HomeNotizieFamiglia, luogo dell’incontro
Comunicazione

Famiglia, luogo dell’incontro

famiglia

L’icona della Visitazione, con l’incontro tra Maria ed Elisabetta, scandisce il Messaggio per la XIL Giornata mondiale delle comunicazioni sociali, presentato venerdì 23 gennaio, vigilia della memoria di san Francesco di Sales. Fin dal titolo, Comunicare la famiglia: ambiente privilegiato dell’incontro nella gratuità dell’amore, il testo si caratterizza per la sintonia con l’attualità del cammino sinodale imperniato sul tema della famiglia.
Il grembo materno – scrive il Papa – è “la prima «scuola» di comunicazione, fatta di ascolto e di contatto corporeo”; un grembo che, venuti al mondo, è quindi fatto di “persone diverse, in relazione: la famiglia”. In essa, “luogo dove si impara a convivere nella differenza” (EG, 66), la comunicazione assume i tratti dell’accoglienza reciproca (“differenze di generi e di generazioni” tra cui “esiste un vincolo profondo”), della preghiera (grazie all’educazione respirata dai genitori), della prossimità (imparando a “ridurre le distanze, venendosi incontro a vicenda”), del perdono (che permette di accettare i “limiti propri e altrui” e di “imparare ad affrontarli in maniera costruttiva”) e dell’aperura (“aprire le porte, non rinchiudersi nei propri appartamenti, uscire, andare verso l’altro”).
Per tutto questo, la famiglia si scopre luogo che insegna a “benedire anziché maledire, visitare anziché respingere, accogliere anziché combattere”: sono verbi di vita, che permettono di “spezzare la spirale del male, per testimoniare che il bene è sempre possibile”.
Nella parte conclusiva del messaggio, Papa Francesco si sofferma sulla presenza dei media tra le pareti di casa. Non si fatica a riconoscervi l’esperienza di ciascuno, per realtà domestiche nelle quali essi costituiscono un ostacolo quando diventano “un modo di sottrarsi all’ascolto, di isolarsi dalla compresenza fisica, con la saturazione di ogni momento di silenzio e di attesa”. Di qui il ruolo degli adulti e dell’intera comunità cristiana nel far sì che gli stessi media possano favorire la comunicazione in famiglia, aiutando “a raccontare e condividere, a restare in contatto con i lontani, a ringraziare e chiedere perdono, a rendere sempre di nuovo possibile l’incontro”.

23 gennaio 2015

Agenda »

Domenica 23 Settembre 2018
LUN 17
MAR 18
MER 19
GIO 20
VEN 21
SAB 22
DOM 23
LUN 24
MAR 25
MER 26
GIO 27
VEN 28
SAB 29
DOM 30
LUN 01
MAR 02
MER 03
GIO 04
VEN 05
SAB 06
DOM 07
LUN 08
MAR 09
MER 10
GIO 11
VEN 12
SAB 13
DOM 14
LUN 15
MAR 16
Nei giorni 21-23 settembre 2018, a Tangeri (Marocco), una delegazione di Vescovi della Commissione Episcopale per le Migrazioni (CEMi) incontrerà i rappresentanti della Conferenza Episcopale del Nord Africa (CERNA) per partecipare alla solenne liturgia inaugurale dell´Assemblea Generale, visitare la Diocesi di Tangeri e il campo profughi della città.Rappresentanti della CEMi il Presidente S.E. Mons. Guerino Di Tora, Vescovo ausiliare di Roma, S.E. Mons. Massimo Camisasca, Vescovo di Reggio Emilia-Guastalla, e S.E. Mons. Domenico Cornacchia, Vescovo di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi.Arriveranno inoltre dall´Italia il Cardinal Francesco Montenegro, Arcivescovo di Agrigento e Presidente di Caritas Italiana, S.E. Mons. Domenico Mogavero, Vescovo di Mazara del Vallo, e don Giovanni De Robertis, direttore generale Migrantes.