Cultura?Comunicazione Editoriale di Sua Em.za Card. Camillo Ruini, Presidente della CEI

Sua specialità, giocare d'anticipo. Ha inciso sugli eventi e sui sentimenti di molti – 16 ottobre 2003

le, un poco dei privilegiati.Editoriale di Sua Em.za Card. Camillo Ruini, Presidente della CEI, pubblicato sul quotidiano Avvenire del 16 ottobre 2003, in occasione del 25° Anniversario di Pontificato di Sua Santità Giovanni Paolo II

Venticinque anni sono piccolissima cosa, nella misura cosmica del tempo e anche nel cammino del genere umano, ma sono uno spazio assai significativo nella vita di una persona. Quando poi, come nell´ultimo secolo, il passo della storia sembra essersi fatto più veloce, venticinque anni possono contenere cambiamenti di grandissima portata, nella geografia politica ed economica come anche nei modi di sentire e negli scenari culturali. Da venticinque anni Giovanni Paolo II è alla guida della Chiesa non soltanto reggendo il timone ma anche stando in prima linea ed esponendosi in prima persona. Si direbbe che questo è il suo carattere, la sua natura, e che pertanto egli non può fare diversamente. Ma occorre aggiungere che questo è anzitutto il posto in cui lo colloca la sua passione per Gesù Cristo e per l´uomo. In virtù di questa passione egli è riuscito a incidere in profondità sul corso degli eventi, sulle tendenze culturali e perfino sui sentimenti di molte persone. All´inizio del suo pontificato era talvolta ritenuto in ritardo sui tempi, confinato in una coraggiosa ma sterile difesa del passato. E invece un poco per volta, si è potuto constatare che questo Papa giocava d´anticipo ed era capace di “fare storia”, di aprire le porte del futuro. Non mi riferisco soltanto all´anno 1989 ma, ad esempio, alla sfida del dialogo tra le religioni come via obbligata per costruire la pace, o anche – e soprattutto – all´altra sfida, solo apparentemente opposta, che si gioca in primo luogo all´interno della Chiesa e che consiste nel ritenere che la fede cristiana sia, anche oggi, la più grande forza spirituale dell´umanità: anzi, l´unica decisiva. Stando in prima linea, Giovanni Paolo II ha portato con sé, in maniera via via più convinta, il grande e articolato corpo della Chiesa. E così ha incarnato in questo corpo grande e antico il messaggio rinnovatore del Concilio Vaticano II, muovendosi sempre nella duplice direzione di concentrarsi su Gesù Cristo e, su questa base, di aprirsi a un mondo che cambia in maniera accelerata. C´è però un´altra dimensione di questi venticinque anni, della quale si parla meno. Essa non riguarda i grandi scenari della storia e della vita della Chiesa, ma tocca direttamente le persone. Si dice, giustamente, che la fede si trasmette anzitutto attraverso l´incontro e il contatto personale: vi sono però degli uomini e delle donne a cui Dio fa un dono speciale, quello di arrivare al cuore di molti, anche non personalmente conosciuti, e di aiutarli a trovare, o a riscoprire, la fede. Giovanni Paolo II è uno di tali uomini, a quel raggio larghissimo a cui è arrivato in questi venticinque anni, con i suoi viaggi e anche attraverso la televisione. Sono tante, in concreto, le persone che mi hanno confidato di avere ricevuto molto, in questo senso, dalla testimonianza del Papa. A loro ha saputo dare voce un giornalista da poco scomparso, Domenico Del Rio, con queste parole: «Vorrei far sapere al papa che lo ringrazio… Da nessuno mi è venuto tanto aiuto come dalla sua fede. Questo aiuto l´avevo nel vederlo pregare, quando si mette in Dio, e si vede che questo “mettersi in Dio” lo salva da tutto. A “mettermi in ginocchio”, l´ho imparato dal Papa». Chiaramente, non si tratta soltanto della fede e della preghiera prese, per così dire, in se stesse. Si tratta anche di riprendere fiducia, di ritrovare il senso della vita. Conosco molte persone, da sempre credenti e abituate a pregare, che dalle parole e dall´esempio del Papa hanno imparato a fare della fede la vera forza della loro vita. I romani, e un po´ tutti gli italiani, che – in un modo o nell´altro – hanno più frequenti occasioni di contatto con Giovanni Paolo II, sono dunque, anche sotto questo aspetto assai intimo e persona

20 Ottobre 2003

Agenda »

Giovedì 01 Dicembre 2022
LUN 28
MAR 29
MER 30
GIO 01
VEN 02
SAB 03
DOM 04
LUN 05
MAR 06
MER 07
GIO 08
VEN 09
SAB 10
DOM 11
LUN 12
MAR 13
MER 14
GIO 15
VEN 16
SAB 17
DOM 18
LUN 19
MAR 20
MER 21
GIO 22
VEN 23
SAB 24
DOM 25
LUN 26
MAR 27
Il corso di formazione per animatori musicali delle celebrazioni liturgiche giunge alla sua 16° edizione. Lo svolgimento è interamente in modalità e-learning ed è rivolta agli animatori liturgico-musicali delle parrocchie e delle comunità religiose.
Con un saluto di mons. Pierpaolo Felicolo, direttore generale della Fondazione Migrantes si aprirà, il prossimo 29 novembre, a Roma il Corso di formazione “Linee di pastorale migratoria” 2022. All’incontro partecipano persone provenienti dalle diverse diocesi italiane e dalle Missioni cattoliche Italiane in Europa. Il Corso di formazione si rivolge anzitutto ai nuovi direttori Migrantes regionali e diocesani e ai loro collaboratori, ai cappellani etnici che svolgono il ministero nelle diocesi italiane e ai missionari per gli italiani all’estero, di nuova nomina. La partecipazione è obbligatoria per la validità della nomina stessa e al termine sarà rilasciato un attestato.Tra gli appuntamenti una celebrazione, il 30 novembre, presieduta dal segretario generale della Cei, mons. Giuseppe Baturi. I lavori si concluderanno il 2 dicembre con gli interventi del presidente della Migrantes, l’arcivescovo mons. Gian Carlo Perego e del direttore generale. Durante il corso diversi interventi e testimonianze sulla pastorale della mobilità umana. 
Ufficio Nazionale per i problemi sociali e il lavoro 42° corso di Formazione nazionale Progetto Policoro
Quarto e ultimo webinar di formazione su "Riconciliazione, perdono e conforto dell´anima, della psiche e delle relazioni", dal titolo: La riconciliazione con Dio apre alla riconciliazione con gli altri. Il Corso sarà tenuto online, giovedì 1 dicembre dalle ore 15,00 alle ore 16,30.I destinatari sono cappellani e assistenti spirituali, operatori pastorali della salute, ministri straordinari della Comunione, operatori sanitari, responsabili e collaboratori degli Uffici e delle Consulte diocesane di pastorale della salute e per i problemi sociali e il lavoro, e quanti sono interessati.La partecipazione al Corso è gratuita ma è necessario iscriversi online. L´iscrizione viene fatta per l´intero Corso scelto e non per ogni singolo appuntamento.Il giorno della lezione verrà inviato via mail il link per accedere al  canale YouTube.Per informazioni contattare la Segreteria dell´Ufficio allo 06.66398.477 oppure salute@chiesacattolica.itRelatore del corso: Morena Baldacci, Docente di liturgia, direttrice della sezione pastorale della Commissione Liturgica regionale del PiemonteModeratore: Gianni CervelleraIscrizione onlineProgramma completo del Corso