Versione Accessibile | Versione Mobile | Siti segnalatiArea stampa  |  Rassegna stampa  |  Info e servizi
ricerca nel sito  
Mercoledì 20 Agosto 2014
San Bernardo, abate e dottore della Chiesa
Bibbia CEI - Il testo sacro in rete
 
Liturgia del giorno
SAN BERNARDO, abate e dottore dell Chiesa - Memoria
Colore liturgico: Bianco
Dulbecco F.
olio su tela
Albenga - Imperia
20/08/2014
In evidenza
» TUTTE LE NEWS   |   » TUTTE LE INIZIATIVE   |   condividi
“Celebriamo l’Assunta associando al corpo glorificato di Maria il corpo sfigurato dalla fame, straziato dalla violenza, umiliato in fondo ai nostri mari e crocifisso nella storia di chi ha l’unica colpa di essere cristiano, come in Iraq, in Nigeria e in Siria, dove è in atto una vera e propria Shoa cristiana”.
Nella Giornata di preghiera indetta dalla Cei per le centinaia di migliaia di cristiani perseguitati, Mons. Galantino firma l’editoriale di Avvenire: chiede “una festa dell’Assunta un po’ diversa”, che impedisca di voltarsi dall’altra parte”.
“Prendersi cura del popolo di Dio è uno dei compiti specificamente affidati al Vescovo”, Papa Francesco lo declina ai Vescovi della Corea, riuniti a Seul, secondo una duplice valenza: 
“essere custodi della memoria” – eredità di martiri e di una straordinaria tradizione di fedeltà al Vangelo da parte di generazioni di laici – e custodi della speranza”, che “siamo invitati a
proclamare ad un mondo che, malgrado la sua prosperità materiale, cerca qualcosa di più”.
Ecco la copertura del viaggio assicurata dai media della Conferenza Episcopale Italiana.
“Un autentico Calvario accomuna i battezzati in Paesi come Iraq e Nigeria, dove sono marchiati per la loro fede e fatti oggetto di attacchi continui da parte di gruppi terroristici; scacciati dalle loro case ed esposti a minacce, vessazioni e violenze, conoscono l’umiliazione gratuita dell’emarginazione e dell’esilio fino alluccisione. A fronte di un simile attacco alle fondamenta della civiltà, della dignità umana e dei suoi diritti, noi non possiamo tacere”. È un appello molto duro quello che la Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana rivolge all’Europa; un appello che si traduce nell’indizione di una giornata di preghiera per il 15 agosto.
“Ci lasciano increduli e sgomenti le notizie giunte dall’Iraq. Tutto questo offende gravemente Dio e offende gravemente l’umanità”, ha detto Papa Francesco all’Angelus di domenica 10 agosto. “Piena disponibilità delle diocesi italiane ad accogliere i perseguitati che eventualmente lasciassero l’Iraq”: così il Card. Angelo Bagnasco in un’intervista al Corriere della Sera di venerdì 8 agosto. All’accoglienza si aggiunge la carità immediata, con la “disposizione di un primo intervento di natura economica per un milione di euro per le immediate necessità”. E il 15 agosto si pregherà in tutte le chiese italiane.
Nonostante le ripetute richieste di fermare le armi, in Terra Santa prosegue il conflitto. “Centinaia di migliaia di famiglie vivono alla giornata - afferma padre Raed, direttore di Caritas Gerusalemme - quasi 90.000 persone hanno abbandonato le loro case a seguito dei bombardamenti e non possono vivere senza aiuti esterni”.
L’appello e la condivisione di Caritas Italiana.
scegli la Regione
scegli la Diocesi
Papa Francesco all'Assemblea Generale
CHIUSURA ESTIVA
Nel periodo della chiusura estiva (dall’11 al 24 agosto) sarà consentito l'accesso alla sede di Circonvallazione Aurelia n. 50, per la consegna della corrispondenza e di altri materiali, secondo il seguente orario:
- da lunedì 11 a giovedì 14 agosto, ore 8-13
- da lunedì 18 a venerdì 22 agosto, ore 8-13
La sede di via Aurelia n. 468 resterà chiusa.
 
convegno ecclesiale 2015
Educat
Orientamenti pastorali
Inserisci i widget di chiesacattolica sul tuo sito
APP Bibbia CEI
Le ricerche, i testi di Bibbiaedu sul tuo sito
-
05/10/2009
05/10/2009
  » Tutti i siti