HomeNotizieIl Card. Bagnasco: “E' bella la Chiesa!”

Il Card. Bagnasco:
“E' bella la Chiesa!”

fiori
“Senza il Cristo cosa sarebbero i nostri giorni? Cosa saremmo noi senza di Lui? Una scintilla nel buio, un desiderio subito spento. Ed è per questo che, come pellegrini nel tempo, come viandanti assetati ed affamati ci portiamo, davanti all’altare davanti a lui che da respiro ala nostra vita ed ali
alle nostre povertà e forza ai nostri passi”.
Con queste parole, il Card. Angelo Bagnasco è intervenuto alla veglia di preghiera che sabato 10 settembre si è svolta ad Ancona, nella sera vigilia dell’incontro con Benedetto XVI.
Domenica 11 settembre sarà, infatti, il Papa a concludere il XXV Congresso Eucaristico Nazionale. Giungerà ad Ancona in elicottero, verso le 9.15; alle 10 presiederà la S. Messa dall’Area Fincantieri (diretta su Rai Uno, Tv2000 e in streaming su questo sito e su www.congressoeucaristico.it).
Nel pomeriggio, alle 17, nella cattedrale di S. Ciriaco incontrerà sacerdoti e genitori; alle 18, in Piazza del Plebiscito, i fidanzati. Entrambi gli appuntamenti saranno trasmessi da Tv2000 e dal sito del Congresso.
“Nell’adorazione vogliamo rinnovare, con tutta l’intensità del cuore con cui siamo capaci, il nostro ringraziamento al Signore Gesù – ha detto ancora sabato sera il Card. Bagnasco – che nell’Eucaristia è Dio con noi e Dio per noi: “Grazie perché ci sei, senza di te non sarei nulla”.
Il Presidente della Cei ha dato voce anche all’orgoglio del credente di appartenere alla comunità cristiana: “Come è bella la Chiesa, che risplende sui nostri volti di povere creature, pellegrini, peccatori su cui risplende la grazia di Dio; come è bella la Chiesa, corpo di Cristo, popolo di Dio, famiglia dei suoi figli”
E ancora: “Questa chiesa è la città posta sul monte e la luce sul candelabro per dire al mondo che esiste la speranza e che si può vivere in un modo diverso. La comunione delle vite non è utopia ma grazia e responsabilità”.
E, infine: “Come è bella la Chiesa nel cui grembo stanno le nostre diversità, le nostre differenze, le nostre storie che si unificano con una sintonia che è dono della grazia di Dio per formare una comunità che agli occhi del mondo è un prodigio: ‘Che siano una cosa sola perché il mondo creda’.
Nell’unità della Chiesa – ha concluso – dove il nostro io si ritrova nel noi della comunità credente”.
10 settembre 2011

Agenda »

Domenica 18 Novembre 2018
LUN 12
MAR 13
MER 14
GIO 15
VEN 16
SAB 17
DOM 18
LUN 19
MAR 20
MER 21
GIO 22
VEN 23
SAB 24
DOM 25
LUN 26
MAR 27
MER 28
GIO 29
VEN 30
SAB 01
DOM 02
LUN 03
MAR 04
MER 05
GIO 06
VEN 07
SAB 08
DOM 09
LUN 10
MAR 11
La Pastorale della salute si muove dentro un contesto culturale che nel corso del tempo ha cercato di trovare possibili risposte al problema della sofferenza e in modo particolare alla sofferenza innocente. Oggi come non mai questo problema sfida la ragione moderna e se spesso si preferisce spostare il problema o cercare di relativizzarlo rimane sempre una domanda aperta davanti ai grandi dramma della storia umana.Rispondendo a un´esigenza manifestata da più parti di approfondire una tematica che sta particolarmente a cuore ai diaconi permanenti, si terrà ad Assisi, dal 17 al 18 novembre 2018, il Seminario di approfondimento sui temi del diaconato nel mondo della salute.Scarica il programmaIscrizioni online
Segreteria Generale 2a Giornata dei Poveri
Il corso, che si terrà ad Assisi dal 18 al 23 novembre 2018, vuole offrire a cappellani e operatori pastorali che iniziano questo ministero o che sentono l’esigenza di un’ulteriore preparazione, alcuni elementi fondamentali di pastorale della salute.Essere accanto al malato, come «presenza e azione della Chiesa per recare la luce e la grazia del Signore a coloro che soffrono e a quanti se ne prendono cura» (cfr La pastorale della salute nella Chiesa italiana n. 19) è un compito prezioso e delicato che necessita passione e formazione.ProgrammaInformazioni logistiche