20 luglio 2017

Sant'Apollinare
HomeNomineA Saluzzo è nominato Vescovo mons. Cristiano Bodo

A Saluzzo è nominato Vescovo mons. Cristiano Bodo

17 dicembre 2016

Saluzzo
SALUZZO

Il Papa ha nominato Vescovo della diocesi di Saluzzo il Rev.do Mons. Cristiano Bodo, del clero dell’arcidiocesi di Vercelli, finora Parroco, Vicario Episcopale per la Pastorale e Moderatore della Curia della medesima arcidiocesi.
Il Rev.do Mons. Cristiano Bodo è nato a Vercelli il 30 luglio 1968. A 12 anni di età è entrato nel Seminario Minore; nel 1993 ha concluso gli studi con il Baccalaureato; è licenziato in Teologia alla Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale di Padova; nel 2014 ha conseguito il Dottorato in Teologia con una tesi sul Diaconato permanente. È stato ordinato sacerdote il 29 maggio 1993. Ha svolto i seguenti incarichi: Segretario particolare di S.E. Mons. Mensa e in seguito dell’allora Arcivescovo Bertone dal 1991 al 1995; dal 1993 al 1999 Parroco alla SS. Annunziata di Motta dei Conti (VC); dal 1994 al 1996 Amministratore della parrocchia S. Antonio al rione Isola di Vercelli; dal 1996 al 1999 Parroco a S. Maria delle Grazie di Candia Lomellina (PV) e Rettore delle parrocchie di Terrasa (PV) e Mantie (VC); dal 1996 al 1999 Vice Rettore del Seminario Maggiore di Vercelli, Direttore del Centro Diocesano Vocazioni, Responsabile dei Ministranti dell’arcidiocesi. Dal 1998 al 1999 Amministratore parrocchiale di Cozzo Lomellina (PV); Vicario Generale della diocesi di Vercelli dal 2007 al 2015; Membro della Segreteria Regionale per la Pastorale Vocazionale del Piemonte dal 1998; Direttore dell’Ufficio Preadolescenti e dei Fanciulli di Vercelli dal 1999; Parroco della parrocchia B.V. Assunta nel rione Cappuccini (3000 abitanti) dal 1999; dal 2000 Assistente Ecclesiastico diocesano della FUCI; Cappellano del Comitato Manifestazioni di Vercelli; Delegato Arcivescovile per la pastorale giovanile; dal 2001 Assistente diocesano dell’ANSPI; dal 2002 Delegato Arcivescovile per il mondo dello Sport (CONI), Consulente Episcopale C.S.I., e Delegato Episcopale per la Pastorale Universitaria; dal 2003 Responsabile Diocesano progetto culturale (CEI) e Assistente Spirituale U.S. Vercelli Calcio; dal 2005 Vicario Episcopale per il mondo giovanile; dal 2007 Prelato d’Onore di Sua Santità; dal 2015 Vicario Episcopale per la Pastorale.
Inoltre, egli è Membro del Consiglio Pastorale e Presbiterale dell’arcidiocesi; Coordinatore Economico Diocesano, Moderatore della Curia e Incaricato dei Beni Culturali Ecclesiastici.
È autore di diverse pubblicazioni di carattere pastorale e catechetico.

Agenda »

Giovedì 20 Luglio 2017
LUN 17
MAR 18
MER 19
GIO 20
VEN 21
SAB 22
DOM 23
LUN 24
MAR 25
MER 26
GIO 27
VEN 28
SAB 29
DOM 30
LUN 31
MAR 01
MER 02
GIO 03
VEN 04
SAB 05
DOM 06
LUN 07
MAR 08
MER 09
GIO 10
VEN 11
SAB 12
DOM 13
LUN 14
MAR 15
Si svolgeranno dal 9 al 22 luglio 2017 a La Thuile, il Master in Scienze del Matrimonio e della Famiglia e il Diploma in Pastorale Familiare.Due differenti livelli di studio:Il Master che è un vero e proprio corso post–universitario prevede di aver conseguito in precedenza una laurea breve, e richiede, nei tre anni, oltre che seguire le lezioni nella settimana in primavera e nelle due settimane estive, di svolgere a Roma gli esami previsti. Inoltre, come avviene in un Master sono previste 36 ore di stage da vivere al servizio della propria Chiesa locale in accordo con l’Ufficio diocesano in un settore pastorale specifico (educazione e formazione, accompagnamento dei fidanzati o giovani sposi, situazioni familiari difficili, o altro). È una preparazione intensa che offre una formazione di eccellenza.Il Diploma prevede di aver conseguito in precedenza un diploma di scuola superiore e richiede di seguire le lezioni per tre anni nelle due settimane estive, senza dover sostenere esami, tranne quello finale in cui si presenta una tesina su un tema specifico della pastorale familiare. È una buona preparazione di base.L’intento di questi itinerari di formazione è quello di preparare coppie di sposi, sacerdoti, religiosi e religiose che, attenti alle periferie esistenziali dell’uomo, sappiano adeguatamente cogliere le sfide pastorali sulla famiglia nel contesto dell’evangelizzazione in un intreccio virtuoso fra luce teologica, passione pastorale, condivisione fraterna, e animazione dei figli:• luce teologica: sotto la preziosa guida dei docenti dell’Istituto Giovanni Paolo II si vive un’esperienza di intensa formazione teologica specifica su vari aspetti riguardanti la coppia e la famiglia.• passione pastorale: questo Ufficio Nazionale cura le linee pastorali con laboratori e occasioni di scambio e di fecondo confronto, insieme a sperimentazioni di progettualità pastorale inerenti la coppia, la famiglia, e l’educazione.• condivisione fraterna: un’opportunità per godere anche di un periodo di riposo, in luoghi splendidi, e di profonda condivisione fraterna fra persone che sono legate insieme da un’alta passione per la verità.• animazione dei figli: usufruendo della competente Equipe di “Animatema di famiglia” i figli delle coppie di sposi partecipanti, divisi per fasce di età, sono chiamati a vivere un percorso di animazione specifico sulle stesse tematiche affrontate dai docenti per i loro genitori. Con i momenti di con­vivialità e animazione, entrano poi in uno stretto e familiare rapporto con i sacerdoti, i religiosi e le religiose iscritti al corso, sperimentando da vicino la vitalità delle varie vocazioni presenti nella Chiesa.
Ufficio Catechistico Nazionale XXIII Corso per animatori biblici
XXIII Corso di formazione per animatori biblici organizzato ad Assisi, dal settore UCN per l´Apostolato Biblico, della Conferenza Episcopale Italiana.
Il 3° Seminario estivo per direttori degli Uffici diocesani di pastorale sociale, che si svolgerà dal mercoledì 19 al sabato 22 luglio 2017 (con possibilità di arrivare la sera 18/7) presso il Grand Hotel Lamezia, Piazza Lamezia – Lamezia Terme CZ.Il Seminario è una proposta qualificata dell’Ufficio Nazionale per i problemi sociali e il lavoro, giustizia e pace, custodia del creato, frutto maturo di un confronto avviato due anni e mezzo fa tra l’Ufficio stesso, alcuni direttori diocesani ed esperti dei nostri ambiti di studio.Si tratta di una iniziativa che nasce dall’avvertita esigenza di rinnovamento e rilancio della pastorale sociale in Italia, anche alla luce del magistero pastorale di Papa Francesco, che sta invitando con forza tutta la Chiesa ad rinvigorire la propria vocazione missionaria e a rinnovare l’impegno di annuncio del Vangelo anche nella sua dimensione sociale (cf., Evangelii gaudium).