HomeNotizie
Salute

Autismo: servono percorsi di inclusione

Apertoperferie-664x373

Il Tavolo sull’Autismo dell’Ufficio nazionale per la pastorale della salute rilancia “il grido inascoltato delle famiglie che denuncia la carenza, in molte aree del nostro Paese, di professionalità e di opportunità per la diagnosi e l’intervento precoce e la costante violazione del diritto ad avere pari opportunità educativa e di sviluppo professionale”. In occasione della “Giornata Mondiale della consapevolezza dell’autismo” del 2 aprile, gli esperti del Tavolo nato nel 2019 ricordano l’urgenza di “promuovere percorsi di inclusione sociale basati sulle specifiche competenze/abilità di ogni studente e finalizzati alla socializzazione, all’inserimento lavorativo permanente o all’avvio di esperienze per la creazione d’impresa, microimpresa o autoimpiego”.
“Le difficoltà associate all’autismo possono rendere davvero difficile, per la persona che ne soffre, trovare e mantenere un lavoro”, spiegano gli esperti evidenziando invece che “con il supporto adeguato di personale tecnico appositamente formato rivolto ai familiari, ai colleghi, ai datori di lavoro le persone con autismo possono avere molto da offrire”.
In Italia sono ancora troppo poche le strutture in grado di rispondere al bisogno di diagnosi e terapia sancito dai Livelli essenziali di assistenza (LEA). In questo panorama, spicca l’impegno delle 52 sedi operative dei 14 enti del Terzo settore di ispirazione cristiana che seguono oltre 28 mila persone con autismo, di cui la metà di età inferiore agli 11 anni. Gli enti, presenti su tutto il territorio nazionale, offrono principalmente un servizio di tipo ambulatoriale, ma anche di Day hospital, di ricovero e semi-residenziale. Ben il 62% delle strutture si occupa di diagnosi, anche se solo una minima parte lo fa con un adeguato riconoscimento da parte del Servizio Sanitario Nazionale. In tempo di pandemia i centri censiti si sono attivati immediatamente per rispondere ai bisogni delle persone assistite, delle loro famiglie e degli operatori, avviando percorsi formativi per il personale, riorganizzando gli ambienti per favorire il distanziamento sociale, avviando servizi di supporto da remoto attraverso piattaforme dedicate. Il tutto senza perdere di vista la centralità della persona umana, nelle sue più diverse componenti, e la sua accoglienza globale nel rispetto di potenzialità e limiti di ciascuno.

31 Marzo 2021

Agenda »

Giovedì 08 Dicembre 2022
LUN 05
MAR 06
MER 07
GIO 08
VEN 09
SAB 10
DOM 11
LUN 12
MAR 13
MER 14
GIO 15
VEN 16
SAB 17
DOM 18
LUN 19
MAR 20
MER 21
GIO 22
VEN 23
SAB 24
DOM 25
LUN 26
MAR 27
MER 28
GIO 29
VEN 30
SAB 31
DOM 01
LUN 02
MAR 03
Il corso di formazione per animatori musicali delle celebrazioni liturgiche giunge alla sua 16° edizione. Lo svolgimento è interamente in modalità e-learning ed è rivolta agli animatori liturgico-musicali delle parrocchie e delle comunità religiose.
Ufficio Nazionale per la pastorale della famiglia Convegno dei responsabili diocesani di recente nomina
"Vi occuperete di pastorale familiare 7", questo il titolo del settimo conegno dedicato ai responsabili diocesani di pastorale familiare con particolare attenzione a quelli nominati negli ultimi due anni. Il convegno si svolgerà ad Assisi dall 8 all´11 dicembre 2022.