Famiglia e vita

Messaggio conclusivo dell’Assemblea Generale dei Vescovi italiani

Messaggio conclusivo dell’Assemblea Generale dei Vescovi italiani

Ai parroci, A tutti i battezzatiA tutti gli uomini di buona volontà

Vi scriviamo da Assisi, terra di Francesco e Chiara. Qui si avverte il fascino della loro straordinaria esperienza: hanno trovato in Cristo la fonte della felicità, la liberazione da ogni schiavitù. Nella nostra Assemblea un tema è stato in primo piano: quello della parrocchia. Una realtà umile e grande sulla quale la nostra riflessione continuerà anche nei prossimi mesi. A noi Vescovi il Papa ha scritto che “questa comunità, eminente tra tutte quelle presenti in una diocesi”, vede nel Vescovo il primo responsabile e ad essa pertanto egli deve riservare soprattutto la sua cura. Vorremmo farlo davvero per essere di sostegno e di incoraggiamento a tutti, a cominciare dai nostri cari parroci, cui vogliamo esprimere ancora una volta apprezzamento, gratitudine e affetto, e insieme con loro ai vicari parrocchiali, a tutti gli altri sacerdoti e ai diaconi.
Ci siamo lasciati ispirare, nei nostri lavori, da un titolo: “La parrocchia: Chiesa presente tra le case degli uomini”, che probabilmente piacerà anche a voi, ma che a qualcuno potrebbe suscitare degli interrogativi: “Queste parole esprimono un sogno o una realtà? Possono dirsi veramente il volto delle nostre parrocchie o manifestano, al massimo, un buon desiderio?”. 

* * *

Una risposta corretta induce a considerare che, in questi anni, le trasformazioni in atto nella nostra società costringono la parrocchia a ripensarsi, a trovare occasioni, stile, linguaggio idonei ad esprimere il suo sforzo di venire incontro alle attese dell’ora presente. In un’epoca nella quale emerge il bisogno del sacro e di sentiti legami affettivi nel contesto di esperienze molto frammentate, la parrocchia avverte che le viene chiesto di tener conto di queste istanze. Ma sa che deve farlo cercando anzitutto di capire, per indicare poi possibili percorsi di crescita umana e nella fede, soprattutto per i giovani e per le famiglie. Nulla di tutto questo è facile; tuttavia non ci si può sottrarre a questa fatica proprio per poter dire che la parrocchia abita tra le case degli uomini. C’è un segreto dal quale può sprigionarsi questo impegno della parrocchia, e anzitutto di chi ne porta la prima responsabilità: è la passione di favorire il cammino delle persone, così che il sentimento religioso e il bisogno di vicinanza prendano la forma di una relazione personale viva e forte con Gesù Cristo e di un’autentica esperienza di comunione fraterna.
C’è un tratto che la parrocchia non deve assolutamente perdere. Essa è chiamata a rendere visibile la Chiesa “radicata in un luogo”, non soltanto in senso geografico ma anche (e più) come rapporto con la gente, le famiglie e il tessuto della società che vive e opera sul territorio (ad esempio nelle scuole, nei luoghi di lavoro e della sofferenza). Quando ci si chiede come mai la parrocchia sia la figura più conosciuta della Chiesa, la risposta sta proprio nel suo carattere di vicinanza e di accoglienza. In molti luoghi la parrocchia è stata ed è tuttora un fattore fondamentale per il costituirsi stesso del tessuto civile. Anche i non cristiani conoscono la parrocchia. A volte sembrano loro quelli che, più di altri, suonano il campanello alla porta del parroco. Questo tratto del volto della parrocchia non va perso. Molte circostanze, anche nuove, chiedono di incarnarlo in favore di ogni uomo.

* * *

Quando la parrocchia cerca di essere “Chiesa presente tra le case degli uomini” farà bene a tener conto che, in questo modo, fa diventare realtà un sogno che, prima di essere nostro, è di Dio: è Lui che ha pensato di prendere dimora tra gli uomini. E non solo l’ha desiderato: l’ha fatto. Gesù Cristo non è altro che questo: Dio che ha posto la sua tenda fra noi. Non casualmente Gesù Cristo viene chiamato anche “Emmanuele”, che vuol dire “Dio con noi”.
Che cosa poteva chiedere Gesù Cristo ai suoi discepoli, se non di essere la “memoria viva”, segno di questa sua presenza che continua oggi e sempre? Di fatto l’ha chiesto: “Voi sarete testimoni di me a Gerusalemme, nella Giudea, nella Samaria e fino ai confini della terra”. E ha aggiunto: “Io sarò con voi fino alla fine dei tempi”. E così lo spazio e il tempo diventano l’abitazione di Dio per mezzo di Gesù Cristo e della Chiesa, che è il suo corpo visibile nella storia. E perciò che la parrocchia riconosce, come suo compito fondamentale, l’incontro personale con Cristo e quindi l’introduzione nella vita di fede e nella sequela di Gesù da parte di tutti coloro che sono disponibili. E ciò che si chiama “iniziazione cristiana”. Di tutto questo l’Eucaristia è come il “roveto ardente”.
Ma chi può essere una “memoria” e una presenza di questo genere? Non c’è nessun cristiano che non lo possa essere. Non c’è nessuna comunità cristiana, in tutte le sue svariate forme, che non abbia la possibilità di svolgere questo compito. La parrocchia, sempre bisognosa di cercare tutte le possibili collaborazioni, soprattutto per quanto riguarda la presenza missionaria negli ambienti, mantiene la sua importante singolarità sia per il rapporto con il territorio, e in particolare con le famiglie, sia per la relazione stretta che realizza con la diocesi, e dunque con il Vescovo, riconoscendo se stessa come “cellula viva” di una Chiesa più grande che, in definitiva, è l’unica Chiesa cattolica. E’ in questo modo che la parrocchia trova la propria identità, il fondamento della propria ecclesialità e allo stesso tempo le condizioni che le permettono di dare origine, come di fatto avviene, a figure concrete anche molto diverse tra loro.
Mentre ringraziamo tutti coloro che, senza far rumore, si dedicano a rendere la parrocchia un luogo evangelico e missionario, auguriamo a tutti di trovare nella parrocchia una casa dove abitare e nei sacerdoti, in particolare, dei padri e dei fratelli sempre disponibili ad accompagnare ciascuno in tutte le fasi della vita.
Sostenga tutti noi l’intercessione di Maria Santissima, di San Francesco e di Santa Chiara.

I Vescovi italiani

20 Novembre 2003

Agenda »

Martedì 07 Febbraio 2023
LUN 06
MAR 07
MER 08
GIO 09
VEN 10
SAB 11
DOM 12
LUN 13
MAR 14
MER 15
GIO 16
VEN 17
SAB 18
DOM 19
LUN 20
MAR 21
MER 22
GIO 23
VEN 24
SAB 25
DOM 26
LUN 27
MAR 28
MER 01
GIO 02
VEN 03
SAB 04
DOM 05
LUN 06
MAR 07
Servizio Nazionale per la pastorale delle persone con disabilita‘ Incontro online con AIRS (Associazione Italiana Riabilitazione Sanitaria)
Ufficio Nazionale per la pastorale della salute Tavolo degli Hospice cattolici e di ispirazione cristiana
Prosegue i suoi lavori il tavolo degli Hospice cattolici e di ispirazione cristiana. Tra gli argomenti affrontati, la relazione con sistemi sanitari regionali molto diversi tra loro per approccio e regolamentazione di lavoro, la formazione - qualificata e specifica - rivolta al personale degli hospice, le cure palliative ed il rapporto con il territorio, l´approfondimento dell´identità cattolica degli hospice in una prospettiva di servizio alla vita, rispettandola ed accompagnandola fino al suo compimento naturale.
Nei giorni 8-11 febbraio 2023 a Palermo presso l’Astoria Palace Hotel **** si svolgerà il 7° Seminario Nazionale di pastorale sociale sul tema:«LA PARTE MIGLIORE» (LC 10,42) LA FORMAZIONE SPIRITUALE NELLA PASTORALE SOCIALE (Il contributo della PSL ai Cantieri di Betania)  Ai direttori di nuova nomina chiediamo di poter arrivare la sera del 7 febbraio perché la mattina dell’8 è previsto un incontro dedicato esclusivamente a loro.In allegato il programma dettagliato.Sarà il nostro contributo ai Cantieri di Betania del Cammino Sinodale.I direttori diocesani possono portare con loro un/a giovane (possibilmente già collaboratore della PSL).