Home
venerdì 11 Giugno 2021

Ora Media

SACRATISSIMO CUORE DI GESU' - SOLENNITA' - LITURGIA PROPRIA
Grandezza Testo A A A

Ora terza

V.
O Dio, vieni a salvarmi

R.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Gloria al Padre e al Figlio
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
   nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.
INNO
L'ora terza risuona
nel servizio di lode:
con cuore puro e ardente
preghiamo il Dio glorioso.
Venga su noi, Signore,
il dono dello Spirito,
che in quest'ora discese
sulla Chiesa nascente.
Si rinnovi il prodigio
di quella Pentecoste
che rivelò alle genti
la luce del tuo regno.
Sia lode al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo,
al Dio trino e unico,
nei secoli sia gloria. Amen.
Ant.
O mio popolo, che male ti ho fatto?
       Che dolore ti ho dato? Rispondimi!
 
SALMO 119
Desiderio della pace minacciata dai malvagi
Egli è la nostra pace... venuto ad annunziare
la pace ai lontani e ai vicini
(cfr. Ef 2, 14. 17. 16).
Nella mia angoscia ho gridato al Signore *
   ed egli mi ha risposto.
Signore, libera la mia vita dalle labbra di menzogna, *
   dalla lingua ingannatrice.
Che ti posso dare, come ripagarti, *
   lingua ingannatrice?
Frecce acute di un prode, *
   con carboni di ginepro.
Me infelice: abito straniero in Mosoch, *
   dimoro fra le tende di Kedar!
Troppo io ho dimorato *
   con chi detesta la pace.
Io sono per la pace, *
   ma quando ne parlo, essi vogliono la guerra.
SALMO 120    Il custode di Israele
Non avranno più fame, né avranno più sete, né li colpirà il
sole, né arsura di sorta
(Ap 7, 16).
Alzo gli occhi verso i monti: *
   da dove mi verrà l’aiuto?
Il mio aiuto viene dal Signore, *
   che ha fatto cielo e terra.
Non lascerà vacillare il tuo piede, *
   non si addormenterà il tuo custode.
Non si addormenta, non prende sonno, *
   il custode d’Israele.
Il Signore è il tuo custode, †
   il Signore è come ombra che ti copre, *
   e sta alla tua destra.
Di giorno non ti colpirà il sole, *
   né la luna di notte.
Il Signore ti proteggerà da ogni male, *
   egli proteggerà la tua vita.
Il Signore veglierà su di te,
     quando esci e quando entri, *
     da ora e per sempre.
SALMO 121    Saluto alla città santa di Gerusalemme
Voi vi siete accostati al monte Sion e alla città del Dio
vivente, alla Gerusalemme celeste
(Eb 12, 22).
Quale gioia, quando mi dissero: *
   «Andremo alla casa del Signore».
E ora i nostri piedi si fermano *
   alle tue porte, Gerusalemme!
Gerusalemme è costruita*
   come città salda e compatta.
​Là salgono insieme le tribù, le tribù del Signore, †
  secondo la legge di Israele, *
  per lodare il nome del Signore.
​Là sono posti i seggi del giudizio, *
   i seggi della casa di Davide.
​Domandate pace per Gerusalemme: *
   sia pace a coloro che ti amano,
sia pace sulle tue mura, *
   sicurezza nei tuoi baluardi.
Per i miei fratelli e i miei amici *
  io dirò: «Su di te sia pace!».
Per la casa del Signore nostro Dio, *
  chiederò per te il bene.
Ant.
O mio popolo, che male ti ho fatto?
       Che dolore ti ho dato? Rispondimi!
 
LETTURA BREVE                                                   
Ger 31, 2-4
   Così dice il Signore: «Ha trovato grazia nel deserto un popolo di scampati alla spada; Israele si avvia a una quieta dimora». Da lontano gli è apparso il Signore: «Ti ho amato di amore eterno, per questo ti conservo ancora pietà. Ti edificherò di nuovo e tu sarai riedificata, vergine d’Israele».
R.
Attingete acqua con gioia

V.
alle sorgenti della salvezza.
ORAZIONE
   O Padre, che nel cuore del tuo dilettissimo Figlio ci dai la gioia di celebrare le grandi opere del suo amore per noi, fa’ che da questa fonte inesauribile attingiamo l’abbondanza dei tuoi doni. Per Cristo nostro Signore.
       Benediciamo il Signore.

       R.
Rendiamo grazie a Dio.

Ora sesta

V.
O Dio, vieni a salvarmi

R.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Gloria al Padre e al Figlio
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
   nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.
INNO
L’ora sesta c’invita
alla lode di Dio:
inneggiamo al Signore
con fervore di spirito.
In quest’ora sul Golgota,
vero agnello pasquale,
Cristo paga il riscatto
per la nostra salvezza.
Dinanzi alla sua gloria
anche il sole si oscura:
risplenda la sua grazia
nell'intimo dei cuori.
Sia lode al Padre e al Figlio,
e allo Spirito Santo,
al Dio trino ed unico
nei secoli sia gloria. Amen.
Ant.
Il mio cuore è ridotto come cera,
       tremano tutte le mie ossa.
 
SALMO 119
Desiderio della pace minacciata dai malvagi
Egli è la nostra pace... venuto ad annunziare
la pace ai lontani e ai vicini
(cfr. Ef 2, 14. 17. 16).
Nella mia angoscia ho gridato al Signore *
   ed egli mi ha risposto.
Signore, libera la mia vita dalle labbra di menzogna, *
   dalla lingua ingannatrice.
Che ti posso dare, come ripagarti, *
   lingua ingannatrice?
Frecce acute di un prode, *
   con carboni di ginepro.
Me infelice: abito straniero in Mosoch, *
   dimoro fra le tende di Kedar!
Troppo io ho dimorato *
   con chi detesta la pace.
Io sono per la pace, *
   ma quando ne parlo, essi vogliono la guerra.
SALMO 120    Il custode di Israele
Non avranno più fame, né avranno più sete, né li colpirà il
sole, né arsura di sorta
(Ap 7, 16).
Alzo gli occhi verso i monti: *
   da dove mi verrà l’aiuto?
Il mio aiuto viene dal Signore, *
   che ha fatto cielo e terra.
Non lascerà vacillare il tuo piede, *
   non si addormenterà il tuo custode.
Non si addormenta, non prende sonno, *
   il custode d’Israele.
Il Signore è il tuo custode, †
   il Signore è come ombra che ti copre, *
   e sta alla tua destra.
Di giorno non ti colpirà il sole, *
   né la luna di notte.
Il Signore ti proteggerà da ogni male, *
   egli proteggerà la tua vita.
Il Signore veglierà su di te,
     quando esci e quando entri, *
     da ora e per sempre.
SALMO 121    Saluto alla città santa di Gerusalemme
Voi vi siete accostati al monte Sion e alla città del Dio
vivente, alla Gerusalemme celeste
(Eb 12, 22).
Quale gioia, quando mi dissero: *
   «Andremo alla casa del Signore».
E ora i nostri piedi si fermano *
   alle tue porte, Gerusalemme!
Gerusalemme è costruita*
   come città salda e compatta.
​Là salgono insieme le tribù, le tribù del Signore, †
  secondo la legge di Israele, *
  per lodare il nome del Signore.
​Là sono posti i seggi del giudizio, *
   i seggi della casa di Davide.
​Domandate pace per Gerusalemme: *
   sia pace a coloro che ti amano,
sia pace sulle tue mura, *
   sicurezza nei tuoi baluardi.
Per i miei fratelli e i miei amici *
  io dirò: «Su di te sia pace!».
Per la casa del Signore nostro Dio, *
  chiederò per te il bene.
Ant.
Il mio cuore è ridotto come cera,
       tremano tutte le mie ossa.
 
LETTURA BREVE                                                    
Ger 32, 40
   Così dice il Signore: Concluderò con essi un’alleanza eterna e non mi allontanerò più da loro per beneficarli; metterò nei loro cuori il mio timore perché non si distacchino da me.
V.
Ho sperato conforto, ma niente;

R.
consolatori, ma non li ho trovati.
ORAZIONE
   O Padre, che nel cuore del tuo dilettissimo Figlio ci dai la gioia di celebrare le grandi opere del suo amore per noi, fa’ che da questa fonte inesauribile attingiamo l’abbondanza dei tuoi doni. Per Cristo nostro Signore.
       Benediciamo il Signore.

       R.
Rendiamo grazie a Dio.

Ora nona

V.
O Dio, vieni a salvarmi

R.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Gloria al Padre e al Figlio
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
   nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.
INNO
L’ora nona ci chiama
al servizio divino:
adoriamo cantando
l'uno e trino Signore.
San Pietro che in quest’ora
salì al tempio a pregare,
rafforzi i nostri passi
sulla via della fede.
Uniamoci agli apostoli
nella lode perenne
e camminiamo insieme
sulle orme di Cristo.
Ascolta, Padre altissimo,
tu che regni in eterno,
con il Figlio e lo Spirito
nei secoli dei secoli. Amen.
Ant.
La lancia del soldato aprì il fianco di Gesù:
        e ne uscì sangue e acqua.
 
SALMO 119
Desiderio della pace minacciata dai malvagi
Egli è la nostra pace... venuto ad annunziare
la pace ai lontani e ai vicini
(cfr. Ef 2, 14. 17. 16).
Nella mia angoscia ho gridato al Signore *
   ed egli mi ha risposto.
Signore, libera la mia vita dalle labbra di menzogna, *
   dalla lingua ingannatrice.
Che ti posso dare, come ripagarti, *
   lingua ingannatrice?
Frecce acute di un prode, *
   con carboni di ginepro.
Me infelice: abito straniero in Mosoch, *
   dimoro fra le tende di Kedar!
Troppo io ho dimorato *
   con chi detesta la pace.
Io sono per la pace, *
   ma quando ne parlo, essi vogliono la guerra.
SALMO 120    Il custode di Israele
Non avranno più fame, né avranno più sete, né li colpirà il
sole, né arsura di sorta
(Ap 7, 16).
Alzo gli occhi verso i monti: *
   da dove mi verrà l’aiuto?
Il mio aiuto viene dal Signore, *
   che ha fatto cielo e terra.
Non lascerà vacillare il tuo piede, *
   non si addormenterà il tuo custode.
Non si addormenta, non prende sonno, *
   il custode d’Israele.
Il Signore è il tuo custode, †
   il Signore è come ombra che ti copre, *
   e sta alla tua destra.
Di giorno non ti colpirà il sole, *
   né la luna di notte.
Il Signore ti proteggerà da ogni male, *
   egli proteggerà la tua vita.
Il Signore veglierà su di te,
     quando esci e quando entri, *
     da ora e per sempre.
SALMO 121    Saluto alla città santa di Gerusalemme
Voi vi siete accostati al monte Sion e alla città del Dio
vivente, alla Gerusalemme celeste
(Eb 12, 22).
Quale gioia, quando mi dissero: *
   «Andremo alla casa del Signore».
E ora i nostri piedi si fermano *
   alle tue porte, Gerusalemme!
Gerusalemme è costruita*
   come città salda e compatta.
​Là salgono insieme le tribù, le tribù del Signore, †
  secondo la legge di Israele, *
  per lodare il nome del Signore.
​Là sono posti i seggi del giudizio, *
   i seggi della casa di Davide.
​Domandate pace per Gerusalemme: *
   sia pace a coloro che ti amano,
sia pace sulle tue mura, *
   sicurezza nei tuoi baluardi.
Per i miei fratelli e i miei amici *
  io dirò: «Su di te sia pace!».
Per la casa del Signore nostro Dio, *
  chiederò per te il bene.
Ant.
La lancia del soldato aprì il fianco di Gesù:
        e ne uscì sangue e acqua.
 
LETTURA BREVE
Rm 5, 8-9
   Dio dimostra il suo amore verso di noi perché, mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi. A maggior ragione ora, giustificati per il suo sangue, saremo salvati dall’ira per mezzo di lui.
V.
Per le nostre colpe egli è stato trafitto;

R.
e noi per le sue piaghe siamo stati guariti.
ORAZIONE
   O Padre, che nel cuore del tuo dilettissimo Figlio ci dai la gioia di celebrare le grandi opere del suo amore per noi, fa’ che da questa fonte inesauribile attingiamo l’abbondanza dei tuoi doni. Per Cristo nostro Signore.
       Benediciamo il Signore.

       R.
Rendiamo grazie a Dio.