Diritto , Società

Sistema di Sostentamento del Clero – Modifica della delibera n. 58 e determinazione in materia di previdenza integrativa

Sistema di Sostentamento del Clero - Modifica della delibera n. 58 e determinazione in materia di previdenza integrativa
Nell’ambito dei provvedimenti finalizzati a introdurre taluni correttivi ai meccanismi di calcolo della remunerazione dei sacerdoti inseriti nel sistema di sostentamento del clero (cfr “Notiziario della Conferenza Episcopale Italiana” 2006, pp. 121-126), la 56a Assemblea Generale dei Vescovi (Roma, 15-19 maggio 2006) ha approvato una modifica dell’art. 5,lettera a), secondo capoverso, della delibera n. 58 (Testo unico delle disposizioni di attuazione delle norme relative al sostentamento del clero che svolge servizio in favore delle diocesi), promulgata il 1° agosto 1991 (cfr “Notiziario della Conferenza Episcopale Italiana” 1991, p. 152).
Ottenuta in data 23 giugno 2006 la recognitio della delibera da parte della Santa Sede, il Consiglio Episcopale Permanente, nella sessione del 18-20 settembre 2006, ha approvato una determinazione conseguente che, modificando quanto deciso dalla 32a Assemblea Generale dei Vescovi, svoltasi a Roma dal 14 al 18 maggio 1990 (cfr “Notiziario della Conferenza Episcopale Italiana” 1990, p. 214), ha ridotto dalla metà a un quarto la quota computabile della pensione erogata dal Fondo Clero INPS per determinare la misura dell’assegno integrativo spettante ai Vescovi e ai presbiteri inseriti nel sistema di previdenza integrativa.
Per illustrare la portata di questi provvedimenti è utile richiamare che, in base alla normativa vigente, la misura di tale assegno è pari alla media dei punti attribuiti rispettivamente ai Vescovi e ai sacerdoti inseriti nel sistema di sostentamento del clero. In ordine al raggiungimento della predetta misura, oltre agli altri sussidi computabili, sono computate le pensioni di cui si tiene conto nel sistema di sostentamento del clero, nella misura dell’intero loro ammontare, e – fino al presente – la metà della pensione erogata dal Fondo Clero INPS.
Con l’approvazione di queste modifiche, a partire dal 1° gennaio 2007 la quota della pensione del Fondo Clero INPS da computarsi ai fini del calcolo dell’integrazione è ridotta a un quarto.
Dal punto di vista sistematico, il testo approvato dall’Assemblea Generale consente un maggiore dinamismo nell’adozione delle determinazioni connesse, coerentemente con le altre disposizioni della delibera n. 58 implicanti ulteriori decisioni di carattere tecnico. La formulazione «Spetta alla Conferenza Episcopale Italiana determinare la quota computabile delle pensioni assicurate dal Fondo Clero INPS» ora introdotta nell’art. 5, lettera a), è quella adottata nella delibera n. 58 in tutti i casi in cui, ai sensi dell’art. 6, la competenza per ulteriori determinazioni è rimessa al Consiglio Episcopale Permanente, previa, se possibile, consultazione delle Conferenze Episcopali Regionali: cfr artt. 2, § 3 (numero dei punti aggiuntivi per particolari oneri d’ufficio); 4, § 1 (remunerazione dei Vescovi); 4, § 4 (remunerazione dovuta dagli enti ecclesiastici diversi dalle parrocchie); 4 bis, § 1 (remunerazione spettante ai sacerdoti Fidei donum); 5 (misura dell’assegno integrativo periodico spettante ai Vescovi e ai sacerdoti presenti nel sistema di previdenza integrativa).
18 Settembre 2006

Agenda »

Domenica 22 Maggio 2022
LUN 16
MAR 17
MER 18
GIO 19
VEN 20
SAB 21
DOM 22
LUN 23
MAR 24
MER 25
GIO 26
VEN 27
SAB 28
DOM 29
LUN 30
MAR 31
MER 01
GIO 02
VEN 03
SAB 04
DOM 05
LUN 06
MAR 07
MER 08
GIO 09
VEN 10
SAB 11
DOM 12
LUN 13
MAR 14
Ufficio Nazionale per la pastorale della salute Progetto formativo "Camici Gialli"
Corso a livello nazionale per la formazione iniziale di formatori al volontariato spirituale e relazionale nelle strutture sanitarie e socio-sanitarie. Il Corso è rivolto a tutti i giovani dai 18 ai 30 anni.L´obiettivo è quello di preparare formatori nel progetto “Camici gialli”, per la promozione della presenza di giovani volontari di animazione spirituale negli ospedali sotto la guida delle cappellanie di riferimento.Scarica la scheda del progettoIscriviti online
Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l‘edilizia diculto Giornate di valorizzazione del patrimonio culturale ecclesiastico: #visionidicomunità
Da domenica 15 a domenica 22 maggio 2022 si svolgeranno le Giornate di Valorizzazione del patrimonio culturale ecclesiastico: un´occasione per far conoscere territori e comunità attraverso eventi di valorizzazione, sia online che onsite su tutto il territorio italiano, organizzati da uffici diocesani, musei, archivi e biblioteche ecclesiastici (MAB), anche in collaborazione con associazioni di volontariato, attori pubblici e privati e altri enti territoriali. Le Giornate di valorizzazione 2022 sono promosse dall´Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l´edilizia di culto insieme a AMEI - Associazione dei musei ecclesiastici italiani, AAE - Associazione degli archivisti ecclesiastici e ABEI - Associazione dei bibliotecari ecclesiastici italiani e con il patrocinio di ICOM Italia (International Council of Museums), dell´ANAI- Associazione Nazionale Archivistica Italiana e dell´AIB - Associazione Italiana Biblioteche.Dopo #apertialmab (2019) e #testimonidifuturo (2020-2021), l´hashtag dell´edizione 2022 è #visionidicomunità.A partire dal 14 febbraio 2022 chi desidera aderire alle giornate di valorizzazione 2022 darà notizia delle proprie iniziative anche attraverso il portale BeWeB, nell´apposita pagina dedicata https://beweb.chiesacattolica.it/giornate-di-valorizzazione/.Tutti gli eventi saranno poi presentati anche attraverso i canali social dell´Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l´edilizia di culto e sui siti e i social di tutti i partner.Le giornate di valorizzazione 2022 saranno inaugurate con il convegno "Il futuro della memoria. Archivi ecclesiastici tra storico e corrente" che si svolgerà a Verona (Palazzo della Gran Guardia) nei giorni 13 e 14 maggio 2022 e di cui a breve verrà pubblicato il programma.#call4MAB: iniziative per l´apertura ufficiale delle giornate di valorizzazione.Sei iniziative, scelte tra quelle inserite su BeWeB nella pagina #visionidicomunità entro il 15 aprile 2022, verranno presentate in un´apposita sessione del convegno di apertura a Verona.La selezione delle sei iniziative #call4MAB  avverrà attraverso due modalità:- online: sommando tutti i like raccolti esclusivamente sulle pagine Facebook BEWEBOFFICIAL e Beweb Beni ecclesiastici e sulla pagina Instagram BEWEBOFFICIAL dove le proposte inserite su BeWeB saranno rilanciate con gli hashtag #visionidicomunità #call4MAB;- attraverso la valutazione della giuria di qualità espressa dal gruppo MAB ecclesiastico.Saranno considerate a valore aggiunto le proposte che vedono la collaborazione tra istituti culturali, enti territoriali, associazioni, attori pubblici e privati, per realizzare percorsi di valorizzazione culturale e pastorale in senso formativo e sostenibile.Per la presentazione di ogni iniziativa è previsto un tempo di cinque minuti, in presenza oppure tramite la registrazione di un video.