HomeNotizie“Gesù non mi ha mai fatto torto”

“Gesù non mi ha mai
fatto torto”

suora
«Sono ottantasei anni che lo servo e mai mi ha fatto torto. Come posso bestemmiare il mio re e salvatore?». Queste sono le parole di San Policarpo, discepolo dell’apostolo Giovanni e vescovo di Smirne agli inizi del II secolo, dette quando subì il martirio al rogo preferendo questo supplizio pur di non rinnegare Gesù e mons. Luciano Monari, vescovo di Brescia, ha voluto riportare questa risposta perché ne prova ammirazione e la sente propria: «Gesù non mi ha mai fatto torto», ha detto, e durante il suo intervento ha spiegato il motivo partendo da cosa sia per lui Gesù.
Sin dalla nascita l’uomo percorre un cammino ininterrotto di crescita e trasformazione, stabilendo relazioni con gli altri e solo quando riesce «ad amare Dio con tutto il cuore», le forze e l’anima, solo lì, si può dire che la sua vita diviene un «capolavoro», uno strumento «attraverso cui Dio opera nel mondo e conduce il mondo a se stesso. Avventura magnifica, la vita dell’uomo; ma difficile», ha ribadito il Vescovo, che ha voluto mettere in risalto l’importanza e il bisogno di stabilire una comunione con Gesù «in un rapporto continuo e permanente». Questa è la condizione principale per vivere una vita buona e autentica. Questo è un cammino di umanizzazione e tuttavia l’uomo non ha bisogno solo di Dio, ma anche degli altri, ed è proprio la fede e l’amore per Lui che ci permettono di «abbracciare con cuore puro l’umanità intera, di vincere il male col bene». Proprio per questo motivo, ha continuato Monari, abbiamo bisogno di Gesù «perché il mistero inafferrabile di Dio sia tradotto in parole e gesti umani».
L’amore di Dio è la forza dell’universo che ha preso forma umana in Gesù, ora bisogna stabilire come sia possibile vivere oggi l’incontro con Gesù, un uomo di duemila anni fa. Secondo il Vescovo, mentre il Gesù «storico» è stato presente in un luogo ben preciso, «il Signore risorto è partecipe nel mondo di presenza proprio di Dio» è quindi «presente in ogni tempo e luogo», qui, ora e così, rimane vivo come persona nel Vangelo e nei sacramenti. Sono lo Spirito e la Parola di Gesù che guidano tutto questo processo, ma «tocca all’uomo lasciarsi trasformare da Lui e, trasformati da Lui, diventare a nostra volta trasformatori del mondo e della storia perché il mondo e la storia prendano la forma di Cristo». I testi che secondo Monari possono aiutare a capire questo processo di trasformazione sono sostanzialmente due: l’inizio del racconto della passione nel vangelo di Giovanni e la preghiera di Gesù nell’orto dei Getsemani il giorno prima di morire.
18 agosto 2011

Agenda »

Venerdì 24 Maggio 2019
LUN 20
MAR 21
MER 22
GIO 23
VEN 24
SAB 25
DOM 26
LUN 27
MAR 28
MER 29
GIO 30
VEN 31
SAB 01
DOM 02
LUN 03
MAR 04
MER 05
GIO 06
VEN 07
SAB 08
DOM 09
LUN 10
MAR 11
MER 12
GIO 13
VEN 14
SAB 15
DOM 16
LUN 17
MAR 18
Ufficio Catechistico Nazionale Consulta Nazionale UCN
Ufficio Catechistico Nazionale Gruppo di Lavoro sui Linguaggi
Ufficio Nazionale per l‘educazione, la scuola e l‘università Consulta Nazionale per l‘educazione, la scuola e l‘università
Il nuovo organismo dell´UCN è affidato al coordinamento di don Salvatore Soreca e don Giorgio Bezze. e ha come membri  il Prof. Michele Aglieri, Sr. Giancarla Barbon, Dott.ssa Katia Bolelli, Dott.ssa Anna Teresa Borrelli, don Andrea Cavallini, don Luigi Donati Fogliazza, don Maurizio Mirai, Prof. Don Ubaldo Montisci, P. Rinaldo Paganelli e Dott.ssa Avv. Angela Pesce.Fra i suoi obiettivi:a) proseguire il monitoraggio delle principali iniziative italiane in campo formativo, anche mediante l’utilizzo e l’arricchimento del portale www.formazionecatechisti.it;b) sostenere le realtà diocesane e associative con la stesura e la pubblicazione di un Vademecum per la formazione che recepisca gli studi più aggiornati in materia, nonché la disponibilità a interventi sul territorio per rileggere l’impostazione delle prassi formative;c) proporre nell’autunno 2019 una sessione di formazione rivolta ai direttori UCD e ai referenti formativi delle diocesi, delle regioni e delle realtà associative, con particolare attenzione a quegli ambiti in cui non è già attiva un’esperienza analoga (p. es.: i rapporti tra catechesi e altre azioni ecclesiali, la costruzione di un itinerario; le resistenze consce o inconsce alla formazione; i nuovi scenari della formazione degli adulti);d) formulare proposte circa la costituzione di un Settore UCN stabile dedicato alla formazione.