HomeLiturgia delle Ore
mercoledì 25 Dicembre 2019

Primi Vespri

NATALE DEL SIGNORE - SOLENNITA' - LITURGIA PROPRIA 
Grandezza Testo A A A
V.
O Dio, vieni a salvarmi

R.
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Gloria al Padre e al Figlio
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
   nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.
INNO
O Gesù salvatore,
immagine del Padre,
re immortale dei secoli,
​luce d'eterna luce,
speranza inestinguibile,
ascolta la preghiera.
Tu che da Maria vergine
prendi forma mortale,
ricordati di noi!
Nel gaudio del Natale
ti salutiamo, Cristo,
redentore del mondo. 
La terra, il cielo, il mare
acclamano il tuo avvento,
o Figlio dell’Altissimo. 
​Redenti dal tuo sangue,
adoriamo il tuo nome,
cantiamo un canto nuovo.
​A te sia gloria, o Cristo,
al Padre e al Santo Spirito
nei secoli dei secoli. Amen.
Oppure:
Christe, redémptor ómnium,
ex Patre, Patris Unice,
solus ante princípium
natus ineffabíliter.
Tu lumen, tu splendor Patris,
tu spes perénnis ómnium,
inténde quas fundunt preces
tui per orbem sérvuli.
Salútis auctor, récole
quod nostri quondam córporis,
ex illibáta Vírgine
nascéndo, formam súmpseris.
Hic præsens testátur dies,
currens per anni círculum,
quod solus a sede Patris
mundi salus advéneris;
Hunc cælum, terra, hunc mare,
hunc omne quod in eis est,
auctórem advéntus tui
laudat exsúltans cántico.
Nos quoque, qui sancto tuo
redémpti sumus sánguine,
ob diem natális tui
hymnum novum concínimus.
Iesu, tibi sit glória,
qui natus es de Vírgine,
cum Patre et almo Spíritu,
in sempitérna sæcula. Amen.
1 ant.
Il Re della pace viene nella gloria:
           tutta la terra desidera il suo volto.
SALMO 112
Lodate, servi del Signore, *
    lodate il nome del Signore.
Sia benedetto il nome del Signore, *
    ora e sempre.
Dal sorgere del sole al suo tramonto *
    sia lodato il nome del Signore.
Su tutti i popoli eccelso è il Signore, *
    più alta dei cieli è la sua gloria.
Chi è pari al Signore nostro Dio che siede nell’alto *
    e si china a guardare nei cieli e sulla terra?
Solleva l’indigente dalla polvere, *
    dall’immondizia rialza il povero,
per farlo sedere tra i principi, *
    tra i principi del suo popolo.
Fa abitare la sterile nella sua casa *
    quale madre gioiosa di figli.
1 ant.
Il Re della pace viene nella gloria:
           tutta la terra desidera il suo volto.
2 ant.
Manda sulla terra la sua Parola,
          il suo messaggio corre veloce.
SALMO 147
 
Glorifica il Signore, Gerusalemme, *
    loda, Sion, il tuo Dio.
Perché ha rinforzato le sbarre delle tue porte, *
    in mezzo a te ha benedetto i tuoi figli.
Egli ha messo pace nei tuoi confini *
    e ti sazia con fior di frumento.
Manda sulla terra la sua parola, *
    il suo messaggio corre veloce.
Fa scendere la neve come lana, *
    come polvere sparge la brina.
Getta come briciole la grandine, *
    di fronte al suo gelo chi resiste?
Manda una sua parola ed ecco si scioglie, *
    fa soffiare il vento e scorrono le acque.
Annunzia a Giacobbe la sua parola, *
    le sue leggi e i suoi decreti a Israele.
Così non ha fatto
    con nessun altro popolo, *
non ha manifestato ad altri
    i suoi precetti.
2 ant.
Manda sulla terra la sua Parola,
          il suo messaggio corre veloce.
3 ant.
Oggi il Verbo eterno,
          generato dal Padre prima dei secoli,
          ha umiliato se stesso,
          per noi si è fatto uomo mortale.
CANTICO   Fil 2, 6-11
Cristo Gesù, pur essendo di natura divina, *
    non considerò un tesoro geloso
       la sua uguaglianza con Dio;
ma spogliò se stesso, †
    assumendo la condizione di servo *
    e divenendo simile agli uomini;
apparso in forma umana, umiliò se stesso †
    facendosi obbediente fino alla morte *
    e alla morte di croce.
Per questo Dio l’ha esaltato *
    e gli ha dato il nome
       che è al di sopra di ogni altro nome;
perché nel nome di Gesù ogni ginocchio si pieghi †
    nei cieli, sulla terra *
    e sotto terra;
e ogni lingua proclami
       che Gesù Cristo è il Signore, *
    a gloria di Dio Padre.
3 ant.
Oggi il Verbo eterno,
          generato dal Padre prima dei secoli,
          ha umiliato se stesso,
          per noi si è fatto uomo mortale.
LETTURA BREVE
Gal 4, 4-5
   Quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la legge, per riscattare coloro che erano sotto la legge, perché ricevessimo l'adozione a figli.
 
RESPONSORIO BREVE

R.
Oggi lo saprete:
*
il Signore viene.
Oggi lo saprete: il Signore viene.

V.
Col nuovo giorno vedrete la sua gloria:
il Signore viene.
    Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Oggi lo saprete: il Signore viene.
Ant. al Magn.
Quando sorgerà il sole,
vedrete il Re dei re:
come lo sposo dalla stanza nuziale
egli viene dal Padre.
CANTICO DELLA BEATA VERGINE                         Lc 1, 46-55
Esultanza dell’anima nel Signore
L’anima mia magnifica il Signore *
   e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
perché ha guardato l’umiltà della sua serva. *
   D’ora in poi tutte le generazioni
     mi chiameranno beata.
Grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente *
   e Santo è il suo nome:
di generazione in generazione la sua misericordia *
   si stende su quelli che lo temono.
Ha spiegato la potenza del suo braccio, *
   ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;
ha rovesciato i potenti dai troni, *
   ha innalzato gli umili;
ha ricolmato di beni gli affamati, *
   ha rimandato i ricchi a mani vuote.
Ha soccorso Israele, suo servo, *
   ricordandosi della sua misericordia,
come aveva promesso ai nostri padri, *
   ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.
Gloria al Padre e al Figlio *
   e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
   nei secoli dei secoli. Amen.
Ant. al Magn.
Quando sorgerà il sole,
vedrete il Re dei re:
come lo sposo dalla stanza nuziale
egli viene dal Padre.
INTERCESSIONI
Adoriamo Cristo, che umiliò se stesso, assumendo la
    condizione di servo, e divenne simile a noi in tutto,
    fuorché nel peccato. A lui s’innalzi la nostra preghiera:
    Per il mistero della tua nascita, salvaci, o Signore.
Tu, che, entrando nella storia, hai aperto la nuova era predetta
    dai profeti,

fa’ che la Chiesa rifiorisca in giovinezza perenne.
Hai voluto rivestire la nostra condizione mortale,

sii luce ai ciechi, vigore ai deboli, conforto ai sofferenti.
Sei nato nell’umiltà del presepe,

guarda ai poveri del mondo e dona a tutti prosperità
    e pace.
Hai portato agli uomini il lieto annunzio della salvezza,

fa’ risplendere agli occhi dei morenti la speranza della
    nuova nascita nel tuo regno.
Sei disceso sulla terra per farci salire al cielo,

riunisci con te nella gloria i nostri fratelli defunti.
 
Padre nostro.
ORAZIONE
   
   O Dio, che ogni anno ci fai vivere nella gioia questa vigilia del Natale, concedi che possiamo guardare senza timore, quando verrà come giudice, il Cristo tuo Figlio che accogliamo in festa come Redentore. Egli è Dio e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli.
Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.

R.
Amen.
Coloro che prendono parte alla celebrazione comunitaria dell’Ufficio delle letture e della Messa della notte, omettono Compieta.