Comunicazione? Cultura

Messaggio in occasione della morte di Giovanni Paolo II – Roma, 2 aprile 2005

La speranza certa della risurrezione illumina la Chiesa italiana nel momento del passaggio di Giovanni Paolo II, Vescovo di Roma, Primate d’Italia, Pastore universale della Chiesa, dalla vita terrena a quella eterna. Risplendono per lui, in tutta la loro verità, le parole di San Paolo: “Ho combattuto la buona battaglia, ho terminato la mia corsa, ho conservato la fede. Ora mi resta solo la corona di giustizia che il Signore, giusto giudice, mi consegnerà in quel giorno; e non solo a me, ma anche a tutti coloro che attendono con amore la sua manifestazione” (2Tm 4,7–8).

La morte non affievolisce ma rende ancora più forti i sentimenti di profondo affetto e di immensa gratitudine verso un Pontefice che ha saputo immedesimarsi con il sentire culturale e religioso del nostro Paese, segnandone in modo indelebile la storia. Gli sono grati in particolare i giovani, che fino alla fine egli ha sempre cercato e che gli sono andati incontro, riconoscendolo padre, maestro e amico.

Le sue parole e i suoi gesti sono stati decisivi per imprimere un forte slancio missionario alla Chiesa italiana, incoraggiandola a essere esperienza vissuta di comunione, testimone coerente di Cristo, presenza viva e culturalmente significativa nel tessuto della Nazione. La Chiesa italiana, che ha il privilegio di vivere una vicinanza tutta particolare con il Successore di Pietro, ha beneficiato di un’attenzione costante e di una premurosa vicinanza del Santo Padre, che nel corso di questi 27 anni ha visitato tante diocesi della Penisola, lasciando un segno nel cuore delle persone e nella storia delle nostre comunità ecclesiali.

In questo momento di sofferenza, per un distacco che tutti avremmo voluto il più lontano possibile, il pensiero e la preghiera si innalzano a Dio Padre, perché accolga l’anima dell’amato Pontefice e lo ricompensi per la testimonianza fulgida e coraggiosa che ha saputo dare nell’esercizio del ministero petrino, sia mediante la proclamazione della verità del Vangelo su Dio e sull’uomo, sia richiamando la coscienza di singoli e popoli alle esigenze severe della carità, sia, in particolare nel modo con cui in questi ultimi tempi ha affrontato con serenità e fiducioso abbandono al Padre la malattia e la morte, facendosi interprete immediato e trasparente del mistero di morte e risurrezione della Pasqua di Gesù.

Chiediamo a tutti di raccogliersi in preghiera perché il Papa, che fin dall’inizio del suo pontificato ha invitato a spalancare le porte a Cristo, possa ora ricevere l’abbraccio di Lui, il Signore della vita, che egli ha annunciato in modo instancabile a ogni uomo e in ogni angolo della Terra. La nostra preghiera si fa anche espressione di sentita gratitudine a Dio, per i doni straordinari che ha fatto alla Chiesa e al mondo attraverso la persona e l’insegnamento di Giovanni Paolo II. 

Affidiamo Giovanni Paolo II alla Divina Misericordia, attraverso l’intercessione di Maria, la Santa Vergine Madre di Dio, a cui il Santo Padre ha totalmente consacrato il suo ministero, la Chiesa e il mondo intero.

02 Aprile 2005

Agenda »

Giovedì 29 Settembre 2022
LUN 26
MAR 27
MER 28
GIO 29
VEN 30
SAB 01
DOM 02
LUN 03
MAR 04
MER 05
GIO 06
VEN 07
SAB 08
DOM 09
LUN 10
MAR 11
MER 12
GIO 13
VEN 14
SAB 15
DOM 16
LUN 17
MAR 18
MER 19
GIO 20
VEN 21
SAB 22
DOM 23
LUN 24
MAR 25
Servizio Nazionale per la pastorale delle persone con disabilita‘ Summit Internazionale “Sport per tutti. Coeso, accessibile, e a misura di ogni persona"
Organizzato dall’Ufficio Chiesa e Sport del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita, in collaborazione con il Dicastero per la Cultura e l’Educazione e la Fondazione Giovanni Paolo II.