HomeDocumenti SegreteriaIl senso cristiano del digiuno e dell'astinenzaNota pastorale dell'Episcopato italiano

Il senso cristiano del digiuno e dell'astinenza
Nota pastorale dell'Episcopato italiano

Il senso cristiano del digiuno e dell'astinenza
Nota pastorale dell'Episcopato italiano
La presente “Nota pastorale” ha la sua origine e la sua spiegazione immediate nella delibera n. 27 del 18 aprile 1985 (cf. Notiziario CEI, 1985, p. 27), con la quale l'Assemblea Generale aveva stabilito l'osservanza delle norme circa l'astinenza e il digiuno del 27 luglio 1966 “fino a quando non siano date ulteriori determinazioni”.
La “Nota”, predisposta dalla Commissione Episcopale per la liturgia fin dal maggio 1992, ha avuto un iter di due anni con una elaborazione di rinnovate stesure in seno alla stessa Commissione, la quale ha usufruito anche della collaborazione di esperti.
Il testo, esaminato anche dalla Segreteria Generale, è stato sottoposto al Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 24-27 gennaio 1994.
Il Consiglio, con un ampio e approfondito dibattito, ha offerto diversi e ricchi contributi, demandando alla Commissione e alla Segreteria Generale il compito di rielaborare il testo secondo i suggerimenti emersi, al fine di sottoporre la “Nota” all'approvazione dell'Assemblea Generale.
La 39ª Assemblea Generale, svoltasi a Roma dal 16 al 20 maggio 1994, ha approvato nei suoi contenuti e nella sua struttura globale il testo della “Nota” e, con la debita maggioranza dei due terzi, ha approvato le disposizioni normative contenute nel n. 13 del testo stesso, le quali, successivamente, hanno ottenuto la prescritta “recognitio” della Santa Sede.
04 Ottobre 1994

Agenda »

Sabato 31 Ottobre 2020
LUN 26
MAR 27
MER 28
GIO 29
VEN 30
SAB 31
DOM 01
LUN 02
MAR 03
MER 04
GIO 05
VEN 06
SAB 07
DOM 08
LUN 09
MAR 10
MER 11
GIO 12
VEN 13
SAB 14
DOM 15
LUN 16
MAR 17
MER 18
GIO 19
VEN 20
SAB 21
DOM 22
LUN 23
MAR 24
Nei giorni 28 e 30 ottobre e 4 e 6 novembre dalle ore 10, si svolgerà la presentazione in modalità webinar della nuova interfaccia di WebSidi.Si prega di iscriversi utilizzando la procedura ON LINE.Il webinar è rivolto principalmente ai referenti informatici, in quanto naturale punto di riferimento diocesano per quanto ha attinenza al software e all’uso dello stesso. Poiché la migrazione su tecnologia web del Sistema informativo diocesano, iniziata con EPWeb, ha ormai coinvolto anche altri moduli, gli incontri saranno l’occasione per vedere come si è arricchita l’interfaccia a disposizione degli operatori diocesani: dal miglioramento dell’usabilità che ne rende più intuitivo l’uso, alla personalizzabilità che consente una maggior rapidità nelle operazioni quotidiane, specifiche di ogni utenteOltre alle migliorie a User Experience e User Interface, finalizzate alla semplificazione del modo di lavorare e alle esigenze di maggior operatività degli utenti, sono state potenziate le funzionalità di comunicazione verso l’esterno. Durante il webinar ci sarà modo di vedere inoltre le funzionalità che WebSidi mette a disposizione di strumenti esterni: dall’esportazione Xml alla sincronizzazione dati su WebDiocesi, dalla stampa di lettere personalizzate alla produzione dell’annuario, fino alla raccolta dei dati contabili con le relative interazioni con le parrocchie. Gli argomenti che saranno trattati durante il webinar saranno in particolare: Login e personalizzazione della Dashboard con widget funzionali per riepilogo e/o accesso rapido ai servizi Funzioni comuni a tutte le finestre Modalità di Accesso alle aree gestionali (EpWeb, …etc) Area gestionale Anagrafica completa di informazioni aggiuntive Nuova operatività per la gestione dei dati codificati Invio comunicazioni e gestione privacy Associazione documenti personalizzati Produzione annuario Sincronizzazione Sito web Verifica stato e Analisi rendiconti parrocchialiSi prega di iscriversi utilizzando la procedura ON LINE.L´iscrizione è da intendersi confermata solo dopo comunicazione, tramite mail, della Segreteria SICEI. Per informazioni: winsidi@chiesacattolica.it o tel. 848–580167 (addebito ripartito) oppure 075 9043500 (da cellulare)