HomeNotizieIl coraggio di rischiare
Vocazioni

Il coraggio di rischiare

Vocazioni

“Il coraggio di rischiare per la promessa di Dio” è il tema della 56ª Giornata Mondiale di preghiera per le vocazioni, che viene celebrata domenica 12 maggio.

Nel Messaggio del Santo Padre, che si apre ricordando l’Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei Vescovi, appena celebrata e dedicata proprio ai giovani e al discernimento vocazionale, e la 34ª Giornata Mondiale della Gioventù svoltasi a Panamà, si legge: “La chiamata del Signore (…) è l’iniziativa amorevole con cui Dio ci viene incontro e ci invita ad entrare in un progetto grande, del quale vuole renderci partecipi, prospettandoci l’orizzonte di un mare più ampio e di una pesca sovrabbondante”.

“Per accogliere la chiamata del Signore – ricorda ancora Papa Francesco – occorre mettersi in gioco con tutto sé stessi e correre il rischio di affrontare una sfida inedita”.

“Nell’incontro con il Signore qualcuno può sentire il fascino di una chiamata alla vita consacrata o al sacerdozio ordinato – conclude il Messaggio –: non siate sordi alla chiamata del Signore! Se Egli vi chiama per questa via, non tirate i remi in barca e fidatevi di Lui”.

L’Ufficio Nazionale per la pastorale delle vocazioni ha preparato alcuni Sussidi sul tema, per accompagnare la celebrazione di questa Giornata. In varie diocesi dell’Emilia Romagna, dal 4 al 12 maggio, la celebrazione nazionale.

09 Maggio 2019

Agenda »

Sabato 29 Febbraio 2020
LUN 24
MAR 25
MER 26
GIO 27
VEN 28
SAB 29
DOM 01
LUN 02
MAR 03
MER 04
GIO 05
VEN 06
SAB 07
DOM 08
LUN 09
MAR 10
MER 11
GIO 12
VEN 13
SAB 14
DOM 15
LUN 16
MAR 17
MER 18
GIO 19
VEN 20
SAB 21
DOM 22
LUN 23
MAR 24
Centro Studi per la scuola cattolica Seminario di Studio:Come stanno cambiando i bambini
Il seminario intende analizzare l´identità dei bambini nella fascia di età copresa tra i 3 e i 10 anni, a trent´anni dalla dichiarazione dei diritti del fanciullo 1989. Si vuole offrie l´occasione per analizzare  se e come stiano cambiando le generazioni dei giovanissimi dal punto di vista cognitivo, emotivo, comunicativo, relazionale, per verificare quanto il cambiamento sia un fatto effettivamente nuovo e il segnale di una nuova epoca.