Intervento al Festival di teologia “Linguaggi del Divino”

“Camminare sul mare”. Roma, Santiago e Gerusalemme. Per un nuovo spazio mediterraneo

Ci sono due elementi che mi colpiscono nel titolo di questo incontro. Innanzitutto, evocare Roma, Santiago e Gerusalemme significa far riferimento a quelli che nel Medioevo erano definiti i “peregrinationes maiores”. Significa quindi tornare indietro di molti secoli nel passato del nostro Continente. Allo stesso tempo, però, nel titolo si parla di un “nuovo” spazio mediterraneo in cui si può addirittura “camminare sul mare”: un riferimento evangelico che rimanda alla costruzione di una realtà futura.
Mi convincono molto questi riferimenti al passato e al futuro, non solo perché evocano un dinamismo, un movimento spirituale e culturale che lascia aperta la porta del cuore e della mente all’opera dello Spirito, ma perché è anche il modo con cui noi, come Chiesa italiana, ci siamo accostati al tema del Mediterraneo e abbiamo promosso un primo incontro dei Vescovi a Bari e un secondo incontro a Firenze.
C’è infatti alla base la consapevolezza storica che la Chiesa nasce e si sviluppa nei primi secoli soprattutto come una Chiesa mediterranea, non solo mediorientale, che in questa regione, non solo in questo mare, entrano in azione i primi apostoli, le prime comunità cristiane. A questa storia di lunghissima data se ne associa un’altra più recente di eguale importanza: la profezia di pace lanciata da Giorgio La Pira prima ancora dello svolgimento del Concilio II e che vede questa regione trasformarsi da luogo di scontro in un luogo di pace, in un luogo in cui i popoli possono incontrarsi e dialogare.
Dialogo e incontro reso possibile anche, ma non solo, dalle religioni. A partire dal cattolicesimo. E per la prima volta quindi abbiamo chiamato a riunirsi attorno allo stesso tavolo i vescovi del Mediterraneo. Vescovi che non si conoscevano, che vivevano realtà diversissime: alcuni, situazioni di minorità e di tragedia; altri, condizioni di forte secolarizzazione. Ciò che scaturì dal primo incontro di Bari fu in impasto di fede e speranza ma anche di sofferenza e povertà, solidarietà e bisogno di aiuto.
Ecco, ponendo le basi per questo incontro, che è prima di tutto un conoscersi, un ascoltarsi, poniamo le basi per uno nuovo spazio mediterraneo. Non sappiamo né i tempi, né le modalità affinché questo avvenga. Ma già adesso possiamo dire che questa realtà, di cui abbiamo gettato i primi semi, è in costruzione. Basti pensare che questo secondo incontro di Firenze abbiamo avuto anche un input esterno: mentre noi stavamo riflettendo, sono stati i sindaci a venire da noi e a chiederci: facciamo un secondo incontro alla maniera di La Pira e insieme all’incontro dei vescovi organizziamo anche un incontro dei sindaci del Mediterraneo.
Ecco come si costruisce uno “nuovo spazio”: non serve solo un’ingegneria sociale o una progettazione politica, occorre gettare il seme, annaffiare il seme con la preghiera e aspettare il raccolto. Questo per adesso è quello che sta accadendo. È meraviglioso che a Firenze i sindaci delle città, delle istituzioni civili, e i Vescovi delle diocesi, delle istituzioni religiose, si trovino nello stesso punto, nello stesso luogo, seppur in due assise diverse, a discutere, a riflettere e a proporre sullo stesso argomento: costruire un luogo di pace e di incontro nel Mediterraneo.
A me sembra una cosa bellissima e sorprendente. La prima volta che parlai al Papa di questa mia intuizione non avrei mai pensato a questo svolgimento che sorprende anche a me stesso e che, per me, è la prova che la storia la porta avanti il Signore. Francesco mi ha sempre incoraggiato sin dall’inizio a portare avanti questa iniziativa. E lo ha sempre fatto non solo dandomi l’aiuto necessario della Santa Sede per organizzarlo ma riconoscendo alla Chiesa italiana una totale autonomia e libertà.
E questa libertà noi abbiamo cercato di metterla al vaglio delle nostre preghiere e anche delle nostre speranze. Personalmente sono pronto ad essere sorpreso, come sempre, dalla volontà creatrice del Signore, e allo stesso tempo coltivo il sogno di vedere finalmente questo luogo così importante nella storia del mondo come un luogo di pace e di vita.
Non è più accettabile concepire il Mediterraneo come un cimitero di “migranti ignoti” che muoiono a migliaia imbarcati sulle carrette del mare. Non più accettabile neanche considerare questo bacino soltanto come un luogo della disparità economica tra Nord e Sud. E non è più accettabile continuare i vecchi scontri di civiltà tra culture, eserciti e religioni diverse.
La “triplice famiglia di Abramo” come diceva La Pira può costruire ponti di dialogo e luoghi di pace. Questo è il momento giusto per iniziare. Anzi, questo è il momento favorevole di un processo che è già iniziato. Ma non è iniziato due anni fa con l’incontro di Bari. È iniziato a metà Novecento quando La Pira organizzò i primi dialoghi mediterranei: i primi dialoghi tra uomini appartenenti a nazioni e fedi diverse. Quella di cui oggi noi siamo protagonisti è dunque una storia che ci sovrasta, che va ben oltre le nostre esistenze.
E con questa consapevolezza, che è anche una grande speranza, noi speriamo vivamente di poter “camminare sul mare”. Un cammino di fede, di pace e dialogo. Possiamo costruire un mondo migliore nel nome di Gesù e lo possiamo fare oggi.

03 Ottobre 2021

Agenda »

Mercoledì 27 Ottobre 2021
LUN 25
MAR 26
MER 27
GIO 28
VEN 29
SAB 30
DOM 31
LUN 01
MAR 02
MER 03
GIO 04
VEN 05
SAB 06
DOM 07
LUN 08
MAR 09
MER 10
GIO 11
VEN 12
SAB 13
DOM 14
LUN 15
MAR 16
MER 17
GIO 18
VEN 19
SAB 20
DOM 21
LUN 22
MAR 23
Servizio Nazionale per la pastorale giovanile Con il Passo Giusto 2021
XXVI Incontro dei nuovi incaricati di Pastorale Giovanile Dal 25 al 28 ottobre 2021 in Val D’Aosta sono invitati i nuovi incaricati di Pastorale Giovanile e  membri  delle loro equipe, i  responsabili di pastorale giovanile delle Associazioni, i Movimenti e delle Congregazioni religiose, per un percorso di formazione che vuole motivare il servizio affidato soprattutto in questo tempo difficile di pandemia.  
Mercoledì 27 ottobre, dalle 10.00 13.00  si svolgerà un corso dedicato a due funzionalità del modulo contabile del SIDIOpen: Impegni e Centri di Costo.Per partecipare, è necessario iscriversi attraverso la procedura online e attendere la conferma, che si riceverà per email.L’accesso alla procedura di iscrizione è possibile anche dal sito https://servizioinformatico.chiesacattolica.it , dove si trova il programma dettagliato del corso, riportato anche come allegato al presente messaggio.Il 26 ottobre mattina gli iscritti riceveranno per email il link per il collegamento alla webconference, che verrà aperta il 27 ottobre a partire dalle 9.30, per consentire i test di collegamento.Per ulteriori informazioni sul corso contattare il numero dell’Assistenza SIDI (848-580167 / 075 9043500 da cellulare) o l’indirizzo e-mail winsidi@chiesacattolica.it. 
Ufficio Nazionale per la pastorale delle vocazioni Gruppo di Lavoro sul prossimo Seminario di Direzione Spirituale
Il Gruppo di Lavoro si riunisce in presenza per un incontro di preparazione sul prossimo Seminario di Direzione Spiritualein programma dal 19 al 22 aprile 2022 sul tema ´ "Un corpo mi hai dato" (Eb 10,5), Accompagnare la vocazione tra limite e desiderio´.Per consultare le precedenti edizioni del Seminario, clicca qui.
Servizio Nazionale per la pastorale delle persone con disabilita‘ Conferenza stampa di presentazione del progetto "Casa Roma" (Roma)
Questa la pagina del sito dedicata all'iniziativa.
Incontri mensili online dedicati ai referenti territoriali di pastorale della salute
Commissione Episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace Incontro organizzativo per 54ª Marcia Nazionale per la pace
Mercoledì 27 ottobre 2021 alle ore 15:30 sono convocati in videoconferenza gli organizzatori della 54ª Marcia per la pace che si svolgerà nella diocesi di Savona-Noli il 31 dicembre 2021.All´Ordine del Giorno: Analisi bozza di programma preparato dalla diocesi di Savona-Noli Attività in preparazione alla Giornata Mondiale della pace (1° gennaio 2022) Varie ed eventuali
Servizio Nazionale per la pastorale delle persone con disabilita‘ Incontro online con il Gruppo Interdisciplinare di Osservazione e Studio sulla Disabilità