HomeLiturgia delle Ore
venerdì 22 Novembre 2019

Vespri

SANTA CECILIA, VERGINE E MARTIRE - MEMORIA - I SETTIMANA DEL SALTERIO
 
Grandezza Testo A A A
V.
O Dio, vieni a salvarmi

R.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Gloria al Padre e al Figlio
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
   nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.
INNO
O Dio, dei santi martiri
eredità e corona,
benedici il tuo popolo.

Nel nome di santa Cecilia
perdona i nostri debiti,
rinnova i nostri cuori.

Testimone di Cristo,
confermò col suo sangue
l’annunzio della fede.

Amica del Signore,
ella giunse alla gloria
per la via della croce.

La luce della tua martire
ci guidi nel cammino
verso la mèta eterna.

Sia onore e gloria al Padre,
al Figlio e al Santo Spirito
nei secoli dei secoli. Amen.

 
Oppure:


Deus, tuórum mílitum
sors et coróna, præ´mium,
laudes canéntes mártyris
absólve nexu críminis.

Hæc testis ore prótulit
quod cordis arca crédidit,
Christum sequéndo répperit
effusióne sánguinis.

Hæc nempe mundi gáudia
et blandiménta nóxia
cadúca rite députans,
pervénit ad cæléstia.

Poenas cucúrrit fórtiter
et sústulit viríliter;
pro te refúndens sánguinem,
ætérna dona póssidet.

Ob hoc precátu súpplici
te póscimus, piíssime;
in hoc triúmpho mártyris
dimítte noxam sérvulis,

Ut consequámur múneris
ipsíus et consórtia,
lætémur ac perénniter
iuncti polórum sédibus.

Laus et perénnis glória
tibi, Pater, cum Fílio,
Sancto simul Paráclito
in sæculórum æcula. Amen.
1 ant.
Risanami, Signore,
          ho peccato contro di te.
SALMO 40    Preghiera di un malato

Uno di voi mi tradirà, uno che mangia con me
(cfr. Mc 14, 18).
Beato l’uomo che ha cura del debole, *
   nel giorno della sventura il Signore lo libera.
Veglierà su di lui il Signore, †
   lo farà vivere beato sulla terra, *
   non lo abbandonerà alle brame dei nemici.
Il Signore lo sosterrà sul letto del dolore. *
   Gli darai sollievo nella sua malattia.
Io ho detto: «Pietà di me, Signore; *
   risanami, contro di te ho peccato».
I nemici mi augurano il male: *
   «Quando morirà e perirà il suo nome?».
Chi viene a visitarmi dice il falso, †
   il suo cuore accumula malizia *
   e uscito fuori sparla.
Contro di me sussurrano insieme i miei nemici, *
   contro di me pensano il male:
«Un morbo maligno su di lui si è abbattuto, *
   da dove si è steso non potrà rialzarsi».
Anche l’amico in cui confidavo, †
   anche lui, che mangiava il mio pane, *
   alza contro di me il suo calcagno.
Ma tu, Signore, abbi pietà e sollevami, *
   che io li possa ripagare.
Da questo saprò che tu mi ami *
   se non trionfa su di me il mio nemico;
per la mia integrità tu mi sostieni, *
   mi fai stare alla tua presenza per sempre.
Sia benedetto il Signore, Dio d’Israele, *
   da sempre e per sempre.
      Amen, amen.
1 ant.
Risanami, Signore,
          ho peccato contro di te.
2 ant.
Il Signore dell’universo è con noi,
          rifugio e salvezza è il nostro Dio.
SALMO 45    Dio rifugio e forza del suo popolo

Sarà chiamato Emmanuele, che significa Dio-con-noi

(Mt 1, 23).
Dio è per noi rifugio e forza, *
   aiuto sempre vicino nelle angosce.
Perciò non temiamo se trema la terra, *
   se crollano i monti nel fondo del mare.
Fremano, si gonfino le sue acque, *
   tremino i monti per i suoi flutti.
Un fiume e i suoi ruscelli rallegrano la città di Dio, *
   la santa dimora dell’Altissimo.
Dio sta in essa: non potrà vacillare; *
   la soccorrerà Dio, prima del mattino.
Fremettero le genti, i regni si scossero; *
   egli tuonò, si sgretolò la terra .
Il Signore degli eserciti è con noi, *
   nostro rifugio è il Dio di Giacobbe.
Venite, vedete le opere del Signore, *
   egli ha fatto portenti sulla terra.
Farà cessare le guerre sino ai confini della terra, †
   romperà gli archi e spezzerà le lance, *
   brucerà con il fuoco gli scudi.
Fermatevi e sappiate che io sono Dio, *
   eccelso tra le genti, eccelso sulla terra.

Il Signore degli eserciti è con noi, *
   nostro rifugio è il Dio di Giacobbe.
2 ant.
Il Signore dell’universo è con noi,
          rifugio e salvezza è il nostro Dio.
3 ant.
Tutte le genti verranno ad adorarti, Signore.
CANTICO    Cfr. Ap 15, 3-4
Inno di adorazione e di lode
Grandi e mirabili sono le tue opere, †
   o Signore Dio onnipotente; *
   giuste e veraci le tue vie, o Re delle genti!
Chi non temerà il tuo nome, †
   chi non ti glorificherà, o Signore? *
   Tu solo sei santo!
Tutte le genti verranno a te, Signore, †
   davanti a te si prostreranno, *
   perché i tuoi giusti giudizi si sono manifestati.
3 ant.
Tutte le genti verranno ad adorarti, Signore.
LETTURA BREVE                                                  
1 Pt 4, 13-14
   Carissimi, nella misura in cui partecipate alle sofferenze di Cristo, rallegratevi, perché anche nella rivelazione della sua gloria possiate rallegrarvi ed esultare. Beati voi, se venite insultati per il nome di Cristo, perché lo Spirito della gloria e lo Spirito di Dio riposa su di voi.
 
RESPONSORIO BREVE
 
R.
O Dio, ci hai messo alla prova
*
e ci hai dato sol-
lievo.
O Dio, ci hai messo alla prova e ci hai dato sollievo.

V.
Ci hai saggiati nel fuoco, come l’argento,
e ci hai dato sollievo.
   Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
O Dio, ci hai messo alla prova e ci hai dato sollievo.
Ant. al Magn.
La vergine Cecilia
portava sempre nel cuore
l’Evangelo di Cristo,
e giorno e notte parlava con Dio.
CANTICO DELLA BEATA VERGINE                         Lc 1, 46-55
Esultanza dell’anima nel Signore
L’anima mia magnifica il Signore *
   e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
perché ha guardato l’umiltà della sua serva. *
   D’ora in poi tutte le generazioni
     mi chiameranno beata.
Grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente *
   e Santo è il suo nome:
di generazione in generazione la sua misericordia *
   si stende su quelli che lo temono.
Ha spiegato la potenza del suo braccio, *
   ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;
ha rovesciato i potenti dai troni, *
   ha innalzato gli umili;
ha ricolmato di beni gli affamati, *
   ha rimandato i ricchi a mani vuote.
Ha soccorso Israele, suo servo, *
   ricordandosi della sua misericordia,
come aveva promesso ai nostri padri, *
   ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.
Gloria al Padre e al Figlio *
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
   nei secoli dei secoli. Amen.
Ant. al Magn.
La vergine Cecilia
portava sempre nel cuore
l’Evangelo di Cristo,
e giorno e notte parlava con Dio.
INTERCESSIONI
Nell’ora in cui Cristo, re dei martiri, offrì per noi la
   sua vita nella cena pasquale e nell’oblazione
   cruenta sulla croce, s’innalzi a lui la lode della
   Chiesa: 
   Noi ti lodiamo e ti adoriamo, Signore.
Noi ti lodiamo e ti adoriamo, o Cristo, causa e
   modello di ogni martirio, perché ci hai amati sino
   alla fine,
 noi ti lodiamo e ti adoriamo, Signore.
Perché hai chiamato i peccatori pentiti al premio
    della vita eterna,
 noi ti lodiamo e ti adoriamo, Signore.
Perché hai comandato alla tua Chiesa di offrire il
   sangue della nuova ed eterna alleanza, sparso
   per la remissione dei peccati,
-
noi ti lodiamo e ti adoriamo, Signore.
Perchè in questo giorno ci hai dato la grazia di
   perseverare nella fede,
noi ti lodiamo e ti adoriamo, Signore.
Perché hai associato molti fratelli alla tua morte
   redentrice,
noi ti lodiamo e ti adoriamo, Signore.
 
Padre nostro.
ORAZIONE

   Ascolta, Signore, la nostra preghiera e per intercessione di santa Cecilia, vergine e martire, rendici degni di cantare le tue lodi. Per il nostro Signore.
Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.

R.
Amen.