HomeNotizieDa Cuatro Vientos al campo di casa

Da Cuatro Vientos
al campo di casa

hp1-papa
Come alberi ben radicati, non si sono piegati né alle difficoltà né al caldo né all’improvvisa bufera di vento e pioggia che ieri sera ha sferzato l’aerodromo di Cuatro Vientos (vedi www.gmg2011.it).

I circa due milioni di ragazzi arrivati da tutto il mondo per la Gmg di Madrid hanno dimostrato di essere davvero saldi. E a loro Benedetto XVI ha chiesto di “essere discepoli e missionari di Cristo in altre terre e paesi dove vi è una moltitudine di giovani che aspirano a cose più grandi e, scorgendo nei propri cuori la possibilità di valori più autentici, non si lasciano sedurre dalle false promesse di uno stile di vita senza Dio”.
“Il mondo – ha ribadito il Papa – ha bisogno certamente di Dio, ha bisogno della testimonianza della vostra fede”. Di una fede entusiasta e colorata, che non si nasconde e non ha paura. “Penso che la vostra presenza qui, giovani venuti dai cinque continenti – ha osservato – sia una meravigliosa prova della fecondità del mandato di Cristo alla Chiesa: ‘andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura’”. Il tema della testimonianza della fede “negli ambienti più diversi, incluso dove vi è rifiuto o indifferenza” si impone ancora una volta in questa Gmg madrilena. Del resto, ha sottolineato il Papa, “non è possibile incontrare Cristo e non farlo conoscere agli altri: quindi, non conservate Cristo per voi stessi. Comunicate agli altri la gioia della vostra fede”. I ragazzi lo ascoltano, concentrati: l’area di Cuatro Vientos è un’immensa distesa variopinta, da cui si ergono le bandiere nazionali, gli striscioni, piccole tende e teloni sistemati a mo’ di rifugio. “Cari amici, vi ho pensato molto in queste ore in cui non ci siamo visti. Spero abbiate potuto dormire un po’”, ha detto paternamente Benedetto XVI salutando i ragazzi all’inizio della messa, dopo averli abbracciati con lo sguardo mentre attraversava in papamobile i diversi settori. “Sono certo che questa mattina avete alzato gli occhi al cielo, non solo il cuore”, ha aggiunto prima di invitarli a partecipare “con entusiasmo, fermi nella fede, sapendo che Dio non ci abbandona mai”. E loro non lo hanno deluso. Il clima di raccoglimento e preghiera è tangibile, nonostante la stragrande maggioranza non abbia potuto fare la comunione. La pioggia di ieri sera ha fatto crollare alcune delle tende per l’adorazione eucaristica dove erano custodite le particole e le altre sono state bloccate dalla polizia per ragioni di sicurezza: così non è stato possibile consacrare un numero sufficiente di ostie per consentire a tutti di comunicarsi. “Cari giovani prego per voi con tutto l’affetto del mio cuore. Vi raccomando alla Vergine Maria, perché vi accompagni sempre con la sua intercessione materna e vi insegni la fedeltà alla Parola di Dio. Vi chiedo anche di pregare per il Papa, perché come Successore di Pietro, possa proseguire confermando i suoi fratelli nella fede”, ha concluso il Pontefice auspicando “che tutti nella Chiesa, pastori e fedeli, ci avviciniamo ogni giorno di più al Signore, per crescere nella santità della vita e dare così testimonianza efficace che Gesù Cristo è veramente il Figlio di Dio, il Salvatore di tutti gli uomini e la fonte viva della loro speranza”.

A conclusione della celebrazione, quando è stata annunciata la prossima Gmg, il Papa ha congedato i giovani dicendo: “Ora ritornerete nei vostri luoghi di dimora abituale. I vostri amici vorranno sapere che cosa è cambiato in voi dopo essere stati in questa nobile Città con il Papa e centinaia di migliaia di giovani di tutto il mondo: che cosa direte loro? Vi invito a dare un’audace testimonianza di vita cristiana”.
21 agosto 2011

Agenda »

Lunedì 21 Gennaio 2019
LUN 21
MAR 22
MER 23
GIO 24
VEN 25
SAB 26
DOM 27
LUN 28
MAR 29
MER 30
GIO 31
VEN 01
SAB 02
DOM 03
LUN 04
MAR 05
MER 06
GIO 07
VEN 08
SAB 09
DOM 10
LUN 11
MAR 12
MER 13
GIO 14
VEN 15
SAB 16
DOM 17
LUN 18
MAR 19