HomeLiturgia delle Ore
martedì 12 Novembre 2019

Ora Media

SAN GIOSAFAT, VESCOVO E MARTIRE - MEMORIA - IV SETTIMANA DEL SALTERIO
Grandezza Testo A A A

Ora terza

V.
O Dio, vieni a salvarmi

R.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Gloria al Padre e al Figlio
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
   nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.
INNO
O Spirito Paraclito,
uno col Padre e il Figlio,
discendi a noi benigno
nell'intimo dei cuori.
Voce e mente si accordino
nel ritmo della lode,
il tuo fuoco ci unisca
in un'anima sola.
O luce di sapienza,
rivelaci il mistero
del Dio trino e unico,
fonte di eterno Amore. Amen.
1 ant.
Ora sapete il mio comandamento:
          osservatelo, e sarete beati.
SALMO 118, 137-144    XVIII (Sade)
Tu sei giusto, Signore, *
   e retto nei tuoi giudizi.
Con giustizia hai ordinato le tue leggi *
   e con fedeltà incomparabile.
Mi divora lo zelo della tua casa, *
   perché i miei nemici dimenticano le tue parole.
Purissima è la tua parola, *
   il tuo servo la predilige.
Io sono piccolo e disprezzato, *
   ma non trascuro i tuoi precetti.
La tua giustizia è giustizia eterna *
   e verità è la tua legge.
Angoscia e affanno mi hanno colto, *
   ma i tuoi comandi sono la mia gioia.
Giusti sono i tuoi insegnamenti per sempre, *
   fammi comprendere e avrò la vita.
1 ant.
Ora sapete il mio comandamento:
          osservatelo, e sarete beati.
2 ant.
Giunga fino a te la mia preghiera,
          Signore, Dio della mia salvezza.
SALMO 87    Preghiera di un uomo gravemente malato
Questa è la vostra ora, è l’impero delle tenebre
(Lc 22, 53).

I    (2-8)
Signore, Dio della mia salvezza, *
   davanti a te grido giorno e notte.
Giunga fino a te la mia preghiera, *
   tendi l’orecchio al mio lamento.
Io sono colmo di sventure, *
   la mia vita è vicina alla tomba.
Sono annoverato tra quelli che scendono nella fossa, *
   sono come un uomo ormai privo di forza.
È tra i morti il mio giaciglio, *
   sono come gli uccisi stesi nel sepolcro,
dei quali tu non conservi il ricordo *
   e che la tua mano ha abbandonato.
Mi hai gettato nella fossa profonda, *
   nelle tenebre e nell’ombra di morte.
Pesa su di me il tuo sdegno *
   e con tutti i tuoi flutti mi sommergi.
2 ant.
Giunga fino a te la mia preghiera,
          Signore, Dio della mia salvezza.
3 ant.
Grido aiuto, Signore:
          non nascondermi il tuo volto.
II    (9-19)
Hai allontanato da me i miei compagni, *
   mi hai reso per loro un orrore.
Sono prigioniero senza scampo; *
   si consumano i miei occhi nel patire.
Tutto il giorno ti chiamo, Signore, *
   verso di te protendo le mie mani.
Compi forse prodigi per i morti? *
   O sorgono le ombre a darti lode?
Si celebra forse la tua bontà nel sepolcro, *
   la tua fedeltà negli inferi?
Nelle tenebre si conoscono forse i tuoi prodigi, *
   la tua giustizia nel paese dell’oblio?
Ma io a te, Signore, grido aiuto, *
   e al mattino giunge a te la mia preghiera.
Perché, Signore, mi respingi, *
   perché mi nascondi il tuo volto?
Sono infelice e morente dall’infanzia, *
   sono sfinito, oppresso dai tuoi terrori.
Sopra di me è passata la tua ira, *
   i tuoi spaventi mi hanno annientato,
mi circondano come acqua tutto il giorno, *
   tutti insieme mi avvolgono.
Hai allontanato da me amici e conoscenti, *
   mi sono compagne solo le tenebre.
3 ant.
Grido aiuto, Signore:
          non nascondermi il tuo volto.
LETTURA BREVE
1 Gv 3, 17-18
                                                                          
   Se uno ha ricchezze di questo mondo e vedendo il suo fratello in necessità gli chiude il proprio cuore, come dimora in lui l’amore di Dio? Figlioli, non amiamo a parole né con la lingua, ma coi fatti e nella verità.
V.
Felice chi ha il cuore buono e generoso:

R.
il giusto sarà benedetto per sempre.
ORAZIONE
    Dio onnipotente ed eterno, che all’ora terza hai effuso sugli apostoli
il tuo Spirito Paraclito, dona anche a noi la fiamma viva del tuo amore,
perché ti rendiamo buona testimonianza davanti a tutti gli uomini. Per
Cristo nostro Signore.
       Benediciamo il Signore.

       R.
Rendiamo grazie a Dio.

Ora sesta

V.
O Dio, vieni a salvarmi

R.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Gloria al Padre e al Figlio
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
   nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.
INNO
Glorioso e potente Signore,
che alterni i ritmi del tempo,
irradi di luce il mattino
e accendi di fuochi il meriggio,
tu placa le tristi contese,
estingui la fiamma dell’ira,
infondi vigore alle membra,
ai cuori concedi la pace.
Sia gloria al Padre ed al Figlio,
sia onore al Santo Spirito,
all'unico e trino Signore
sia lode nei secoli eterni. Amen.
1 ant.
Ora sapete il mio comandamento:
          osservatelo, e sarete beati.
SALMO 118, 137-144    XVIII (Sade)
Tu sei giusto, Signore, *
   e retto nei tuoi giudizi.
Con giustizia hai ordinato le tue leggi *
   e con fedeltà incomparabile.
Mi divora lo zelo della tua casa, *
   perché i miei nemici dimenticano le tue parole.
Purissima è la tua parola, *
   il tuo servo la predilige.
Io sono piccolo e disprezzato, *
   ma non trascuro i tuoi precetti.
La tua giustizia è giustizia eterna *
   e verità è la tua legge.
Angoscia e affanno mi hanno colto, *
   ma i tuoi comandi sono la mia gioia.
Giusti sono i tuoi insegnamenti per sempre, *
   fammi comprendere e avrò la vita.
1 ant.
Ora sapete il mio comandamento:
          osservatelo, e sarete beati.
2 ant.
Giunga fino a te la mia preghiera,
          Signore, Dio della mia salvezza.
SALMO 87    Preghiera di un uomo gravemente malato
Questa è la vostra ora, è l’impero delle tenebre
(Lc 22, 53).

I    (2-8)
Signore, Dio della mia salvezza, *
   davanti a te grido giorno e notte.
Giunga fino a te la mia preghiera, *
   tendi l’orecchio al mio lamento.
Io sono colmo di sventure, *
   la mia vita è vicina alla tomba.
Sono annoverato tra quelli che scendono nella fossa, *
   sono come un uomo ormai privo di forza.
È tra i morti il mio giaciglio, *
   sono come gli uccisi stesi nel sepolcro,
dei quali tu non conservi il ricordo *
   e che la tua mano ha abbandonato.
Mi hai gettato nella fossa profonda, *
   nelle tenebre e nell’ombra di morte.
Pesa su di me il tuo sdegno *
   e con tutti i tuoi flutti mi sommergi.
2 ant.
Giunga fino a te la mia preghiera,
          Signore, Dio della mia salvezza.
3 ant.
Grido aiuto, Signore:
          non nascondermi il tuo volto.
II    (9-19)
Hai allontanato da me i miei compagni, *
   mi hai reso per loro un orrore.
Sono prigioniero senza scampo; *
   si consumano i miei occhi nel patire.
Tutto il giorno ti chiamo, Signore, *
   verso di te protendo le mie mani.
Compi forse prodigi per i morti? *
   O sorgono le ombre a darti lode?
Si celebra forse la tua bontà nel sepolcro, *
   la tua fedeltà negli inferi?
Nelle tenebre si conoscono forse i tuoi prodigi, *
   la tua giustizia nel paese dell’oblio?
Ma io a te, Signore, grido aiuto, *
   e al mattino giunge a te la mia preghiera.
Perché, Signore, mi respingi, *
   perché mi nascondi il tuo volto?
Sono infelice e morente dall’infanzia, *
   sono sfinito, oppresso dai tuoi terrori.
Sopra di me è passata la tua ira, *
   i tuoi spaventi mi hanno annientato,
mi circondano come acqua tutto il giorno, *
   tutti insieme mi avvolgono.
Hai allontanato da me amici e conoscenti, *
   mi sono compagne solo le tenebre.
3 ant.
Grido aiuto, Signore:
          non nascondermi il tuo volto.
LETTURA BREVE
Dt 30, 11. 14
   Questo comando che oggi ti ordino non è troppo alto per te, né troppo lontano da te.
   Anzi, questa parola è molto vicina a te, è nella tua bocca e nel tuo cuore, perché tu la metta in pratica.
V.
La tua parola è lampada ai miei passi

R.
e luce alla mia strada.
ORAZIONE

   O Dio, che hai rivelato all’apostolo Pietro la volontà di riunire tutti i
popoli nell’unica Chiesa, benedici il nostro lavoro quotidiano e fa’ che
serva al tuo disegno universale di salvezza. Per Cristo nostro Signore.
       Benediciamo il Signore.

       R.
Rendiamo grazie a Dio.

Ora nona

V.
O Dio, vieni a salvarmi

R.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Gloria al Padre e al Figlio
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
   nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.
INNO
Signore, forza degli esseri,
Dio immutabile, eterno,
tu segni i ritmi del mondo:
i giorni, i secoli, il tempo.
Irradia di luce la sera,
fa’ sorgere oltre la morte,
nello splendore dei cieli,
il giorno senza tramonto.
Sia lode al Padre altissimo,
al Figlio e al Santo Spirito,
com’era nel principio,
ora e nei secoli eterni. Amen.
1 ant.
Ora sapete il mio comandamento:
          osservatelo, e sarete beati.
SALMO 118, 137-144    XVIII (Sade)
Tu sei giusto, Signore, *
   e retto nei tuoi giudizi.
Con giustizia hai ordinato le tue leggi *
   e con fedeltà incomparabile.
Mi divora lo zelo della tua casa, *
   perché i miei nemici dimenticano le tue parole.
Purissima è la tua parola, *
   il tuo servo la predilige.
Io sono piccolo e disprezzato, *
   ma non trascuro i tuoi precetti.
La tua giustizia è giustizia eterna *
   e verità è la tua legge.
Angoscia e affanno mi hanno colto, *
   ma i tuoi comandi sono la mia gioia.
Giusti sono i tuoi insegnamenti per sempre, *
   fammi comprendere e avrò la vita.
1 ant.
Ora sapete il mio comandamento:
          osservatelo, e sarete beati.
2 ant.
Giunga fino a te la mia preghiera,
          Signore, Dio della mia salvezza.
SALMO 87    Preghiera di un uomo gravemente malato
Questa è la vostra ora, è l’impero delle tenebre
(Lc 22, 53).

I    (2-8)
Signore, Dio della mia salvezza, *
   davanti a te grido giorno e notte.
Giunga fino a te la mia preghiera, *
   tendi l’orecchio al mio lamento.
Io sono colmo di sventure, *
   la mia vita è vicina alla tomba.
Sono annoverato tra quelli che scendono nella fossa, *
   sono come un uomo ormai privo di forza.
È tra i morti il mio giaciglio, *
   sono come gli uccisi stesi nel sepolcro,
dei quali tu non conservi il ricordo *
   e che la tua mano ha abbandonato.
Mi hai gettato nella fossa profonda, *
   nelle tenebre e nell’ombra di morte.
Pesa su di me il tuo sdegno *
   e con tutti i tuoi flutti mi sommergi.
2 ant.
Giunga fino a te la mia preghiera,
          Signore, Dio della mia salvezza.
3 ant.
Grido aiuto, Signore:
          non nascondermi il tuo volto.
II    (9-19)
Hai allontanato da me i miei compagni, *
   mi hai reso per loro un orrore.
Sono prigioniero senza scampo; *
   si consumano i miei occhi nel patire.
Tutto il giorno ti chiamo, Signore, *
   verso di te protendo le mie mani.
Compi forse prodigi per i morti? *
   O sorgono le ombre a darti lode?
Si celebra forse la tua bontà nel sepolcro, *
   la tua fedeltà negli inferi?
Nelle tenebre si conoscono forse i tuoi prodigi, *
   la tua giustizia nel paese dell’oblio?
Ma io a te, Signore, grido aiuto, *
   e al mattino giunge a te la mia preghiera.
Perché, Signore, mi respingi, *
   perché mi nascondi il tuo volto?
Sono infelice e morente dall’infanzia, *
   sono sfinito, oppresso dai tuoi terrori.
Sopra di me è passata la tua ira, *
   i tuoi spaventi mi hanno annientato,
mi circondano come acqua tutto il giorno, *
   tutti insieme mi avvolgono.
Hai allontanato da me amici e conoscenti, *
   mi sono compagne solo le tenebre.
3 ant.
Grido aiuto, Signore:
          non nascondermi il tuo volto.
LETTURA BREVE                                               
Is 55, 10-11  
      
   Come la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza avere irrigato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, perché dia il seme al seminatore e pane da mangiare, così sarà della parola uscita dalla mia bocca: non ritornerà a me senza effetto, senza aver operato ciò che desidero e senza aver compiuto ciò per cui l’ho mandata.
V.
Dio manda sulla terra la sua parola,

R.
il suo messaggio corre veloce.
ORAZIONE  
   O Dio, che mandasti il tuo angelo al centurione Cornelio per indicargli
la via della salvezza, donaci di collaborare alla redenzione di tutti gli
uomini, perché riuniti nella tua Chiesa, possiamo giungere fino a te nella
gloria. Per Cristo nostro Signore.
       Benediciamo il Signore.

       R.
Rendiamo grazie a Dio.