Notizie

19 settembre 2018

San Gennaro
HomeNotizie“Campi nomadi, no alla violenza”

“Campi nomadi,
no alla violenza”

Nomadi_foto_Gianni_Zotta
 
La CEMi e la Migrantes esprimono la propria vicinanza alle persone e famiglie rom del campo torinese vittime di un grave atto vandalico, perché ingiustamente accusate di un atto di violenza a danno di una minorenne. Sottoscriviamo le parole dell’arcivescovo di Torino Cesare Nosiglia: “Dobbiamo continuare a educare alla legalità, all’accoglienza e al rispetto di tutte le comunità e le persone, anche quelle che hanno una cultura, una religione, un’etnia diverse dalla nostra; continuare a compiere gesti concreti che abbiano lo stile e il segno della civiltà e della ragionevolezza. Non è con l’intolleranza, con la divisione, con la violenza gratuita e immotivata che possiamo dare delle risposte al disagio e alla paura. Non è rinunciando alla ragione, ma cercando la verità dei fatti che riusciremo a superare i problemi e i conflitti che pure esistono”. Ancora una volta la giustizia sommaria, contro i più deboli, unitamente a pregiudizi diffusi nei confronti di una minoranza non riconosciuta nel nostro Paese hanno generato una vergognosa ingiustizia che poteva portare gravissime conseguenze. La Cemi e la Migrantes auspicano che la costruzione di una ‘strategia nazionale’ a favore dei rom richiesta al nostro Paese dalla Commissione europea dei Diritti umani, e proposta nei giorni scorsi dalla Commissione Diritti umani del Senato in collaborazione con l’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, possa avviare percorsi importanti per i rom sui temi del lavoro, della casa, della salute e della scuola, ma soprattutto favorire una maggiore tutela della cultura, della storia e della vita delle minoranze rom e sinti.
 
Il Natale che si avvicina ci spinge a ricordare particolarmente alcune categorie di persone in mobilità. I nostri emigranti all’estero, che sono ancora oltre 4 milioni, cittadini lontani dalle loro case, dalle loro chiese, dalla loro Patria: soprattutto i giovani, nuovi emigranti alla ricerca di un lavoro che in Italia manca o di arricchire il proprio percorso di studio e formazione, scegliendo nuovi Paesi (Cina, Russia, Romania, Spagna…) oltre i tradizionali (Germania, Svizzera Francia, Inghilterra, Stati Uniti…). La gente dello spettacolo viaggiante, che sempre più con fatica trova spazi e piazze, paesi attenti a questa tradizione artistica e culturale del nostro Paese. I 5 milioni di immigrati presenti in Italia, soprattutto chi – come molti italiani giovani e meno giovani – nella crisi ha perso il lavoro già precario, e per questo ha perso o rischia di perdere, oltre al titolo di soggiorno, l’unica fonte di sussistenza per sé e la propria famiglia in Italia o nel Paese d’origine. I richiedenti asilo e rifugiati giunti soprattutto nel nostro Paese dopo la ‘primavera del Nord Africa’, che attendono il riconoscimento dei loro diritti e soprattutto di poter avviare un percorso che dalla protezione li renda protagonisti della propria integrazione. Il mondo dei marittimi e aeroportuali, soprattutto chi vive questo tempo di Natale in viaggio, lontano dalle proprie case e famiglie.
 
Dopo le feste natalizie, la celebrazione della 98ª Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, il 15 gennaio 2012, sarà l’occasione in tutte le parrocchie italiane per dedicare una domenica alla riflessione, alla preghiera e alla carità per i migranti, coniugando – come ci invita a fare Benedetto XVI nel Messaggio per la Giornata – il tema della nuova evangelizzazione con le migrazioni. Non possiamo dimenticare che le migrazioni, negli ultimi vent’anni, hanno fatto incontrare i fedeli delle nostre comunità con quasi un milione di fedeli cattolici di altre 100 nazionalità, invitando a coniugare l’unità della Chiesa con le differenze.
 
La Commissione episcopale per le migrazioni
e la Fondazione Migrantes
 
 
 
12 dicembre 2011

Agenda »

Mercoledì 19 Settembre 2018
LUN 17
MAR 18
MER 19
GIO 20
VEN 21
SAB 22
DOM 23
LUN 24
MAR 25
MER 26
GIO 27
VEN 28
SAB 29
DOM 30
LUN 01
MAR 02
MER 03
GIO 04
VEN 05
SAB 06
DOM 07
LUN 08
MAR 09
MER 10
GIO 11
VEN 12
SAB 13
DOM 14
LUN 15
MAR 16
Il corso intende fornire alle diocesi che stanno rinnovando il sito web diocesano o a chi lo sta per realizzare, una panoramica delle nuove proposte del SICEI, la definizione di un percorso pratico per la progettazione e la realizzazione del sito e esercitazioni pratiche all’utilizzo del sistema di gestione dei contenuti attraverso il CMS Wordpress adottato dal SICEI.Il corso è rivolto agli incaricati diocesani che si occupano del sito web, che hanno una buona conoscenza e sensibilità nella comunicazione online, agli incaricati diocesani che hanno già utilizzato in precedenza altri sistemi Webdiocesi.Per iscriversi si prega di utilizzare la procedura ON LINE:   Clicca qui.Per informazioni: winsidi@chiesacattolica.it o tel. 848–580167 (addebito ripartito) oppure 075 9043500 (da cellulare)In allegato il programma e le note logiche del corso.
Ufficio Nazionale per la pastorale della salute Tavolo Nazionale sulla salute mentale
Il Tavolo Nazionale sulla Salute mentale promosso dall´Ufficio Nazionale per la pastorale della salute, si riunisce per discutere sulle questioni emergenti circa la salute mentale in Italia, con esperti e operatori del settore.
Ufficio Nazionale per l‘educazione, la scuola e l‘università Riunione del Gruppo di Studio dell‘Università
Ufficio Nazionale per la pastorale della salute Tavolo sul diaconato permanente
Il Tavolo si riunisce per favorire la partecipazione del diaconato permanente presente in Italia, ai diversi aspetti della pastorale della salute