HomeNotizieIn preghiera per il Sudan

In preghiera
per il Sudan

sudan
Il prossimo 9 luglio è la data fissata – in seguito al referendum dello scorso gennaio, previsto dagli accordi di pace del 2005 – per la nascita di un nuovo Sud Sudan, svincolato dal governo di Khartoum. L’avvicinarsi dell’autodeterminazione coincide con scontri e violenze tanto che i vescovi sudanesi hanno lanciato un appello alla pace e una novena che prenderà il via mercoledì 29 giugno.
La situazione si è progressivamente aggravata, con scontri sempre più intensi nell’area di confine tra Nord e Sud Sudan e nelle ultime settimane nel Nord Sudan, specialmente nella regione del Sud Kordofan. Imprecisato il numero di vittime e oltre 60.000 le persone in fuga a causa di razzie, incendi di villaggi, violazioni di diritti umani, esecuzioni sommarie, bombardamenti aerei.
“La guerra deve terminare immediatamente. C’è una grande sofferenza tra la popolazione. La comunità internazionale deve fare tutto il possibile per consentire il ritorno della pace” denuncia mons. Michael Didi Adgum Mangoria, vescovo ausiliare di El Obeid, diocesi maggiormente colpita dalle ultime violenze.
Oltre 30 anni di guerre, colpi di stato militari, crisi economiche e alimentari hanno portato l’82% della popolazione a vivere sotto la soglia di povertà, oltre 2 milioni di morti e 6 milioni di profughi, nonostante gli accordi di pace nel 2005. Come da tempo viene sottolineato dalla Campagna italiana per il Sudan (www.campagnasudan.it), sono molti i nodi irrisolti e gli interessi in campo, soprattutto per quanto concerne l’uso delle risorse, che trasformano la data del 9 luglio in motivo di conflitto, nonostante il riconoscimento dell’esito del referendum da parte del governo di Khartoum.
Caritas Italiana si unisce alla preghiera per la pace dei vescovi locali e intensifica il sostegno a Caritas Sudan.
Da anni Caritas Italiana è attiva in Sudan e nei paesi limitrofi con un impegno complessivo di oltre 500.000 euro in programmi in favore della pace, educazione, sanità, sviluppo agricolo e, dal 2009, con la presenza di un’operatrice sul campo, affianca la Chiesa locale in un piano di formazione delle comunità di base e del personale diocesano, per accrescere la capacità di lettura e di risposta ai bisogni delle fasce più vulnerabili della popolazione.
Maggiori informazioni sul sito di Caritas Italiana.
28 giugno 2011

Agenda »

Sabato 19 Gennaio 2019
LUN 14
MAR 15
MER 16
GIO 17
VEN 18
SAB 19
DOM 20
LUN 21
MAR 22
MER 23
GIO 24
VEN 25
SAB 26
DOM 27
LUN 28
MAR 29
MER 30
GIO 31
VEN 01
SAB 02
DOM 03
LUN 04
MAR 05
MER 06
GIO 07
VEN 08
SAB 09
DOM 10
LUN 11
MAR 12
Ufficio Nazionale per la pastorale del tempo libero, turismo e sport Simposio "Euro Mediterraneo sul Turismo Religioso" (Assisi, 18-19 gennaio 2019)
Questo Ufficio Nazionale promuove il simposio sul Turismo religioso Euro-Mediterraneo in tre sessioni che si terranno nel corso del 2019 per riflettere, confrontarsi ed elaborare progetti operativi sul tema “Verso un’identità del Turismo religioso”.Tale metodologia di lavoro è stata pensata nell’ambito dell’Osserva-Laboratorio per il Turismo Religioso-culturale Euro-Mediterraneo (OLTREM), che nasce allo scopo di coordinare e supportare azioni nel campo del Turismo religioso.Il primo degli incontri, declinato sui concetti di Bellezza e Stupore e strutturato secondo la metodologia del simposio, si terrà ad Assisi il 18 e 19 gennaio 2019.La partecipazione è su invito personaleIn allegato il Programma con le Note logistiche per la partecipazione
Ufficio Nazionale per la pastorale della famiglia Consulta Nazionale di pastorale familiare
Si svolgerà a Roma,  dal 19 al 20 gennaio 2019 l´incontro dei membri della Consulta Nazionale di pastorale familiare