HomeNotizie“Il drago non è il più forte!”

“Il drago non è il più forte!”

Aparecida2
Visibile l’emozione di Papa Francesco nell’entrare mercoledì 24 luglio nella Basilica del Santuario di Nostra Signora di Aparecida, “la casa della Madre”, particolarmente cara al cuore del popolo latinoamericano. La memoria del Successore di Pietro torna alla V Conferenza Generale dell’Episcopato dell’America Latina e dei Caraibi: “I Vescovi – confida nell’omelia, ripensando a quell’incontro di sei anni fa – si sentivano incoraggiati, accompagnati e, in un certo senso, ispirati dalle migliaia di pellegrini che venivano ogni giorno ad affidare la loro vita alla Madonna: quella Conferenza è stata un grande momento di Chiesa. E, in effetti, si può dire che il Documento di Aparecida sia nato proprio da questo intreccio fra i lavori dei Pastori e la fede semplice dei pellegrini, sotto la protezione materna di Maria”.
E, rivolgendosi a tutti gli educatori, indica quindi “tre semplici atteggiamenti” per “trasmettere ai nostri giovani i valori che li rendano artefici di una Nazione e di un mondo più giusti, solidali e fraterni”.
Innanzitutto, “mantenere la speranza”. Commentando la lettura dell’Apocalisse, il Papa riconosce le “difficoltà ci sono nella vita”, ma esorta alla fiducia, perché “Dio non lascia mai che ne siamo sommersi”. Di qui l’appello: “Non perdiamo mai la speranza! Non spegniamola mai nel nostro cuore! Il “drago”, il male, c’è nella nostra storia, ma non è lui il più forte”. Quindi, è decisivo sottrarsi al “fascino di tanti idoli che si mettono al posto di Dio e sembrano dare speranza”: in realtà, sono “compensazioni”, “idoli passeggeri”. L’educatore, ha fatto capire, è chiamato a incoraggiare “la generosità che caratterizza i giovani”, convinti che “non hanno bisogno solo di cose, hanno bisogno soprattutto che siano loro proposti quei valori immateriali che sono il cuore spirituale di un popolo, la memoria di un popolo”.
Il secondo atteggiamento richiede di “lasciarsi sorprendere da Dio”, da Colui che sempre stupisce, come il vino nuovo nel Vangelo”. Sempre “Dio riserva il meglio per noi”; ma a sua volta “chiede che noi ci lasciamo sorprendere dal suo amore, che accogliamo le sue sorprese”. Di qui l’invito: “Fidiamoci di Dio! Lontano da Lui il vino della gioia, il vino della speranza, si esaurisce. Se ci avviciniamo a Lui, se rimaniamo con Lui, ciò che sembra acqua fredda, ciò che è difficoltà, ciò che è peccato, si trasforma in vino nuovo di amicizia con Lui”.
Infine, il Papa richiama la condizione di fondo del credente: “Vivere nella gioia, essere testimoni di questa gioia”. Poiché “Dio ci accompagna, abbiamo una Madre che sempre intercede per la vita dei suoi figli, Gesù ci ha mostrato che il volto di Dio è quello di un Padre che ci ama”, il cristiano non ha la faccia di chi sembra trovarsi in un lutto perpetuo: se siamo davvero innamorati di Cristo e sentiamo quanto ci ama, il nostro cuore si «infiammerà» di una gioia tale che contagerà quanti vivono vicini a noi”.
24 luglio 2013

Agenda »

Venerdì 16 Novembre 2018
LUN 12
MAR 13
MER 14
GIO 15
VEN 16
SAB 17
DOM 18
LUN 19
MAR 20
MER 21
GIO 22
VEN 23
SAB 24
DOM 25
LUN 26
MAR 27
MER 28
GIO 29
VEN 30
SAB 01
DOM 02
LUN 03
MAR 04
MER 05
GIO 06
VEN 07
SAB 08
DOM 09
LUN 10
MAR 11
Ufficio Catechistico Nazionale Consulta Nazionale UCN