HomeNotizieLa forza di quel Pane

La forza di quel Pane

famiglia
“Eucaristia e matrimonio” è il tema del seminario in corso a Lanciano (CH), dal 15 al 16 marzo, promosso dall’Ufficio Nazionale per la pastorale della famiglia.
Al centro della riflessione di mons. Giuseppe Busani, Vicario per la Pastorale della Diocesi di Piacenza-Bobbio, l’evento di Cristo Sposo, come emerge dal libro dell’Apocalisse, e quindi l’Eucaristia, banchetto di nozze dal quale la Chiesa-Sposa è generata.
“L’Eucaristia scrive nella nostra carne l’identità della Sposa – ha detto mons. Busani –, secondo una relazione di vicinanza, di ospitalità e di obbedienza. Dall’Eucaristia impariamo a vivere la reciprocità, la prossimità all’altro senza invadenza che sia invadenza, la relazione unica ma non esclusiva, capace perfino di includere anche le ferite”.
Proprio la vita donata di Cristo – ha aggiunto – permette di vivere anche in relazioni ferite: “Gesù ha offerto se stesso (‘Questo è il mio corpo…’) proprio nel momento in cui la comunità si stava sfaldando, se ne andava, lo abbandonava”. Di qui la forza del Pane per la vita matrimoniale: “L’Eucaristia non è un precetto, ma una forma di vita, un incontro, un ‘luogo’ dal quale siamo rigenerati ogni domenica”.
A sua volta Ina Siviglia, docente di Antropologia teologica alla Facoltà Teologica di Palermo,  ha ripreso l’idea-forza contenuta nell’enciclica Deus Caritas est, per cui “non esiste che un solo amore che si manifesta in due volti, quello divino dell’Agape e quello umano dell’Eros: ambedue vanno messi in una intrinseca correlazione ed armonizzati”.
La relatrice ha spiegato come la cultura di matrice cristiana abbia “privilegiato l’Agape, relegando spesso l’Eros a cieca passione sessuale; di contro la cultura odierna ha fatto dell’Eros per lo più un vero e proprio idolo, sganciandolo sia dall’ambito religioso che da quello morale, procedendo nella direzione del relativismo etico in materia di sessualità”.
Ha quindi concluso: “Agli sposi cristiani, che con l’Eucarestia si uniscono a Cristo, è chiesto oggi di testimoniare la bellezza dell’amore umano e di educare le giovani generazioni ad una sapiente e illuminata concezione del corpo e della sessualità”.
A qualificare il seminario, anche una duplice proposta di lectio divina, curata dalla biblista suor Benedetta Rossi, che ha aiutato a rileggere le metafore del Cantico dei Cantici, come anche l’episodio evangelico dell’unzione di Betania, rispettivamente nella dimensione eucaristica e nella modalità familiare.
Il seminario della Pastorale della famiglia guarda all’ormai vicino appuntamento del Congresso Eucaristico Nazionale: il percorso del pane – secondo l’immagine cara al direttore, don Paolo Gentili – diventa parabola di un amore che cresce, matura e nella reciprocità di uomo e donna esprime pienezza di umanità: “Il giorno delle nozze l’amore umano dei due sposi diviene sacramento, cioè segno efficace di salvezza, presenza permanente finché gli sposi sono in vita. E, di domenica in domenica, l’Eucaristia rinnova in loro la forza di potersi amare come Cristo ama la Chiesa sua Sposa”.
 
16 marzo 2011

Agenda »

Sabato 22 Settembre 2018
LUN 17
MAR 18
MER 19
GIO 20
VEN 21
SAB 22
DOM 23
LUN 24
MAR 25
MER 26
GIO 27
VEN 28
SAB 29
DOM 30
LUN 01
MAR 02
MER 03
GIO 04
VEN 05
SAB 06
DOM 07
LUN 08
MAR 09
MER 10
GIO 11
VEN 12
SAB 13
DOM 14
LUN 15
MAR 16
Nei giorni 21-23 settembre 2018, a Tangeri (Marocco), una delegazione di Vescovi della Commissione Episcopale per le Migrazioni (CEMi) incontrerà i rappresentanti della Conferenza Episcopale del Nord Africa (CERNA) per partecipare alla solenne liturgia inaugurale dell´Assemblea Generale, visitare la Diocesi di Tangeri e il campo profughi della città.Rappresentanti della CEMi il Presidente S.E. Mons. Guerino Di Tora, Vescovo ausiliare di Roma, S.E. Mons. Massimo Camisasca, Vescovo di Reggio Emilia-Guastalla, e S.E. Mons. Domenico Cornacchia, Vescovo di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi.Arriveranno inoltre dall´Italia il Cardinal Francesco Montenegro, Arcivescovo di Agrigento e Presidente di Caritas Italiana, S.E. Mons. Domenico Mogavero, Vescovo di Mazara del Vallo, e don Giovanni De Robertis, direttore generale Migrantes.