HomeLiturgia delle Ore
mercoledì 19 Febbraio 2020

Ufficio delle letture

MERCOLEDI'  - VI SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO - II SETTIMANA DEL SALTERIO
Grandezza Testo A A A
V.
O Dio, vieni a salvarmi

R.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Gloria al Padre e al Figlio
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
   nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.
Questa introduzione si omette quando si comincia l'Ufficio con l'Invitatorio.
INNO

Cristo, sapienza eterna,
donaci di gustare
la tua dolce amicizia.
Angelo del consiglio,
guida e proteggi il popolo
che spera nel tuo nome.
Sii tu la nostra forza,
la roccia che ci salva
dagli assalti del male.
A te la gloria e il regno,
la potenza e l’onore,
nei secoli dei secoli. Amen.
1 ant.
Nell’intimo soffriamo,
          aspettando la redenzione del nostro corpo.
SALMO 38    Preghiera nella malattia

La creazione è stata sottomessa alla caducità... e nutre
la speranza di essere lei pure liberata dalla schiavitù
della corruzione per entrare nella gloria dei figli di
Dio... ma anche noi gemiamo aspettando la redenzione
del nostro corpo
(cfr. Rm 8, 20-23).
 
I    (2-7)
Ho detto: «Veglierò sulla mia condotta *
   per non peccare con la mia lingua;
porrò un freno alla mia bocca *
   mentre l’empio mi sta dinanzi».
Sono rimasto quieto in silenzio: tacevo privo di bene, *
   la sua fortuna ha esasperato il mio dolore.
Ardeva il cuore nel mio petto, *
   al ripensarci è divampato il fuoco;
allora ho parlato: *
   «Rivelami, Signore, la mia fine;
quale sia la misura dei miei giorni *
   e saprò quanto è breve la mia vita».
Vedi, in pochi palmi hai misurato i miei giorni, *
   la mia esistenza davanti a te è un nulla.
Solo un soffio è ogni uomo che vive, *
   come ombra è l’uomo che passa;
solo un soffio che si agita, *
   accumula ricchezze e non sa chi le raccolga.
1 ant.
Nell’intimo soffriamo,
          aspettando la redenzione del nostro corpo.
2 ant.
Ascolta la mia preghiera, Signore,
          non essere sordo al mio pianto.
II    (8-14)
Ora, che attendo, Signore? *
   In te la mia speranza.
Liberami da tutte le mie colpe, *
   non rendermi scherno dello stolto.
Sto in silenzio, non apro bocca, *
   perché sei tu che agisci.
Allontana da me i tuoi colpi: *
   sono distrutto sotto il peso della tua mano.
Castigando il suo peccato tu correggi l’uomo, †
   corrodi come tarlo i suoi tesori. *
   Ogni uomo non è che un soffio.
Ascolta la mia preghiera, Signore, *
   porgi l’orecchio al mio grido,
non essere sordo alle mie lacrime, †
   poiché io sono un forestiero, *
   uno straniero come tutti i miei padri.
Distogli il tuo sguardo, che io respiri, *
   prima che me ne vada e più non sia.
2 ant.
Ascolta la mia preghiera, Signore,
          non essere sordo al mio pianto.
3 ant.
Fiorente come un olivo
          chi si abbandona in Dio.
SALMO 51    Contro un calunniatore

Chi si vanta si vanti nel Signore
(1 Cor 1, 31).
Perché ti vanti del male, *
   o prepotente nella tua malizia?
Ordisci insidie ogni giorno; †
   la tua lingua è come lama affilata, *
   artefice di inganni.
Tu preferisci il male al bene, †
   la menzogna al parlare sincero. *
   Ami ogni parola di rovina, o lingua di impostura.
Perciò Dio ti demolirà per sempre, †
   ti spezzerà e ti strapperà dalla tenda *
   e ti sradicherà dalla terra dei viventi.
Vedendo, i giusti saran presi da timore *
   e di lui rideranno:
«Ecco l’uomo che non ha posto in Dio la sua difesa, †
   ma confidava nella sua grande ricchezza *
   e si faceva forte dei suoi crimini».
Io invece come olivo verdeggiante nella casa di Dio. †
   Mi abbandono alla fedeltà di Dio *
   ora e per sempre.
Voglio renderti grazie in eterno *
   per quanto hai operato;
spero nel tuo nome, perché è buono, *
   davanti ai tuoi fedeli.
3 ant.
Fiorente come un olivo
          chi si abbandona in Dio.
V.
L’anima mia spera nel Signore,

R.
e aspetto sulla sua parola.
PRIMA LETTURA

​Dal libro dei Proverbi
9, 1-18
La sapienza e la stoltezza

La Sapienza si è costruita la casa,
ha intagliato le sue sette colonne.
Ha ucciso gli animali, ha preparato il vino
e ha imbandito la tavola.
Ha mandato le sue ancelle a proclamare
sui punti più alti della città:
«Chi è inesperto accorra qui!».
A chi è privo di senno essa dice:
«Venite, mangiate il mio pane,
bevete il vino che io ho preparato.
Abbandonate la stoltezza e vivrete,
andate diritti per la via dell’intelligenza».
Chi corregge il beffardo se ne attira il disprezzo,
chi rimprovera l’empio se ne attira l’insulto.
Non rimproverare il beffardo per non farti odiare;
rimprovera il saggio ed egli ti amerà.
Da’ consigli al saggio e diventerà ancora più saggio,
istruisci il giusto ed egli aumenterà la dottrina.
Fondamento della sapienza è il timore di Dio,
la scienza del Santo è intelligenza.
Per mezzo mio si moltiplicano i tuoi giorni,
ti saranno aggiunti anni di vita.
Se sei sapiente, lo sei a tuo vantaggio,
se sei beffardo, tu solo ne porterai la pena.
Donna irrequieta è follia,
una sciocca che non sa nulla.
Sta seduta alla porta di casa,
su un trono in un luogo alto della città,
per invitare i passanti
che vanno diritti per la loro strada:
«Chi è inesperto venga qua!».
E a chi è privo di senno essa dice:
«Le acque furtive sono dolci,
il pane preso di nascosto è gustoso».
Egli non si accorge che là ci sono le ombre
e che i suoi invitati se ne vanno
nel profondo degli inferi.
 
RESPONSORIO            Cfr. Lc 14, 16-17; Pro 9, 5

R.
Un uomo diede una grande cena; venuta l’ora,
mandò il suo servo a dire agli invitati:
*
Venite, tutto
è pronto per voi.

V.
Venite, mangiate il mio pane, bevete il vino che
io ho preparato;

R.
venite, tutto è pronto per voi.
SECONDA LETTURA

Dal «Commento sui Proverbi» di san Procopio di Gaza, vescovo

​(Cap. 9; PG 87, I, 1299-1303)
​La Sapienza di Dio ci ha imbandito la tavola
   
   «La sapienza si è costruita una casa» (Pro 9, 1). La potenza di Dio e Padre, per se stessa sussistente, si è preparata, come propria dimora, l’universo intero, nel quale abita con la sua forza creatrice. Questo universo, che è stato creato ad immagine e somiglianza di Dio, consta di natura visibile e invisibile.
   «Ha intagliato le sue sette colonne» (Pro 9, 1). L’uomo fu formato dopo la creazione a somiglianza di Cristo, perché crescesse in lui e osservasse i suoi comandamenti. A lui Dio ha dato i sette carismi dello Spirito Santo. Essi mediante la scienza suscitano la fortezza e, viceversa, mediante la fortezza manifestano la scienza. Questi carismi perfezionano l’uomo spirituale, lo confermano nella fede e lo portano alla completa partecipazione delle realtà trascendenti.
   Lo splendore naturale dello spirito viene esaltato dai vari doni.
   La fortezza dispone a ricercare con fervore e a desiderare di compiere sempre e in tutte le cose, a seconda delle loro finalità, i divini voleri, conforme ai quali tutti gli esseri sono stati creati. Il consiglio discerne i santissimi voleri increati e immortali, capaci di essere pensati, rivelati e realizzati. La prudenza fa acconsentire e prestar fede a questi voleri e non agli altri.
   Ha versato il suo vino nella coppa e imbandito la sua tavola (cfr. Pro 9, 2). Nell’uomo in cui viene fusa, come in una coppa, la natura spirituale e quella corporale, Dio infonde la scienza delle cose create e di se stesso, autore di tutto. L’intelletto fa sì che l’uomo sia inebriato, come per il vino, di tutto ciò che riguarda Dio. Egli, pane celeste, nutrendo di se stesso nella fortezza le anime, e arricchendole e dilettandole con la dottrina, dispone tutte queste cose come vivande per il convito spirituale di quanti desiderano parteciparvi.
   Mandò i suoi servi ad invitare a gran voce e con insistenza al banchetto (cfr. Mt 22, 3). Mandò gli apostoli a servire la sua divina volontà con la proclamazione evangelica. Essa deriva dallo Spirito, sta al di sopra della legge scritta e di quella naturale, e chiama tutti a Cristo. Con l’incarnazione si è realizzata in lui senza confusione l’unione ipostatica della mirabile natura divina e di quella umana.
   Per mezzo degli apostoli grida: Chi non ha la sapienza venga a me (cfr. Pro 9, 4). Cioè chi è stolto, e pensa quindi in cuor suo che Dio non esista, abbandoni l’empietà, si rivolga a me per mezzo della fede e riconosca che io sono il creatore e il Signore di tutte le cose. A coloro che abbisognano di sapienza dice: Venite, mangiate con me il pane e bevete il vino che ho versato per voi (cfr. Pro 9, 5). A coloro che sono privi delle opere della fede, anche se ricchi di dottrine elevate, dice: Venite, mangiate il mio corpo, pane che vi nutre nella fortezza, bevete il mio sangue, vino che vi rallegra nella scienza e vi fa diventare Dio. Ho infatti unito il sangue alla divinità per la vostra salvezza.
 
RESPONSORIO               Cfr. Pro 9, 1-2; Gv 6, 56

R.
La Sapienza si è costruita la casa, ha scolpito le
sue sette colonne.
*
Ha preparato il vino e imbandito
la tavola.

V.
Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue
dimora in me e io in lui, dice il Signore.

R.
Ha preparato il vino e imbandito la tavola.
ORAZIONE
   O Dio che hai promesso di essere presente in coloro che ti amano e con cuore retto e sincero custodiscono la tua parola, rendici degni di diventare tua stabile dimora. Per il nostro Signore.
       Benediciamo il Signore.

       R.
Rendiamo grazie a Dio.