HomeNotizie
Salute

La cura dei malati nella prossimità

310321-019

Si svolge online il 12 e il 13 aprile “Amare il prossimo: la cura dei malati nella prossimità”, il corso di formazione rivolto ai Vescovi e promosso dalla Commissione Episcopale per il servizio della Carità e la Salute e dall’Ufficio Nazionale per la pastorale della salute con l’obiettivo di offrire una lettura del presente per individuare prospettive future.

“È indispensabile promuovere una cultura della prossimità, nella quale ognuno si fa carico delle esigenze ineludibili della realtà umana. Tale cultura della cura trova il suo fondamento nella promozione della dignità di ogni persona umana, della solidarietà con i poveri e gli indifesi, del bene comune e della salvaguardia del creato”, ha affermato  il Card. Peter Kodwo Appiah Turkson, Prefetto del Dicastero per il Servizio dello sviluppo umano integrale, nel suo saluto iniziale. “Ogni Chiesa locale, sotto la guida del Vescovo deve nuovamente riscoprire in sé il tratto di presenza sanante che plasma una comunità sanante con tutti i suoi carismi e ministeri”, ha aggiunto il Card. Turkson, sottolineando che “la dimensione sanante, che diventa la dimensione salvifica e salutare della Chiesa, deve essere presente non solo in una sua pastorale specifica come quella della salute ma deve essere parte integrante dell’essere della Chiesa e di tutto il suo agire pastorale”.

“L’opera salvifica di Cristo continua con i suoi discepoli a cui Gesù ha affidato una duplice missione: annunciare il Vangelo della salvezza e guarire gli infermi”, ha continuato Mons. Stefano Russo, Segretario Generale della CEI, per il quale “oggi si apre un nuovo scenario di dialogo, una nuova occasione di recuperare incontri che producano sempre più salute”. “Pur nella sua drammaticità – ha spiegato – la pandemia ha avviato un recupero antropologico della professione medica, mettendo in risalto l’importanza di una relazione di cura che abbia nella centralità della persona la sua cifra caratteristica”. Di qui “la necessità di rinsaldare quel patto tra il malato e chi lo cura, basato sulla fiducia e sul rispetto reciproco”.

“Di fronte ad una situazione problematica come quella  causata dal Covid, vogliamo assicurare la nostra vicinanza alle persone che soffrono e a quanti se ne prendono cura”, ha ribadito Mons. Carlo Maria Redaelli, Arcivescovo di Gorizia e Presidente della Commissione Episcopale per il servizio della carità e la salute, secondo il quale è fondamentale “rimettere al centro la pastorale della salute, consapevoli del limite delle risorse a disposizione, ma anche del cammino di Chiesa fatto e delle collaborazioni avviate”. “L’attenzione alla persona – ha concluso – è un fatto culturale”.

12 Aprile 2021

Agenda »

Venerdì 14 Maggio 2021
LUN 10
MAR 11
MER 12
GIO 13
VEN 14
SAB 15
DOM 16
LUN 17
MAR 18
MER 19
GIO 20
VEN 21
SAB 22
DOM 23
LUN 24
MAR 25
MER 26
GIO 27
VEN 28
SAB 29
DOM 30
LUN 31
MAR 01
MER 02
GIO 03
VEN 04
SAB 05
DOM 06
LUN 07
MAR 08
Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l‘edilizia diculto CEI-OA - Formazione a distanza
Il 14 maggio 2021 (ore 10.00-12.00) l'Ufficio BCE organizza un incontro in modalità webinar sul sistema CEI-OA, in uso nell'ambito del progetto per l'inventariazione dei beni mobili.  Il webinar è dedicato alle funzionalità di codifica degli edifici di collocazione, degli enti proprietari e dei contenitori giuridici sulle schede OA.In particolare verranno illustrati i sistemi di codifica attivi su CEI-OA con particolare attenzione: alla nuova funzionalità di codifica del contenitore giuridico (campo LDCM della scheda OA), al recupero del pregresso (codifica non completata), all'opportunità di pubblicare su BeWeB, mediante il tool Gestisci visibilità edifici > beni, la localizzazione dei beni e, contestualmente, l'eventuale appartenenza alla collezione di un istituto culturale.Il webinar, a numero chiuso, è riservato agli utenti (diocesani o di ordini religiosi) con profilo schedatore o revisore su CEI-OA, già abilitati al sistema o in corso di abilitazione e di cui l'Ufficio BCE abbia già ricevuto il curriculum vitae.Il modulo di iscrizione è disponibile sul Forum OA.La formazione si svolgerà online sulla piattaforma Webex.
Master: Cultura e professionalità dell’insegnante di scuola cattolicaObiettivi: Il Master, di durata annuale, è destinato a Laureati in Scienze della formazione primaria che intendano lavorare in scuole paritarie cattoliche dell’infanzia o primarie. Il Master è aperto anche a insegnanti di scuola dell’infanzia o primaria che siano già in servizio in una scuola paritaria cattolica. Il Master offre strumenti per approfondire la preparazione pedagogico-didattica e per comprendere la specifica natura della scuola cattolica e del suo progetto educativo.