Notizie

20 luglio 2017

Sant'Apollinare
HomeNotizieCome il Samaritano
Salute

Come il Samaritano

Com’è cambiata la domanda di sanità in Italia e quale l’indirizzo pastorale consegnato da papa Francesco. Si parte di qui per fare il punto sull’assistenza della Chiesa agli ammalati, nel convegno annuale promosso all’Ufficio Nazionale per la pastorale sanitaria, quest’anno nel 25° anniversario dell’istituzione della Giornata mondiale del malato, voluta da san Giovanni Paolo II. Oltre 250 persone da tutte le regioni (direttori degli Uffici e operatori della pastorale) si ritrovano a Bologna dall’8 al 10 maggio. Tema: “Come il Samaritano. Dall’intuizione di san Giovanni Paolo II alla pastorale della salute”.
«Sono 25 anni che san Giovanni Paolo II ci ha detto che prendersi cura dei malati significa prendersi cura della famiglia, degli operatori sanitari, degli ammalati che sono a casa, dei temi etici, della promozione della cultura della vita: insomma, di tutto il territorio» ha detto don Carmine Arice, direttore dell’Ufficio Nazionale per la pastorale della salute. «Un’attenzione che è stata sottolineata passando dalla dicitura “pastorale dei malati” a “pastorale della salute”. Ora vogliamo fare il punto della situazione, per capire come rispondere oggi. E per farlo dobbiamo capire come sono cambiate domanda e offerta sanitaria. Per esempio è evidente una disparità di accesso alle cure sul territorio nazionale che non può non interrogarci: al sud c’è una mancanza di strutture sanitarie non solo idonee ma talvolta necessarie per curare le persone malate».
Proprio su questo si è concentrato l’intervento di Silvio Brusaferro, ordinario di Igiene generale ed applicata all’Università degli studi di Udine. «L’aspetto più critico nel nostro Paese è la differenza tra le sue aree. Abbiamo delle punte d’eccellenza dove la qualità della risposta è ottima o quanto meno viene perseguita, mentre in altre aree questo è più difficile. Sono quindi gli anelli più deboli che vanno rinforzati». Secondo Brusaferro, un altro cambiamento evidente della sanità riguarda la popolazione, oggi sempre più vecchia: «e questo pone problemi in termini di salute, ma anche di reti capaci di supportare queste persone più fragili».
Attenzione particolare è stata data al tema della gestione economica delle strutture sanitarie, alla luce degli sprechi registrati negli anni, ma anche dei continui tagli, a volte solo lineari, cui è esposto il settore. «È un atto di amore prendersi cura della gestione economica della sanità, perché assicura che la struttura possa continuare ad operare negli anni» ha esordito suor Alessandra Smerilli, professoressa aggiunta di Economia politica all’Università Auxilium di Roma. «Gli obiettivi dell’efficienza e dell’efficacia devono però sempre stare insieme. Efficienza, nel senso che occorre non sprecare le risorse. Efficienza perché gli obiettivi devono essere raggiunti in modo giusto e in modo equo, per tutti. Non si deve cadere nell’ideologia dell’efficienza a tutti i costi. Nelle operazioni di razionalizzazione dei costi, come l’istituzione della centrale unica degli acquisti, si va nella direzione giusta nel momento in cui queste misure che aiutano a non sprecare lasciano la libertà a medici e operatori di fare le scelte che ritengono più giuste per i pazienti. Quando non c’è più libertà di scelta le persone si demotivano e i costi finiscono con l’alzarsi perché non vengono fatte le cose bene».
Il cardinale Francesco Montenegro, vescovo di Agrigento e presidente della Commissione episcopale per il servizio della carità e della salute, ha invece ripercorso i punti principali del discorso tenuto da papa Francesco il 10 febbraio, in occasione dell’udienza ai partecipanti all’incontro promosso dalla Commissione carità e salute della Cei. Nell’occasione Bergoglio parlò di «cultura dello spreco» che proprio nella sanità produce le sue più terribili conseguenze. E raccomandò di difendere sempre «l’inviolabile dignità dell’uomo dal momento del suo concepimento».

Michela Conficconi (da Avvenire del 9 maggio 2017)

09 maggio 2017

Agenda »

Giovedì 20 Luglio 2017
LUN 17
MAR 18
MER 19
GIO 20
VEN 21
SAB 22
DOM 23
LUN 24
MAR 25
MER 26
GIO 27
VEN 28
SAB 29
DOM 30
LUN 31
MAR 01
MER 02
GIO 03
VEN 04
SAB 05
DOM 06
LUN 07
MAR 08
MER 09
GIO 10
VEN 11
SAB 12
DOM 13
LUN 14
MAR 15
Si svolgeranno dal 9 al 22 luglio 2017 a La Thuile, il Master in Scienze del Matrimonio e della Famiglia e il Diploma in Pastorale Familiare.Due differenti livelli di studio:Il Master che è un vero e proprio corso post–universitario prevede di aver conseguito in precedenza una laurea breve, e richiede, nei tre anni, oltre che seguire le lezioni nella settimana in primavera e nelle due settimane estive, di svolgere a Roma gli esami previsti. Inoltre, come avviene in un Master sono previste 36 ore di stage da vivere al servizio della propria Chiesa locale in accordo con l’Ufficio diocesano in un settore pastorale specifico (educazione e formazione, accompagnamento dei fidanzati o giovani sposi, situazioni familiari difficili, o altro). È una preparazione intensa che offre una formazione di eccellenza.Il Diploma prevede di aver conseguito in precedenza un diploma di scuola superiore e richiede di seguire le lezioni per tre anni nelle due settimane estive, senza dover sostenere esami, tranne quello finale in cui si presenta una tesina su un tema specifico della pastorale familiare. È una buona preparazione di base.L’intento di questi itinerari di formazione è quello di preparare coppie di sposi, sacerdoti, religiosi e religiose che, attenti alle periferie esistenziali dell’uomo, sappiano adeguatamente cogliere le sfide pastorali sulla famiglia nel contesto dell’evangelizzazione in un intreccio virtuoso fra luce teologica, passione pastorale, condivisione fraterna, e animazione dei figli:• luce teologica: sotto la preziosa guida dei docenti dell’Istituto Giovanni Paolo II si vive un’esperienza di intensa formazione teologica specifica su vari aspetti riguardanti la coppia e la famiglia.• passione pastorale: questo Ufficio Nazionale cura le linee pastorali con laboratori e occasioni di scambio e di fecondo confronto, insieme a sperimentazioni di progettualità pastorale inerenti la coppia, la famiglia, e l’educazione.• condivisione fraterna: un’opportunità per godere anche di un periodo di riposo, in luoghi splendidi, e di profonda condivisione fraterna fra persone che sono legate insieme da un’alta passione per la verità.• animazione dei figli: usufruendo della competente Equipe di “Animatema di famiglia” i figli delle coppie di sposi partecipanti, divisi per fasce di età, sono chiamati a vivere un percorso di animazione specifico sulle stesse tematiche affrontate dai docenti per i loro genitori. Con i momenti di con­vivialità e animazione, entrano poi in uno stretto e familiare rapporto con i sacerdoti, i religiosi e le religiose iscritti al corso, sperimentando da vicino la vitalità delle varie vocazioni presenti nella Chiesa.
Ufficio Catechistico Nazionale XXIII Corso per animatori biblici
XXIII Corso di formazione per animatori biblici organizzato ad Assisi, dal settore UCN per l´Apostolato Biblico, della Conferenza Episcopale Italiana.
Il 3° Seminario estivo per direttori degli Uffici diocesani di pastorale sociale, che si svolgerà dal mercoledì 19 al sabato 22 luglio 2017 (con possibilità di arrivare la sera 18/7) presso il Grand Hotel Lamezia, Piazza Lamezia – Lamezia Terme CZ.Il Seminario è una proposta qualificata dell’Ufficio Nazionale per i problemi sociali e il lavoro, giustizia e pace, custodia del creato, frutto maturo di un confronto avviato due anni e mezzo fa tra l’Ufficio stesso, alcuni direttori diocesani ed esperti dei nostri ambiti di studio.Si tratta di una iniziativa che nasce dall’avvertita esigenza di rinnovamento e rilancio della pastorale sociale in Italia, anche alla luce del magistero pastorale di Papa Francesco, che sta invitando con forza tutta la Chiesa ad rinvigorire la propria vocazione missionaria e a rinnovare l’impegno di annuncio del Vangelo anche nella sua dimensione sociale (cf., Evangelii gaudium).