HomeNotizieCaritas, il sostegno al volo de L'Aquila

Caritas, il sostegno al volo de L'Aquila

onna4
Sono passati due anni da quel 6 aprile 2009 in cui un violento terremoto ha devastato L’Aquila e altre zone dell’Abruzzo. Caritas Italiana si è prontamente attivata per dare sostegno e solidarietà alle popolazioni colpite dal sisma. Ha avviato un Centro di Coordinamento nazionale per tutti gli aiuti della rete Caritas, agendo in costante collegamento con la Delegazione regionale delle Caritas di Abruzzo e Molise, la Caritas diocesana e l’intera Chiesa aquilana.
Il Centro di coordinamento Caritas ha suddiviso il territorio colpito dal sisma in 9 zone omogenee, oltre a prestare attenzione anche agli sfollati lungo la costa. Ogni zona è stata “affidata” alle 16 Delegazioni regionali delle Caritas diocesane, secondo lo schema dei “gemellaggi”, strumento collaudato con successo sin dal dopo-terremoto del Friuli, nel 1976.
Grazie proprio a questa sintonia si è valorizzata la presenza di operatori e volontari (oltre 3.000 solo nel primo anno) che si sono alternati nelle diverse zone in attività di animazione, favorendo il coinvolgimento della popolazione locale.
Grazie alla solidarietà espressa da quasi 23.500 donatori italiani ed esteri (singoli, parrocchie, associazioni, diocesi, scuole…) e al contributo della Conferenza Episcopale Italiana, Caritas Italiana ha raccolto complessivamente 35.143.685 euro.
– 18.343.970 euro sono stati spesi per le attività già realizzate (emergenza, progetti sociali, ricostruzione…), di cui 14.053.311 euro per gli interventi di ricostruzione;
– 3.213.800 euro sono impegnati per le opere attualmente in corso di realizzazione.
– circa 10.500.000 euro sono previsti per le opere ed i progetti in fase di verifica.
I fondi non ancora impegnati (circa 3 milioni di euro) saranno utilizzati per ulteriori interventi di ricostruzione, progettualità sociali ed economiche e per la prosecuzione dell’accompagnamento alla Chiesa Aquilana.
Si è potuto così rispondere ai bisogni primari della popolazione, attraverso: interventi di prima emergenza; azioni di prossimità e sostegno diretto alla popolazione (in particolare di anziani, persone sole, ammalati…), realizzazione di Centri di comunità (7 realizzati, 2 in corso, 10 in fase di avvio); scuole per l’infanzia e primarie (3 scuole realizzate, una in fase di avvio); strutture di edilizia sociale ed abitativa per anziani, donne sole con figli… (una realizzata ed una in via di realizzazione); servizi sociali e caritativi: centri di ascolto e accoglienza, servizi per minori, servizi per indigenti… (7 realizzati, 3 in fase di avvio); consolidamento e ripristino funzionale di locali parrocchiali per attività sociali e comunitarie; progetti di animazione e aggregazione rivolti in particolare ai bambini, preadolescenti e giovani; progetti sociali a favore delle persone in situazione di grave emarginazione, immigrati, borse lavoro per giovani, sostegno al reddito, microcredito…; iniziative di scambio e accompagnamento tra comunità cristiane e Chiese sorelle.
In questa fase si sta rafforzando il sostegno alla Caritas diocesana de L’Aquila perché possa elaborare strategie di lungo periodo quanto più possibili stabili e ordinarie, procedendo in modo sempre più autonomo nei quattro ambiti principali dell’intervento di ricostruzione: ascolto, accoglienza, sostegno economico al reddito, animazione.
05 Aprile 2011

Agenda »

Domenica 23 Febbraio 2020
LUN 17
MAR 18
MER 19
GIO 20
VEN 21
SAB 22
DOM 23
LUN 24
MAR 25
MER 26
GIO 27
VEN 28
SAB 29
DOM 01
LUN 02
MAR 03
MER 04
GIO 05
VEN 06
SAB 07
DOM 08
LUN 09
MAR 10
MER 11
GIO 12
VEN 13
SAB 14
DOM 15
LUN 16
MAR 17
A Ostuni dal 23 al 26 febbraio 2020 ci sarà un incontro-formazione per tutti i nostri Coordinatori etnici nazionali, il tema che verrà trattato  principalmente è "La figura del coordinatore nei documenti della Chiesa".  O.D.G23 febbraio -S. Messa con il Santo Padre24 febbraio -ore 10.00 - inizio dei lavori guidati da Padre Carlos Caetano (missionario scalabriniano e direttore del "Service National de la Pastorale                        des Migrants et des Personnes Itinérantes25 febbraio - ore 8.30 - gita a Santo Stefano di Soleto e Santa Caterina di Galatina     16.00 - continuazione dei Lavori26 febbraio - rientro