è la sua misericordia.
Lo dica la casa di Aronne: *
   eterna è la sua misericordia.
Lo dica chi teme Dio: *
   eterna è la sua misericordia.
Nell'angoscia ho gridato al Signore, *
   mi ha risposto, il Signore, e mi ha tratto in salvo.
Il Signore è con me, non ho timore; *
   che cosa può farmi l'uomo?
Il Signore è con me, è mio aiuto, *
   sfiderò i miei nemici.
È meglio rifugiarsi nel Signore *
   che confidare nell'uomo.
È meglio rifugiarsi nel Signore *
   che confidare nei potenti.
II    (10-18)
Tutti i popoli mi hanno circondato, *
   ma nel nome del Signore li ho sconfitti.
Mi hanno circondato, mi hanno accerchiato, *
   ma nel nome del Signore li ho sconfitti.
Mi hanno circondato come api, †
   come fuoco che divampa tra le spine, *
   ma nel nome del Signore li ho sconfitti.
Mi avevano spinto con forza per farmi cadere, *
   ma il Signore è stato mio aiuto.
Mia forza e mio canto è il Signore, *
   egli è stato la mia salvezza.
Grida di giubilo e di vittoria, *
   nelle tende dei giusti:
la destra del Signore ha fatto meraviglie,†
   la destra del Signore si è alzata, *
   la destra del Signore ha fatto meraviglie.
Non morirò, resterò in vita *
   e annunzierò le opere del Signore.
Il Signore mi ha provato duramente, *
   ma non mi ha consegnato alla morte.
III    (19-29)
Apritemi le porte della giustizia: *
   entrerò a rendere grazie al Signore. 
È questa la porta del Signore, *
   per essa entrano i giusti.
Ti rendo grazie, perché mi hai esaudito, *
   perché sei stato la mia salvezza. 
La pietra scartata dai costruttori * 
   è divenuta testata d'angolo;
ecco l'opera del Signore: *
   una meraviglia ai nostri occhi.
Questo è il giorno fatto dal Signore: *
  rallegriamoci ed esultiamo in esso.
Dona, Signore, la tua salvezza, *
   dona, Signore, la tua vittoria!
Benedetto colui che viene nel nome del Signore. *
   Vi benediciamo dalla casa del Signore;
Dio, il Signore è nostra luce. †
   Ordinate il corteo con rami frondosi *
   fino ai lati dell'altare.
Sei tu il mio Dio e ti rendo grazie, *
   sei il mio Dio e ti esalto.
Celebrate il Signore, perché è buono: *
   eterna è la sua misericordia.
Ant.
Mentre spezzava il pane,
        i discepoli lo riconobbero:
        era il Signore Gesù, alleluia.
LETTURA BREVE                                                   
At 2, 42. 47
   I credenti erano assidui nell’ascoltare l’insegnamento degli apostoli e nell’unione fraterna, nella frazione del pane e nelle preghiere, lodando Dio e godendo la stima di tutto il popolo.
V.
Signore, rimani con noi, alleluia.

R.
Ormai si fa sera, alleluia.
ORAZIONE
   Signore Gesù Cristo, che nel mirabile sacramento dell’Eucaristia ci hai lasciato il memoriale della tua Pasqua, fa’ che adoriamo con viva fede il santo mistero del tuo Corpo e del tuo Sangue, per sentire sempre in noi i benefici della redenzione. Tu che vivi e regni secoli dei secoli.
       Benediciamo il Signore.

       R.
Rendiamo grazie a Dio.