HomeNotizie
Vescovi

Comunicato della COMECE sulla “Relazione Matić”

EuropaBruxellesComece_26022019_0018

Il Segretariato della Commissione delle Conferenze Episcopali dell’Unione Europea (COMECE) ha rilasciato giovedì 17 giugno 2021 un documento di posizione sulla cosiddetta “Relazione Matić”, in vista della sua presentazione finale alla prossima sessione plenaria del Parlamento europeo. La Chiesa cattolica riconosce l’importanza di proteggere la salute e i diritti delle donne e invita tutti gli eurodeputati a prendere in considerazione la delicatezza e la complessità della questione in gioco, che “richiede un bilanciamento legale ed etico di tutti i diritti coinvolti”.
In vista del voto finale sul progetto di relazione riguardante “La situazione della salute sessuale e riproduttiva e relativi diritti nell’UE, nel quadro della salute delle donne”, spesso indicato come ‘relazione Matić’, il Segretariato della COMECE rilascia un documento di posizione che sottolinea l’importanza che la Chiesa cattolica dà alla salute umana come “base essenziale per una vita dignitosa”.
Nel documento, il Segretariato della COMECE accoglie “la preoccupazione fondamentale della relazione di proteggere la salute e i diritti delle donne”, pur esprimendo obiezioni a diverse dichiarazioni e argomentazioni contenute nella bozza di risoluzione.
In violazione del principio di sussidiarietà, il progetto di risoluzione ignora la responsabilità degli Stati membri di definire la loro politica sanitaria e l’organizzazione e la fornitura di servizi sanitari e cure mediche. “Questo è anche e soprattutto vero in aree altamente sensibili come i regolamenti adottati dagli Stati membri sulle condizioni per l’aborto” – si legge nella dichiarazione.
Il documento di posizione della COMECE nota con rammarico che “il progetto di risoluzione è caratterizzato da una prospettiva unilaterale in tutto, in particolare sulla questione dell’aborto, che non tiene pienamente conto delle situazioni di vita delle persone interessate e dei loro corrispondenti diritti umani”.
Secondo il Segretariato della COMECE, la Relazione Matić “nega anche il diritto fondamentale all’obiezione di coscienza, che è un’emanazione della libertà di coscienza come previsto dall’articolo 10.1 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea”.
La Chiesa cattolica riconosce l’importanza di proteggere la salute e i diritti delle donne e invita tutti i parlamentari europei a tener conto della delicatezza e della complessità della questione in gioco, “che richiede un bilanciamento legale ed etico di tutti i diritti coinvolti”.

17 Giugno 2021

Agenda »

Domenica 25 Luglio 2021
LUN 19
MAR 20
MER 21
GIO 22
VEN 23
SAB 24
DOM 25
LUN 26
MAR 27
MER 28
GIO 29
VEN 30
SAB 31
DOM 01
LUN 02
MAR 03
MER 04
GIO 05
VEN 06
SAB 07
DOM 08
LUN 09
MAR 10
MER 11
GIO 12
VEN 13
SAB 14
DOM 15
LUN 16
MAR 17
Servizio Nazionale per la pastorale delle persone con disabilita‘ Incontro del Gruppo di lavoro del Servizio Nazionale
Dal 25 al 27 luglio, a Desenzano sul Garda, l´incontro del Gruppo di lavoro nazionale collegato online con i referenti diocesani per la pastorale delle persone con disabilità.