HomeNotizieConsiglio Permanente, conclusi a Roma i lavori

Consiglio Permanente, conclusi a Roma i lavori

cep
Il Consiglio permanente nella sua ultima sessione ha inizialmente affrontato alcune questioni di ordine amministrativo, come la proposta di ripartizione dei fondi otto per mille in vista dell’Assemblea generale di maggio. Quindi si è proceduto alla determinazione del contributo da assegnare ai Tribunali Ecclesiastici Regionali per l’anno in corso, il cui impegno coinvolge questioni di rilevante spessore umano e cristiano, come le cause di nullità matrimoniale che sempre rappresentano dei casi di coscienza da dipanare con sufficiente tempestività. In tale contesto si è provveduto all’adeguamento delle tariffe e dei compensi per l’attività dei Tribunali Ecclesiastici Regionali tenendo fermo il principio di favorire l’accesso anche alle persone con limitate disponibilità finanziarie.
Si sono quindi approvate le relazioni quinquennali delle Commissione Episcopali, delle quali si è tratteggiato la serie degli obiettivi raggiunti con una valutazione complessiva del quinquennio ed eventuali consegne alla futura Commissione episcopale.
Si è operata pure una verifica della fase di avvio del fondo di garanzia “Il prestito della speranza” che ha iniziato ad erogare i primi fondi per famiglie numerose.
Infine è stata approvata una modifica dello statuto del Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale (MEIC) e il Presidente della CEI ha espresso gratitudine ai Presidenti uscenti delle Commissioni episcopali e al Vicepresidente per l’area nord, S. E. mons. Monari, che concluderà in maggio il suo mandato.
 
25 Marzo 2010

Agenda »

Sabato 29 Febbraio 2020
LUN 24
MAR 25
MER 26
GIO 27
VEN 28
SAB 29
DOM 01
LUN 02
MAR 03
MER 04
GIO 05
VEN 06
SAB 07
DOM 08
LUN 09
MAR 10
MER 11
GIO 12
VEN 13
SAB 14
DOM 15
LUN 16
MAR 17
MER 18
GIO 19
VEN 20
SAB 21
DOM 22
LUN 23
MAR 24
Centro Studi per la scuola cattolica Seminario di Studio:Come stanno cambiando i bambini
Il seminario intende analizzare l´identità dei bambini nella fascia di età copresa tra i 3 e i 10 anni, a trent´anni dalla dichiarazione dei diritti del fanciullo 1989. Si vuole offrie l´occasione per analizzare  se e come stiano cambiando le generazioni dei giovanissimi dal punto di vista cognitivo, emotivo, comunicativo, relazionale, per verificare quanto il cambiamento sia un fatto effettivamente nuovo e il segnale di una nuova epoca.