HomeNotizieAiuto ai Paesi africani e altri Paesi poveri nell’emergenza coronavirus
8xmille

Aiuto ai Paesi africani e altri Paesi poveri nell’emergenza coronavirus

African refugees moved over COVID-19 lockdown

La Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana ha deciso lo stanziamento di 6 milioni di euro, provenienti dai fondi dell’otto per mille che i cittadini destinano alla Chiesa cattolica, per aiutare i Paesi africani e altri Paesi poveri nell’attuale situazione di crisi mondiale.

Nella consapevolezza che tali Paesi incontrano ulteriori difficoltà nell’affrontare la pandemia e che la situazione, già drammatica, può divenire devastante, la Presidenza Cei ha incaricato il Servizio per gli interventi caritativi a favore dei Paesi del Terzo Mondo e la Caritas Italiana di elaborare una strategia d’azione urgente che intervenga sul piano sanitario e su quello formativo.

La strada operativa, che è stata individuata, consiste nel sollecitare una manifestazione d’interesse da parte degli ospedali e delle istituzioni cattoliche operanti sul territorio.

Con tale finalità, per gli interventi di tipo sanitario sono stati stanziati 5 milioni di euro, per quelli formativi 1 milione di euro, per un totale di 6 milioni di euro.

Il primo obiettivo sarà quello di dotare le strutture sanitarie presenti in questi Paesi di dispositivi di protezione per il personale sanitario, indispensabile alla gestione dell’emergenza, e di strumenti terapeutici basilari per affrontare la pandemia.

Saranno privilegiate soprattutto le strutture più prossime alla popolazione, più periferiche, già facenti parte della rete delle realtà note e sostenute nel passato, dimostratesi efficaci ed efficienti. Saranno inoltre sostenute le iniziative che incentivano nella popolazione comportamenti atti a non favorire il contagio, oltre alla formazione e alla preparazione tecnica del personale sanitario.

Le iniziative dovranno essere concordate con le Istituzioni pubbliche locali, nazionali, regionali e internazionali, con le autorità preposte, con tutte le realtà attive sul territorio negli stessi ambiti d’azione, allo scopo di favorire ogni sinergia, sia secondo le prassi ordinarie sia secondo quelle straordinarie richieste dalla situazione di emergenza.

Le richieste di finanziamento da parte dei soggetti interessati dovranno essere presentate, dal 14 al 30 aprile, secondo le modalità indicate negli allegati. Stanti la gravità e l’urgenza della situazione, i progetti dovranno essere finalizzati entro tre mesi dall’erogazione del contributo richiesto.

 

Gli allegati

Nei documenti in allegato sono disponibili tutti i dettagli sulle modalità di richiesta e sulla tipologia di contributi erogabili, in italiano, inglese e francese (0-a, 0-b, 0-c).

Nelle medesime lingue sono poi disponibili le due versioni dei moduli per la richiesta di contributi: una per i progetti di natura sanitaria (modelli 1-a, 1-b, 1-c) e una per i progetti di natura formativa (2-a, 2-b, 2-c).

In italiano, in inglese e in francese, infine, tre schede tecniche sulle mascherine.

 

 

03 Aprile 2020

Agenda »

Sabato 24 Ottobre 2020
LUN 19
MAR 20
MER 21
GIO 22
VEN 23
SAB 24
DOM 25
LUN 26
MAR 27
MER 28
GIO 29
VEN 30
SAB 31
DOM 01
LUN 02
MAR 03
MER 04
GIO 05
VEN 06
SAB 07
DOM 08
LUN 09
MAR 10
MER 11
GIO 12
VEN 13
SAB 14
DOM 15
LUN 16
MAR 17
Vista l´importanza dell´argomento e la disponibilità dei relatori è stato possibile recuperare  in modalità Webinar l´iniziativa che il Centro Studi per la Scuola Cattolica aveva organizzato lo scorso febbraio, annullato per via dell´emergenza sanitaria.Il programma della giornata sarà concentrato nell´arco della sola mattinata di Sabato 24 ottobre 2020 dalle ore 09,30 alle ore 12,30