Giornata Nazionale del Ringraziamento

Giornata Nazionale del Ringraziamento

align=”center”>LA COMMISSIONE EPISCOPALE

PER I PROBLEMI SOCIALI E IL LAVORO
MESSAGGIO DELLA COMMISSIONE EPISCOPALE PER I PROBLEMI SOCIALI E IL LAVORO
 
Celebreremo domenica 8 novembre la XXXVII Giornata nazionale del Ringraziamento. E' una giornata dedicata alla preghiera pubblica e comunitaria, nel riconoscimento dei doni e dei benefici ricevuti dalla
Provvidenza divina.
1. – Il carattere religioso ed ecclesiale della celebrazione deve stimolare le comunità cristiane ad esprimere sempre nuova sensibilità per i contenuti e gli impegni sociali che la « Giornata » propone.
Il primo e più importante impegno è quello della responsabilità verso i beni del creato, di cui gli uomini sono amministratori, non padroni; che mediante il lavoro devono far fruttificare e sviluppare, a beneficio dell'intera umanità. Solo, infatti, una visione planetaria delle risorse e dei bisogni – ha affermato il Santo Padre (6-8-1987) – può permettere oggi di affrontare, in termini creativamente nuovi, i divari fra Nord e Sud, tra Est ed Ovest.
Quegli squilibri cioè, che, anche in Italia, costituiscono una sfida storica e una interpellanza sempre attuale per la coscienza dei cristiani.
2. – La proclamazione, da parte del Consiglio d'Europa, del 1988 come anno del mondo rurale e dell'ambiente, è motivo di ulteriore riflessione sul rapporto dell'uomo con l'agricoltura e con il territorio.
L'agricoltura infatti non è solo un'attività produttiva e un settore economico, ma un universo: di risorse, di cultura, di tradizioni.
Se gli operatori agricoli sono sollecitati a rinnovare i metodi e le tecniche del loro lavoro, per offrire prodotti di qualità, tutti devono ripensare e adeguare i loro comportamenti, al fine di conservare e restituire integro al lavoro e alla vita umana l'ecosistema.
Sarà perciò apprezzabile e degna di essere valorizzata ogni iniziativa scientifica, politica e tecnica, che prevenga ed elimini i pericoli di tossicità ed inquinamento dalle attività produttive, agricole, commerciali, industriali.
3. – Il recente cataclisma che ha devastato la Valtellina, alle cui popolazioni rinnoviamo la nostra solidarietà, deve costituire un ammonimento per tutti.
Le violenze alla natura, il selvaggio sfruttamento delle risorse, gli abusi edilizi sul territorio possono essere causa di degrado geologico, economico ed ecologico. Oltre la rottura irreparabile dell'equilibrio naturale, tali fenomeni di diffusa anarchia provocano danni incalcolabili alla vita delle piante, degli animali e degli uomini.
Nella Giornata del Ringraziamento è quanto mai opportuno richiamare il dovere sociale e solidale di difendere ed accrescere il patrimonio che ci è stato trasmesso: la terra con le sue risorse, il suolo coltivato e fecondo, la ricchezza dei boschi, la purezza dell'acqua, dell'aria e del paesaggio.
Sarà sempre decisiva al riguardo, la presenza vigile ed operosa dell'uomo, « affinché la terra produca frutto e diventi una dimora degna dell'universale famiglia umana » (Giovanni Paolo II, 12-7-1987).
La preghiera, l'Eucarestia, la carità, la festa comunitaria della Giornata del Ringraziamento saranno espressione di tali impegni.
La gratitudine infatti si manifesta in attitudine di generosità a ricambiare il dono: « dare con tutto il cuore a Dio se stesse ogni altra cosa. E' come una restituzione, perché tutto ha in Lui il suo inizio e la sua fonte » (Giovanni Paolo II, 29-7-1987).
 
Roma, 6 novembre 1987
 
06 Novembre 1987

Agenda »

Venerdì 18 Giugno 2021
LUN 14
MAR 15
MER 16
GIO 17
VEN 18
SAB 19
DOM 20
LUN 21
MAR 22
MER 23
GIO 24
VEN 25
SAB 26
DOM 27
LUN 28
MAR 29
MER 30
GIO 01
VEN 02
SAB 03
DOM 04
LUN 05
MAR 06
MER 07
GIO 08
VEN 09
SAB 10
DOM 11
LUN 12
MAR 13
Comitato scientifico-organizzatore delle settimane sociali dei cattolici italiani L‘Italia riparte: visioni di futuro#tuttoèconnesso
Seminario del Centro Italia in preparazione alla 49ª Settimana Sociale